Spazio trasparente.
 
I passaggi per sistemare la cinghia della lavatrice e verificare la sua tenuta.
 
Foto articolo.
Una anomalia nel funzionamento della lavatrice che è possibile che si verifichi e che comunque possiamo, se abbiamo un minimo di manualità, risolvere da soli, è quella della cinghia saltata.

In effetti un intervento molto semplice, che però è opportuno identificare se lo si vuole risolvere. Si perché in talune circostanze no ci si rende conto che si tratta della cinghia.

Prima di andare avanti e capire dai sintomi quando è saltata, stabiliamo che si trova dietro la lavatrice ed è accessibile solo smontando il pannello posteriore. È formata da un materiale misto tra resine di plastica ed in alcuni casi filamenti, che la tengono insieme. La cinghia è l’anello di congiunzione tra l’asse del motore e la puleggia, la rotazione del motore ne attiva il movimento, che a sua volta fa girare il cestello.

Capire che la cinghia della lavatrice è saltata è molto semplice, difatti lo si può presupporre nel momento in cui il cestello della lavatrice resta immobile, non gira più, da non confondere con il consumo delle spazzole. Per essere più precisi se è saltata, dobbiamo notare che il cestello resto fermo e tendendo le orecchie dobbiamo sentire il rumore del motore che gira. In alcuni casi la elevata silenziosità non ci consente di avvertirlo chiaramente, allora in questi casi possiamo impostare una centrifuga, in modo da avere una rotazione più veloce e di solito una maggiore percezione del suo funzionamento, rumore. In ogni caso, per renderse conto immediatamente possiamo smontare il pannello di chiusura dietro la lavatrice, avremo così a vista la cinghia.

Appurato che la cinghia è saltata, basta solo rimetterla al suo posto e la lavatrice tornerà a funzionare. Prima di vedere come sistemarla è opportuno fare delle considerazioni, sul fatto che la cinghia si sia sganciata, si perché se questo è avvenuto un motivo senz’altro c’è ed è da considerare per prendere le dovute precauzioni.

Semplicemente con il passare del tempo la cinghia ha subito una leggera cessione, quindi ha preso qualche millimetro in più è quindi diventata troppo “grande” e si sgancia. L’asse del motore o la puleggia hanno subito dei piccoli spostamenti, precursori di un difetto più grande che deve eseguire e la cinghia diventa “grande”.

Se la cinghia si è allentata, chiaramente ad occhio non ci possiamo accorgere che questo è avvenuto, ci conviene riposizionarla. Quindi la fissiamo sull’asse del motore e poi per la parte che si allinea da destra verso sinistra sulla puleggia. A questo punto tenendola bloccata nella parte superiore della puleggia, giriamo la stessa verso sinistra, ci sarà una leggera resistenza a girare, e facendo attenzioni alle mani, ruotiamola fino a quando non si è inserita correttamente.

Senza chiudere il dietro della lavatrice facciamo un lavaggio completo e vediamo se resta al suo posto correttamente, se questo non avviene significa che dobbiamo sostituire la cinghia. Per avere un riferimento possiamo notare che su di essa sono segnati dei numerini, che ne indicano la misura, con questi dati possiamo acquistarne una sostitutiva, anche se può variare nei colori o alcune volte in larghezza. È importante però che la stessa segua la rifinitura interna, difatti ci sono dei modelli lisci ed altri definiti millerighe, queste sono diverse in quanto la loro presa sull’asse e puleggia su cui si fissano è diversa. Ci sono su alcuni modelli di lavatrice più vecchie delle cinghie che hanno una forma quadrata, tale da inserirsi in un incavo sull’asse del motore e sulla puleggia.

Pubblicato: martedì 13 dicembre 2016

articoli sul tema:
 
 
spazio
Articoli correlati
   
Spazio trasparente.
Con l’entrata in vigore della nuova regolamentazione energetica per la lavatrice, i produttori hanno l’obbligo di dichiarare a catalogo, non solo il consumo complessivo, indicato in modo molto chiaro sull’energy label, e che si riferisce al lavaggio di un carico pieno di cotone a 60°C, ma anche i risultati dei consumi in altre condizioni.

Pubblicato:
mercoledì 4 settembre 2013
 
   
Spazio trasparente.
Presente in tutte le case, la lavatrice è un elettrodomestico che in alcuni casi risulta sconosciuto, nel senso che, sappiamo esattamente a cosa serve, ma non tutti i membri della famiglia sanno utilizzarlo. Ci troviamo pertanto, in alcuni casi, a dover impostare un ciclo di lavaggio e non sapere assolutamente da dove iniziare.

Pubblicato:
domenica 18 novembre 2012
 
   
Spazio trasparente.
Il nemico numero uno per la lavatrice, ma questo vale anche per la lavastoviglie, ed in generale per tutti gli elettrodomestici che vengono a contatto con l’acqua, è il calcare, che inesorabilmente dai primi utilizzi dell’apparecchio inizia la sua azione di deposito su alcuni componenti.

Pubblicato:
mercoledì 23 settembre 2015
 
   
Spazio trasparente.
La scelta di una lavatrice è divenuta nel corso di questi ultimi anni un po’ più impegnativa di quanto non accadeva per il passato, dove non c’erano molte delle caratteristiche e prestazioni che le lavatrici di oggi propongono.

Pubblicato:
mercoledì 26 gennaio 2011
 
   
Spazio trasparente.
Quando durante la fase del lavaggio di una lavatrice o di una lavasciuga l’acqua non viene riscaldata, il motivo è da ricondursi al non funzionamento della resistenza elettrica di riscaldamento, ovviamente le motivazione che la inducono a non funzionare possono essere di diversa natura, sia elettriche che elettroniche, ma in molti altri casi è proprio l’intero elemento che non va e pertanto deve essere sostituito.

Pubblicato:
martedì 19 maggio 2015
 
   
Spazio trasparente.
Non capita molto spesso, ma è un guasto che si può presentare improvvisamente alla nostra lavatrice, che fino a poco prima funzionava perfettamente ed improvvisamente quando viene impostata la centrifuga o è il momento che questa entri in funzione, la vediamo rallentata.

Pubblicato:
domenica 6 novembre 2016
 
   
Spazio trasparente.
Il 20 dicembre del 2011 è scattato l’obbligo per il produttore di fornire ogni lavatrice della nuova etichettatura energetica. La normativa comunque consente al venditore di continuare a vendere, anche le lavatrici con la vecchia etichettatura, fino al loro esaurimento.

Pubblicato:
mercoledì 10 aprile 2013
 
   
Spazio trasparente.
Il processo di lavaggio di una lavatrice segue una serie di fasi che si susseguono e che possiamo riassumere, sintetizzando, nel caricamento dell’acqua, le diverse fasi di risciacquo, dove, a seconda del modello, ci possono essere differenti rotazioni del cestello e centrifughe intermedie, lo scarico dell’acqua e la centrifuga conclusiva, se non esclusa, che termina il processo.

Pubblicato:
giovedì 15 ottobre 2015
 
   
Spazio trasparente.
Originariamente la lavatrice aveva una misura vicina ad uno standard di 60 cm di profondità, nel corso del tempo, con il cambiare delle esigenze, degli spazi in casa e con la necessità di dover integrare in modo armonioso la lavatrice in un contesto d’arredo, si sono diffuse lavatrici con profondità ridotte, in questo caso parliamo di misure che vanno dai 40 cm fino ai 45 cm, e con una conformazione estetica molto gradevole.

Pubblicato:
mercoledì 30 maggio 2012
 
   
Spazio trasparente.
Le anomalie di funzionamento delle lavatrici Hotpoint Ariston, vengono indicate sul display con delle sigle, dei codici, che iniziano nella maggior parte dei casi con la lettere F, seguita da un numero. Ad ognuno di questi codici corrisponde una anomalia, che indica qual è la causa o le cause che l’hanno originata.

Pubblicato:
mercoledì 21 maggio 2014
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su