Spazio trasparente.
 

Analizziamo nel dettaglio come si articola la garanzia legale della Rowenta

 
Marche.
I piccoli elettrodomestici del marchio Rowenta sono garantiti per un periodo di 24 mesi, che decorre dal momento in cui viene effettuato l’acquisto al termine dello stesso. Per poter usufruire della garanzia bisogna essere in possesso della prova d’acquisto, scontrino fiscale o altro documento, pena la decadenza al diritto alla garanzia.

Per tutto questo periodo, eventuali malfunzionamenti e riparazioni sono a carico del produttore, che si impegna a ripararle senza nessun costo per il consumatore e, in caso di non riparabilità a sostituire l’elettrodomestico con uno stesso modello nuovo o, se non disponibile, con un modello simile di pari caratteristiche.

In caso di difetto le strade perseguibili per il consumatore sono tre: consegnare il prodotto al rivenditore, questo provvederà ad inviarlo presso i canali indicati dal produttore per la riparazione: portarlo direttamente al centro assistenza autorizzato di zona o spedirlo alla Rowenta.

Nel momento in cui il prodotto viene consegnato al rivenditore, presso il quale è stato acquistato, è importante verificare insieme a questi, che non presenti danni estetici o se esistenti indicarli, e nel complesso specificare il suo stato generale di usura, questo per poter eventualmente contestare danni provocati durante la successiva movimentazione. È importante in questa fase disporre possibilmente dell’imballo originale o di un imballo adeguato per mantenere la sua integrità ed agevolare le operazioni del suo ritiro. Il rivenditore rilascerà una ricevuta attestante la sua presa in consegna ed in taluni casi i tempi previsti per la riparazione.

Termini di garanzia.

Per saltare un passaggio e velocizzare i tempi, in caso di vicinanza alla propria residenza, del centro assistenza tecnico autorizzato, si può portare l’elettrodomestico direttamente al centro. Da questa pagina è possibile inserendo il proprio cap identificare il centro a se più vicino.

Per la spedizione, più dei due casi precedenti, è di fondamentale importanza che il prodotto sia imballato in modo corretto, i danni da trasporto non sono coperti da garanzia, ed è ancora meglio che sia inserito nel suo imballo originale, in modo tale che in caso di ipotetiche sostituzioni il cambio possa avvenire senza nessun intoppo.

La garanzia copre tutti i difetti funzionali dell’elettrodomestico, restano però esclusi i danni da mal utilizzo, ad esempio se si fa un uso professionale del bene, per il quale chiaramente l’apparecchio non è predisposto, se si introducono oggetti o sostanze non consentite, se si utilizza nel caso di ferri da stiro o a caldaia, acqua con molto calcare che può inficiare il sistema del vapore o altro, se non viene effettuata una corretta decalcificazione, se la tensione elettrica impiegata non è appropriata all’apparecchio ed altro.

La garanzia dei piccoli elettrodomestici non è, come avviene in alcuni grandi elettrodomestici, prolungabile ad un periodo di tempo maggiore.

In queste circostanze, muniti di prova d’acquisto, si può portare l’elettrodomestico al rivenditore o direttamente presso il centro di assistenza tecnico più vicino.

LE ALTRE GARANZIE

Logo Smeg.
Logo Siemens.
Logo Severin.
Logo Samsung
Logo Rowenta.
Logo Philips.
Logo Moulinex.
Logo Miele.
Logo Lg.
Logo Laica.
Logo Kenwood.
Logo Imetec.
Logo Howell.
Logo Hotpoint.
Logo Hoover.
Logo Girmi.
Logo Ferrari.
Logo De Longhi.
Logo Dcg.
Logo Braun.
Logo Bosch.
Logo Black Decker.
Logo Ariete.
Logo Alessi.

Pubblicato: 1 aprile 2016

 
articoli sul tema:
 
spazio
Potrebbe interessarti
   
Spazio trasparente.
Si parla già da molto tempo di consumo energetico soprattutto per la categoria dei grandi elettrodomestici, catalogati per normativa in una scala di efficienza che ne identifica i consumi.

Pubblicato:
sabato 12 febbraio 2011
 
   
Spazio trasparente.
Durante il normale funzionamento della lavatrice, monitorandolo ci possiamo accorgere che non viene scaricata l’acqua del lavaggio, oppure possiamo trovarci nella condizione di aver impostato un ciclo ed allontanandoci per fare altre cose, alla verifica, quando il programma dovrebbe essere terminato, di trovare ancora tutta l’acqua al suo interno.

Pubblicato:
giovedì 10 marzo 2016
 
   
Spazio trasparente.
Come abbiamo visto nell’articolo sull’energy label delle aspirapolveri ad uso generale (link), a partire da giorno 1 settembre 2014 entra a far parte del panorama dell’etichettatura energetica quella che regolamenta il mondo dell’aspirazione.

Pubblicato:
martedì 9 settembre 2014
 
   
Spazio trasparente.
Effettuata una valutazione dell’ambiente che abbiamo necessità di deumidificare, dobbiamo concentrarci su quale apparecchio possa rispondere meglio, per ripristinare la giusta percentuale di umidità.

Pubblicato:
sabato 13 ottobre 2012
 
   
Spazio trasparente.
L’acquisto viene oramai dettato, oltre che dalle caratteristiche tecniche e dalle esigenze estetiche, dalla classe energetica. Su ogni forno troviamo evidenziata la classe energetica (hanno raggiunto tutti la classe A), che diventa un dato significativo nella scelta tra i vari modelli presenti sul mercato, appiattendo però di fatto differenze importanti, che possono, se non conosciute, condizionare la nostra vita domestica nella gestione del nostro tempo e dei vari apparecchi elettrici.

Pubblicato:
domenica 25 settembre 2011
 
   
Spazio trasparente.
Diversamente per quanto avviene in altri elettrodomestici, nei climatizzatori d’aria fissi e portatili la classe non si riferisci strettamente al consumo energetico dell’apparecchio ma alla sua efficienza.

Pubblicato:
lunedì 14 marzo 2011
 
   
Spazio trasparente.
Le lavatrici dotate di display digitale, oltre ad indicare su di esso le varie opzioni abbinate al lavaggio che è in esecuzione, segnalano i codici di errore che si possono manifestare durante il ciclo di lavaggio.

Pubblicato:
lunedì 24 aprile 2017
 
   
Spazio trasparente.
Il processo di lavaggio di una lavatrice segue una serie di fasi che si susseguono e che possiamo riassumere, sintetizzando, nel caricamento dell’acqua, le diverse fasi di risciacquo, dove, a seconda del modello, ci possono essere differenti rotazioni del cestello e centrifughe intermedie, lo scarico dell’acqua e la centrifuga conclusiva, se non esclusa, che termina il processo.

Pubblicato:
giovedì 15 ottobre 2015
 
   
Spazio trasparente.
Il 12 aprile 2014 entra in vigore il decreto legge n° 49 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 14 marzo del 2014, a conclusione del procedimento di attuazione della direttiva europea sul RAEE.

Pubblicato:
giovedì 24 aprile 2014
 
   
Spazio trasparente.
Originariamente la lavatrice aveva una misura vicina ad uno standard di 60 cm di profondità, nel corso del tempo, con il cambiare delle esigenze, degli spazi in casa e con la necessità di dover integrare in modo armonioso la lavatrice in un contesto d’arredo, si sono diffuse lavatrici con profondità ridotte, in questo caso parliamo di misure che vanno dai 40 cm fino ai 45 cm, e con una conformazione estetica molto gradevole.

Pubblicato:
mercoledì 30 maggio 2012
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su