Icona accesso.
 
 
Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
 
 
 
 
 

In anteprima tutte le novità che interesseranno la nuova catalogazione energetica degli elettrodomestici.

 
Entrata in vigore nel 1992, l’etichetta energetica ha rivoluzionato positivamente il mercato degli elettrodomestici, spingendo le aziende a produrre prodotti di elevata efficienza energetica. Sono oramai lontani i tempi in cui si vedevano nei negozi prodotti come lavabiancheria, frigoriferi o congelatori di classe C, D addirittura E ed F.

Oramai per la quasi totalità dei prodotti, in classe A, si assiste alla evoluzione della stessa classe A, che in alcuni casi ha superato se stessa, raggiungendo rispetto ai parametri normativi dei consumi energetici ancora più bassi. Troviamo difatti prodotti in classe A+, A++ ed anche classe A** (due stelle, non previsto dalla normativa).

Forti di questo grande beneficio, la Commissione Europea ha proposto l’introduzione dell’etichettatura energetica anche per i televisori. Come per gli elettrodomestici, per i quali ci sarà un cambiamento delle tabelle, la classe sarà dalla A alla G. Come sempre la classe A esprimerà dei consumi più bassi e non per forza delle caratteristiche superiori.

Il prezzo potrà essere più alto in funzione di costi di ricerca sostenuti ridurre i consumi. A conti fatti sarà più conveniente spendere in più per l’acquisto di un televisore, a fronte di un risparmio energetico ed un conseguente ammortamento della spesa iniziale.

L’energy Label dei televisori sarà pressoché uguale a quello degli elettrodomestici, che prevedono dei cambiamenti. Negli elettrodomestici sarà rivista nella forma ed utilizzerà solo dei pittogrammi per evitare problemi di lingue. Saranno introdotte altre tre classi, A+, A++ ed A+++. Le proposte dovrebbero entrare in vigore come regolamenti al massimo a febbraio 2011, lasciando facoltà di applicazione per un anno e trascorso tale termine divenire obbligatoria.

 

 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Antonello da Lamezia Terme giorno 10/02/2011
Pubblicata il 29 Novembre 2010 sulla gazzetta ufficiale la nuova energy label per lavabiancheria, lavastoviglie, congelatore, cantinetta e frigorifero, è entrata in vigore 20 giorni dopo. Alcuni negozi ne sono già provvisti; c'è un anno di tempo nel quale potranno convivere vecchie e nuove etichette. La nuova etichetta prevede come classe più elevata la A+++.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Grazie mille per il contributo Antonello.

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Con il protocollo di Kyoto entrato in vigore nel 2005 ed il più recente accordo 20-20-20, ovvero riduzione del 20% delle emissioni di CO2, incremento del 20% della produzione di energia rinnovabile ed aumento del 20% dell’efficienza energetica, i governi si sono messi all’opera adottando un comportamento ecosostenibile al fine della salvaguardia del nostro pianeta.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Assistiamo da alcuni anni, aggiungerei per fortuna, ed in modo sempre più attivo ed interessato, al tema ambientale. Tutelare l’ambiente che ci circonda è prerogativa inderogabile al fine di garantire la salvaguardia del nostro mondo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Entrata in vigore nel 1992, l’etichetta energetica ha rivoluzionato positivamente il mercato degli elettrodomestici, spingendo le aziende a produrre prodotti di elevata efficienza energetica. Sono oramai lontani i tempi in cui si vedevano nei negozi prodotti come lavabiancheria, frigoriferi o congelatori di classe C, D addirittura E ed F.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

A fronte dell'acquisto di un nuovo elettrodomestico di uguale natura a quello posseduto, il distributore ha l'obbligo di ritirare gratuitamente la vecchia apparecchiatura.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una parola che molto recentemente è diventata di uso comune nel vocabolario giornaliero nel campo degli elettrodomestici è RAEE, ovvero rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il vecchio elettrodomestico obsoleto può essere rottamato con uno nuovo a basso impatto ambientale e con consumi ridotti. Dal 25 aprile sono infatti disponibili trecento milioni di euro suddivisi in più categorie.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea