Spazio trasparente.
 
Come capire a quale errore si riferiscono in caso di service i led accesi di una lavatrice Whirlpool.
 
Foto articolo.
Abbiamo visto in un precedente articolo a cosa si riferiscono i codici di errore riportati sul display delle lavatrici di marca Whirlpool, rientrano anche quelli delle lavatrici Ignis, trattandosi dello stesso produttore. In quei casi i codici sono segnalati sul display e pertanto è sufficiente leggere a cosa si riferisce quel codice alfanumerico, per restringere il campo sul potenziale difetto esistente.

La cosa cambia però in presenza di lavatrici senza il display digitale, ma dotato di soli led. Anche in questi casi il guasto viene rimandato con dei led accesi, tra cui quello del service, di colore rosso, che ci indica che la macchina non funziona più e ci invita a contattare il centro assistenza autorizzato.

Difatti gli errori vengono restituiti con una alternanza di led accesi, che nello specifico si riferiscono ad un errore, ma se non sappiamo la tabella di corrispondenza, che ora andremo a vedere, non potremmo mai stabilirlo.

A titolo di esempio riportiamo un display con indicazione di un service, possiamo quindi notare 6 spie accese, di queste in realtà ce ne interessano solo 4 e più in generale dobbiamo precisare che le spie che possono segnalare l’errore sono 5, ovvero quelle che indicano: prelavaggio, lavaggio, risciacquo, anti piega e centrifuga scarico. I 5 led, potrebbero anche riportare delle indicazioni differenti ma al di là di questo sono sempre loro 5 il riferimento.

Nel dettaglio il nostro pannello deve essere letto in base allo schema riportato di seguito, notiamo che su questo modello, la dicitura anti piega non c’è, ma fa lo stesso. Pertanto il primo led vale 16, il secondo 8, il terzo 4, il quarto 2 ed il quinto vale 1.

Quindi per tornare all’esempio precedente, dove abbiamo accesi i led 1,3,4 e 5, ed essendo ora a conoscenza dei relativi valori corrispondenti, avremmo 16+4+2+1= 23, quindi errore F23.

Di seguito la lista degli errori:

F01 o FH: indica che l’acqua non sta entrando nella lavatrice. Quindi la prima cosa da verificare è se il rubinetto è aperto e successivamente l’elettrovalvola, quindi i filtri sul tubo, il pressostato e la camera di compressione;

F02 o FA: questo errore si può riscontrare sui modelli dotati di sistema acquastop, quindi c’è da verificare per l’appunto l’attivazione del sistema;

F03 o FP: c’è un problema allo scarico dell’acqua, le cose da controllare sono il tubo di scarico, il filtro, la pompa di scarico, il pressostato e la camera di compressione;

F04: è l’indicazione generica di un problema nel riscaldamento dell’acqua, nel dettaglio può fare riferimento all’errore F5 o F8;

F05: problema al sensore di temperatura dell’acqua, è quello posizionato all’interno della resistenza elettrica. Il valore deve essere di 10 ohm a 30°C e di 5 hom a 50°C. Verificare anche che lo spinotto sia ben inserito e che i fili non siano interrotti;

F06: è uno degli errori più comuni, è riguarda il fermo del motore, difatti questi non gira più. Le cause più comuni sono da ricondurre alle spazzole consumate, ma potrebbe anche essere il motore rotto, un difetto alla tachimetrica o problemi relativi ai cablaggi;

F07: il motore gira una corretta regolamentazione, per capirci va un po’ per i fatti suoi, in questo  caso si tratta di un problema elettronico della scheda, che va controllata, quindi l’intero modulo ed il triac relativo a questo componente;

F08: rileva un difetto alla resistenza di riscaldamento dell’acqua, che per essere funzionante deve riportare un valore in ohm di circa 25;

F09: il livello dell’acqua all’interno del cesto è troppo elevato, va controllata la camera di compressione ed il pressostato;

F10/F17/F22/F25: è un codice non sempre utilizzato;

F11: riguarda la scheda elettronica, che ha difficoltà nella comunicazione dei dati, qui c’è da verificare se c’è qualche componente saltato o sostituirla;

F12: è simile all’errore F08;

F13: difetto alla chiusura dell’oblò, verificare il bloccoporta, i cavi e la scheda;

F14: il processore della scheda ha subito una perdita di dati ed è necessario, se possibile una nuova programmazione;

F15: sensore sul tamburo guasto, verificare la presenza del magnete sulla puleggia;

F16/F18/F20/F21: anomalia elettronica generica, c’è da verificare la parte elettrica e la scheda;

F19: questo errore riguarda l’alimentazione elettrica della lavatrice, che deve essere alimentata con 230 volt, quindi eventuali sbalzi potrebbero restituire il difetto;

F23/F24: il livello dell’acqua è molto alto, carica sempre acqua. Verificare camera di compressione, pressostato, scheda elettronica;

F26: la lavatrice scarica sempre acqua, controllare pressostato, pompa di scarico, scheda elettronica.

Pubblicato: venerdì 9 dicembre 2016

 
articoli sul tema:
 
 
 
spazio
Articoli correlati
   
Spazio trasparente.
Nella lavatrice il termostato ha la funzione di far staccare la resistenza elettrica di riscaldamento, non appena l’acqua di lavaggio raggiunge la temperatura necessaria al ciclo impostato.

Pubblicato:
mercoledì 1 giugno 2016
 
   
Spazio trasparente.
Durante il normale funzionamento della lavatrice, monitorandolo ci possiamo accorgere che non viene scaricata l’acqua del lavaggio, oppure possiamo trovarci nella condizione di aver impostato un ciclo ed allontanandoci per fare altre cose, alla verifica, quando il programma dovrebbe essere terminato, di trovare ancora tutta l’acqua al suo interno.

Pubblicato:
giovedì 10 marzo 2016
 
   
Spazio trasparente.
Il termine low cost, letteralmente basso costo, si è consolidato anche nel mondo degli elettrodomestici, difatti si sente spesso parlare e ancor di più, si va alla ricerca di questi modelli, attratti dal desiderio e soprattutto dalla necessità di risparmiare.

Pubblicato:
martedì 27 ottobre 2015
 
   
Spazio trasparente.
Può capitare di caricare i tessuti da lavare nella lavatrice, impostare il programma di lavaggio, attendere alcuni minuti e constatare che il lavaggio non inizia. Che sarà mai successo? È sempre andata bene!!

Pubblicato:
lunedì 19 ottobre 2015
 
   
Spazio trasparente.
Uno delle caratteristiche più importanti, se non quella che condiziona maggiormente l’acquisto di una lavatrice è la portata del cestello, ovvero la quantità di indumenti che è in grado di contenere e di lavare.

Pubblicato:
mercoledì 30 settembre 2015
 
   
Spazio trasparente.
Nel momento in cui si verifica un funzionamento non corretto, che può essere generato da un guasto ad una componente della lavatrice, piuttosto che da una anomalia di diversa natura, l’elettrodomestico ci viene incontro restituendo dei segnali e più comunemente dei codici, che sono evidenziati sul display, che ci consentono di identificare il pezzo che non sta funzionando correttamente o comunque di capire cosa non va nel processo del lavaggio.

Pubblicato:
giovedì 24 settembre 2015
 
   
Spazio trasparente.
Tra le anomalie di funzionamento di una lavatrice o lavasciuga, sicuramente è molta diffusa quella che, una volta impostato il ciclo di lavaggio, non si assiste all’inizio del processo di caricamento dell’acqua, ma al lampeggiare continuo dei led, su molti modelli, o all’accensione di specifiche spie, su altri, con il conseguente non inizio e fermo del processo di lavaggio.

Pubblicato:
martedì 26 maggio 2015
 
   
Spazio trasparente.
Quando durante la fase del lavaggio di una lavatrice o di una lavasciuga l’acqua non viene riscaldata, il motivo è da ricondursi al non funzionamento della resistenza elettrica di riscaldamento, ovviamente le motivazione che la inducono a non funzionare possono essere di diversa natura, sia elettriche che elettroniche, ma in molti altri casi è proprio l’intero elemento che non va e pertanto deve essere sostituito.

Pubblicato:
martedì 19 maggio 2015
 
   
Spazio trasparente.
Il tubo di scarico delle lavatrice o lavastoviglie è il condotto attraverso il quale l’acqua, che non serve più al lavaggio, viene condotta all’esterno della vasca ed eliminata attraverso lo scarico.

Pubblicato:
mercoledì 6 maggio 2015
 
   
Spazio trasparente.
Il contenitore del detersivo è diviso in tre scomparti, uno dedicato al detersivo per la fase del prelavaggio, uno per il lavaggio ed il terzo per l’ammorbidente. In alcuni modelli c’è un quarto e più piccolo scomparto destinato a contenere la candeggina, anche se è sempre meno presente.

Pubblicato:
giovedì 20 novembre 2014
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea
 
Torna su