Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Asciugatrice non asciuga bene gli indumenti, le cause e come intervenire.
 
In un articolo precedente abbiamo analizzato una causa relativa al prolungamento dei tempi di asciugatura di un carico di biancheria, relativamente all’inserimento di un carico non idoneo al programma selezionato. Questo comporta un allungamento della durata del programma ed una asciugatura non ottimale.

Ci sono però dei casi, che analizzeremo di seguito, che sebbene la scelta del programma sia corretta rispetto alla quantità ed al carico di biancheria, il risultato di asciugatura non restituisce il risultato che ci sia aspetta. In buona sostanza il ciclo giunge a conclusione ma i panni non si asciugano bene.

In questo caso ci sono fondamentalmente tre ragioni che impediscono il verificarsi di un’asciugatura ottimale:
1 ) I filtri sporchi;
2) Il condensatore pieno di lanuggine;
3) Un difetto al sensore di umidità;
4) Una condizione ambientale negativa.

Nell’asciugatrice l’aria dall’interno del cestello passa attraverso i filtri, che hanno la funzione di trattenere la lanugine, da qui dopo aver impattato con lo scambiatore ritorna ad essere immessa calda all’interno del cestello, per poi ripercorrere lo stesso giro fine al termine del ciclo. Questo comporta un accumulo di peluria all’interno dei filtri, che a lungo andare, se non puliti regolarmente, ostacolano il passaggio dell’aria, diminuendone la portata a svantaggio della durata della qualità di asciugatura. In buona sostanza se non c’è un adeguato flusso di aria, la portata della calda subisce una diminuzione ed i panni non si asciugano come dovrebbero.

Oltre ai filtri un altro elemento che subisce il deposito di lanugine è il condensatore, che se intasato blocca anch’esso lo scambio con lo stesso negativo risultato della condizione sopra descritta.

L’asciugatrice è dotata di un sensore di umidità, che ha la funzione di controllare il grado di umidità all’interno del cestello e quindi dei tessuti. Questo potrebbe subire dei danni e non essere più in grado di capire se gli indumenti sono asciutti e consentire il termine del lavaggio anche se sono ancora bagnati.

Ultimi fattore che può determinare una scarsa asciugatura degli indumenti è la posizione dell’apparecchio, ovvero le condizioni che ci sono nell’ambiente in cui è alloggiato. La pompa di calore subisce molto le basse temperature, difatti sui libretti di istruzioni è sempre indicato che l’installazione deve avvenire in un ambiente con una temperatura compresa tra i 5°C ed i 35°. Pertanto se viene posizionata in ambienti tipo una cantina o addirittura sul balcone, dove la temperatura in autunno ed inverno sarà certamente vicino la soglia dei 5°C ed in molti casi ancora più bassa, il risultato dell’asciugatura sarà pessimo.

Vi è da dire che la condizione ideale è quella di un posizionamento in casa, dove grazie alla presenza del riscaldamento la temperatura si aggira intorno ai 20°C.

Sebbene venga indicato come limite minimo 5°C, anche temperature al di sopra, come 10°C o 15°C, a seconda delle proprietà tecniche di scambio di quella determinata apparecchiatura, comportano una diminuzione di scambio, e quindi l’aria che viene immessa all’interno sarà meno calda di quanto dovrebbe essere. Condizione questa che induce in primo luogo la macchina ad allungare il ciclo di asciugatura, laddove il sensore percepisce che i panni sono ancora bagnati, e in molti casi a terminarlo senza ottenere un risultato ottimale.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Terminato il processo di produzione ogni elettrodomestico deve superare una ulteriore fase prima di essere immesso sul mercato per la vendita, il collaudo. Questa fase, precedente all’imballaggio, prevede una serie di controlli ed una verifica del suo perfetto funzionamento.
 
 
Spazio trasparente.


Nella scelta di un’asciugatrice molte volte prima di effettuare l’acquisto, viene preso in seria considerazione, oltre ai consumi energetici, i tipi di programmi svolti e la durata del ciclo di asciugatura, che può variare nei diversi modelli, anche se non di molto. A dire il vero non sempre si riesce a trovare un riferimento specifico per la durata di ogni singolo ciclo, ma dalla scheda prodotto si può conoscere quella del ciclo standard.
 
 
Spazio trasparente.


Due elementi da non trascurare, quindi molto importanti per tenere in perfetta efficienza l’asciugatrice sono i filtri. In realtà c’è un terzo elemento, anch’esso non trascurabile, che passa però per una manutenzione straordinaria: il condensatore, parliamo dei modelli con la pompa di calore, i modelli a condensazione non hanno il condensatore.
 
 
Spazio trasparente.


In un articolo precedente abbiamo analizzato una causa relativa al prolungamento dei tempi di asciugatura di un carico di biancheria, relativamente all’inserimento di un carico non idoneo al programma selezionato. Questo comporta un allungamento della durata del programma ed una asciugatura non ottimale.
 
 
Spazio trasparente.


Succede in molti casi che lo spazio dedicato alla lavanderia, dove già è presente la lavatrice, sia ridotto e la possibilità di installare una asciugatrice diventi improbabile a causa delle sue dimensioni.
 
 
Spazio trasparente.


Abbiamo già distinto le tipologie di asciugatrice tra i modelli con la resistenza elettrica e quelle con la pompa di calore, ed abbiamo scritto degli articoli di approfondimento in merito a delle specifiche tecniche generali su questo prodotto.
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su