Spazio trasparente.
 
Entrata in vigore della garanzia europea, ambito di applicazione e norme che la regolamentano.
 
Garanzia.
Il 23 marzo del 2002 entra in vigore il decreto legge sulla garanzia dei beni di consumo, che apporta sostanziali modifiche con l’inserimento nel codice civile di nuovi articoli volti a regolare gli aspetti dei contratti di vendita con il consumatore. Si delinea così un doppio regime di garanzia:

Beni acquistati da soggetti diversi dal consumatore (si applicano le vecchie norme del codice civile);

Beni acquistati dal consumatore (si applicano i nuovi articoli: dal 1519 – bis al 1519 – nonies).

Il decreto è costituito da due nuovi articoli:

Inserimento di un nuovo articolo nel codice civile, dopo il paragrafo della vendita di cose mobili, ovvero del paragrafo “della vendita di beni di consumo” (dal 1519 – bis al 1519 – nonies).

Inserimento di alcune norme transitorie volte a disciplinare gli acquisti effettuati prima del 23 marzo del 2002 e fino al 30 giugno del 2002.

Ambito di applicazione

La nuova normativa si applica esclusivamente ai contratti di vendita di beni di consumo conclusi con il consumatore, dove per consumatore si intende la persona fisica che agisce per motivi estranei a qualsiasi attività imprenditoriale o professionale. Per bene di consumo viene identificato qualsiasi bene mobile anche soggetto ad assemblaggio, ad esclusione di beni oggetti di vendita forzata o venduti da autorità giudiziaria acqua, gas, energia elettrica.

Conformità al contratto di vendita

Del difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene e che si manifesta nell’arco di due anni ne è responsabile il venditore. Il difetto di conformità del contratto di vendita si intende sia nel caso di difetto intrinseco del prodotto (difetto di funzionamento), che dalla non rispondenza di quanto concordato al momento dell’acquisto:

il bene non corrisponda alle funzioni descritte dal venditore e non presenti le qualità  mostrate a campione;

il bene non sia idoneo all’uso abituale che beni dello stesso tipo sono destinati, ovvero non sia idoneo all’uso voluto dal consumatore e portato a conoscenza del venditore;

il bene non corrisponde alle aspettative che ragionevolmente il consumatore può aspettarsi dalle dichiarazioni pubbliche (pubblicità) o fatte dal venditore.

Rientra nel difetto di conformità anche:

la non corretta installazione, effettuata dal venditore o da altri sotto la sua responsabilità, quando questa è compresa nel contrato di vendita;

la non corretta installazione del bene effettuata dal consumatore, quando il bene è concepito per essere installato dallo stesso e le istruzioni di installazioni siano carenti.

Diritti del consumatore

In caso di difetto di conformità del contratto il consumatore può richiedere seguendo una gerarchia di rimedi:

la riparazione;

la sostituzione;

una congrua riduzione del prezzo;

la risoluzione del contratto.

La riparazione o la sostituzione, senza spese per il consumatore devono essere effettuate entro un tempo congruo dalla richiesta effettuata, tale da non arrecare notevoli inconvenienti al consumatore tenendo in particolar modo presente la natura del bene e lo finalità per la quale acquistato. La riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto si possono verificare nel aso in cui:

la riparazione o la sostituzione sono troppo onerose;

il venditore non ha provveduto entro un congruo termine;

sostituzione o riparazione abbiano creato notevoli inconvenienti al consumatore.

ll decreto precisa inoltre che per difetti di lieve entità, per il quale non è possibile o è troppo onerosa la riparazione o la sostituzione, non da diritto alla risoluzione del contratto.

Diritto di regresso

Il venditore secondo il decreto, ha diritto di regresso, salvo patti contrari o rinuncia, nei confronti dei soggetti facenti parte della catena contrattuale distributiva. Il decreto fissa tale diritto in termine massimo di un anno.

Termini decadenza e prescrizione

Il venditore è responsabile del difetto di conformità quando si manifesta entro due anni dalla consegna del bene. Il consumatore decade dal diritto di azionare la garanzia se non denuncia il difetto entro due mesi dalla sua scoperta. L’azione a far valere il proprio diritto si prescrive nel termine di ventisei mesi.

Onere della prova

Il decreto prevede che salvo prova contraria il difetto manifestatosi entro sei mesi dalla consegna del bene esistesse all’atto della consegna del bene.

Responsabilità - Ripristino difetto conformità - Installazione

Quando l’installazione fa parte del contratto il venditore si farà carico dei costi di ripristino, e non potrà esercitare il diritto di regresso. Sarà a carico del produttore invece il costo del ripristino dell’installazione qualora le istruzioni di installazione non siano a tal punto chiare per effettuare una corretta installazione da parte del consumatore. A fronte di precise e corrette istruzioni di installazione il consumatore, anche se si avvale di terze persone, sosterrà i costi di un eventuale ripristino per una non corretta messa in opera.

Modalità di riparazione o sostituzione

L’organizzazione definita CAT (centro assistenza tecnico) è l’unica responsabile a valutare i difetti di conformità. Il CAT autorizzato dai produttori opererà secondo le istruzioni preventivamente e contrattualmente da questi impartite. Il produttore ed il rivenditore affidano al CAT autorizzato dal produttore l’onere del controllo della validità della garanzia e la presenza della documentazione necessaria:

scontrino fiscale con descrizione articolo;

scontrino fiscale con documento provante la descrizione del bene;

scontrino fiscale accompagnato da certificato di garanzia convenzionale.

L’accertamento del difetto e la conseguente riparazione senza spese a carico del consumatore. Nel caso il CAT verifichi che il difetto di conformità non sia imputabile al produttore il consumatore dovrà sostenere eventuali costi di trasferta del tecnico, il costo della verifica e riparazione previo consenso preventivo dello stesso;
l’eventuale autorizzazione al cambio del prodotto.
Il produttore ed il rivenditore concordano che ai fini del rispetto del congruo termine, che il tempo necessario per l’intervento di riparazione del bene o per la sostituzione è fissato in 15 giorni lavorativi.
I prodotti ritenuti per peso e volume non facilmente trasportabili saranno oggetti del ripristino di conformità e dell’eventuale ritiro e riconsegna a domicilio.
Alla terza richiesta di intervento per uno stesso difetto accertato dal CAT e comprovato dalle due bolle di lavorazione infruttuose verificatesi non oltre 8 mesi dal primo, il CAT rilascerà l’autorizzazione alla sostituzione.
Prodotti visionati presso il CAT  per i quali viene stabilito che il difetto di conformità è stato cagionato da un uso improprio, le spese di ripristino saranno a totale carico del consumatore.

Riduzione del prezzo

La riduzione del prezzo può essere richiesta dal consumatore qualora il difetto non pregiudichi il funzionamento o solo parzialmente. In questi casi il venditore dopo consulto con il CAT  (e con esso stabiliti i termini della riduzione, potrà esercitare e soddisfare la richiesta del consumatore adoperando poi una azione di regresso nei confronti del produttore.

Risoluzione del contratto

In caso di risoluzione del contratto, per le motivazioni spettanti, il venditore si farà carico dei costi della risoluzione esercitando successivamente un’azione di regresso seguendo la filiera necessaria.


Pubblicato: 16 aprile 2013
Articolo aggiornato: lunedì 18 maggio 2015

articoli sul tema:
commenti:
Icona regione.
Enrico da Pistoia giorno 18/05/2015
Vorrei sapere se una lavatrice che manifesta dei problemi dopo il 1° lavaggio può essere sostituita con una nuova, oppure (come mi ha detto il negoziante) mi spetta solo la riparazione in garanzia.
 
Icona elettro-domestici.com
 
 
Buongiorno Enrico, la garanza prevede la riparazione in un tempo congruo, solo se questo non lo è o la riparazione non è fattibile si passa alla sostituzione.
Icona regione.
Maketa da Varese giorno 30/09/2014
Voglio chiedere una cosa, ho comprato un tv Samsung a Media World il 16 maggio 2014, dopo solo 4 mesi di uso mi è uscito una riga bianca sullo schermo dall’alto in basso. L'ho riporto per l’assistenza e mi dicono di pagare 990 euro per il panelli guasti, che non famo parte della garanzia.
 
Icona elettro-domestici.com
 
 
Buongiorno Maketa, rivolgiti ad un legale o ad un centro per la tutela del consumatore, ti supporteranno loro legalmente.
Icona regione.
Giuseppe da Napoli giorno 30/09/2014
Non tutti sanno la garanzia europea ha quanti anni dalla data di acquisto si fa riferimento, vorrei sapere la risposta.
 
Icona elettro-domestici.com
 
 
Buongiorno Giuseppe, la garanzia europea è di due anni.
 
spazio
Articoli correlati
   
Spazio trasparente.
Spesso capita di sentirsi dire nel momento in cui si effettua il pagamento di un elettrodomestico, di conservare lo scontrino fiscale comprovante l’acquisto e di conservare la scatola, il tutto per usufruire della garanzia legale.

Pubblicato:
giovedì 24 marzo 2016
 
   
Spazio trasparente.
Il 12 aprile 2014 entra in vigore il decreto legge n° 49 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 14 marzo del 2014, a conclusione del procedimento di attuazione della direttiva europea sul RAEE.

Pubblicato:
giovedì 24 aprile 2014
 
   
Spazio trasparente.
Il decreto legge n° 63/2013, che come data ultima per la conversione in legge vedeva il 4 agosto 2013, è stato convertito definitivamente in legge, dal senato, giorno 1 agosto 2013.

Pubblicato:
mercoledì 14 agosto 2013
 
   
Spazio trasparente.
Dopo molti anni nei quali il settore delle televisioni non è stato regolamentato da apposite etichette energetiche indicanti il loro consumo, come avviene invece già da una decina di anni per il grande elettrodomestico, con l’entrata in vigore del regolamento comunitario anche loro hanno l’obbligo di esporre l’energy label.

Pubblicato:
lunedì 19 marzo 2012
 
   
Spazio trasparente.
Se diventiamo attenti osservatori possiamo notare che su alcuni elettrodomestici, sia della categoria del grande che del piccolo elettrodomestico, è applicato il marchio Imq.

Pubblicato:
martedì 8 novembre 2011
 
   
Spazio trasparente.
Un recentissimo incontro, avvenuto a Roma, organizzato dall’UNC ( Unione Nazionale Consumatori) al quale hanno partecipato esperti della materia, produttori e distributori, ha visto affrontare tematiche sull’attuale regolamentazione della garanzia e le modifiche che potrebbero essere attuate prima della fine dell’anno.

Pubblicato:
domenica 4 settembre 2011
 
   
Spazio trasparente.
Con il protocollo di Kyoto entrato in vigore nel 2005 ed il più recente accordo 20-20-20, ovvero riduzione del 20% delle emissioni di CO2, incremento del 20% della produzione di energia rinnovabile ed aumento del 20% dell’efficienza energetica, i governi si sono messi all’opera adottando un comportamento ecosostenibile al fine della salvaguardia del nostro pianeta.

Pubblicato:
martedì 8 marzo 2011
 
   
Spazio trasparente.
Assistiamo da alcuni anni, aggiungerei per fortuna, ed in modo sempre più attivo ed interessato, al tema ambientale. Tutelare l’ambiente che ci circonda è prerogativa inderogabile al fine di garantire la salvaguardia del nostro mondo.

Pubblicato:
lunedì 13 dicembre 2010
 
   
Spazio trasparente.
Entrata in vigore nel 1992, l’etichetta energetica ha rivoluzionato positivamente il mercato degli elettrodomestici, spingendo le aziende a produrre prodotti di elevata efficienza energetica. Sono oramai lontani i tempi in cui si vedevano nei negozi prodotti come lavabiancheria, frigoriferi o congelatori di classe C, D addirittura E ed F.

Pubblicato:
domenica 12 dicembre 2010
 
   
Spazio trasparente.
A fronte dell'acquisto di un nuovo elettrodomestico di uguale natura a quello posseduto, il distributore ha l'obbligo di ritirare gratuitamente la vecchia apparecchiatura.

Pubblicato:
sabato 11 dicembre 2010
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su