Spazio trasparente.
 
Raee contributo per lo smaltimento dell'elettrodomestico a fine ciclo vitale.
 
Foto articolo.
Una parola che molto recentemente è diventata di uso comune nel vocabolario giornaliero nel campo degli elettrodomestici è RAEE, ovvero rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Dopo anni trascorsi senza nessuna direttiva in questo senso, la sempre maggiore attenzione verso l'ambiente che ci circonda, una doverosa tutela del patrimonio naturale nel quale viviamo, ha stimolato la coscienza collettiva e la parola d'ordine è diventata: tutela dell'ambiente.

La logica del raee impone la doverosa regola che chi inquina deve pagarne i costi. In un non lontano passato la non presenza di una regola, ha generato un danno per il nostro patrimonio ambientale, vedendo molto spesso abbandonati i vecchi elettrodomestici dismessi. La raccolta delle vecchie apparecchiature è un costo che nessun commerciante o produttore era disposto ad accollarsi sulle proprie spalle. E’ nata quindi l’esigenza di recuperare i fondi per la gestione di il processo necessario per smaltire il vecchio apparecchio elettrico.

I consumatori nel momento in cui acquistano un elettrodomestico si trasformano in dei futuri inquinatori. Considerato che ogni apparecchio acquistato nell’arco di un periodo medio/lungo si trasforma in un futuro prodotto da smaltire, e non potendo recuperare il costo dello smaltimento nella fase specifica della dismissione, è stato introdotto ed aggiunto al prezzo di vendita un contributo per lo smaltimento.

Quindi nel momento in cui viene effettuato l’acquisto di una apparecchiatura elettrica, sul prezzo di acquisto è compresa una quota che è destinata al suo smaltimento. Detta quota è aggiunta direttamente dal produttore, quindi non è il commerciante ad essere depositario dell’entrata in denaro, che la trattiene al momento della cessione dei prodotti ai rivenditori, e la trasferisce agli enti preposti affinché si adoperino alla bonifica degli apparecchi dismessi.

Il costo dello smaltimento "contributo raee" è variabile a seconda della tipologia di elettrodomestico, in base a tutta una serie di fattori, che ne determinano un maggiore o minore costo per il recupero delle materie prime e dei materiali di costruzione da dover rimettere in circuito per il riciclo.

Nel dettaglio vediamo quanto incide il suo costo su ogni singolo apparecchio elettrico ed elettronico.

Per la categoria dei grandi elettrodomestici si aggiungono 16,00 euro per frigorifero e congelatore, scendendo a 5,00 euro per forni, lavatrici, lavastoviglie e stufe. Per i piani cottura ci sono 2,00 euro in più e per gli scaldabagni oltre ai 30 litri la cifra è di € 7,00.

Per i piccoli elettrodomestici e le varie apparecchiature elettroniche, il costo è stato stabilito in base al peso con la seguente suddivisione: per i prodotti fino a 2 kg ci sono 0,25 centesimi, superati i 2 kg e fino al raggiungimento dei 5 kg ci sono 0,25 centesimi, dai 5 ai 10 kg 1 euro, dai 10 ai 30 kg l’aggiunta è di 2 euro, oltre i 30 kg e fino ad un massimo di 60 kg il raee è di 5 euro. Per tutti i prodotti che eccedono i 60 kg la cifra è di € 12,00.

Il settore video con interesse per i Tv e l’Audiovideo si aggiungono 0,50 centesimi per videocamere, dvd, videoregistratori, hi-fi, amplificatori e fotocamere. Per i televisori fino a 32 pollici € 3,50 mentre saliamo a € 7,00 per gli schermi più grandi dei 32 pollici.

Infine per quanto riguarda l’illuminazione i costi sono di 0,14 centesimi per gli apparecchi di illuminazione e di 0,26 centesimi per le lampadine a scarica.

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
La nuova linea di lavatrici Indesit Prime con Smart Tecnology si evolve sia nella forma che nella sostanza, propone infatti oltre ad una estetica molto bella (design Giugiaro), la Smart Tecnology che riduce i consumi garantendo ad ogni carico prestazioni eccellenti.

Pubblicato:
martedì 1 marzo 2011
 
 
Spazio trasparente.
È da alcuni mesi sul mercato la nuova linea di lavatrici di Hotpoint Ariston, che apporta al modello precedente importanti innovazioni tecniche e una rivisitazione dell’estetica.

Pubblicato:
domenica 2 ottobre 2011
 
 
Spazio trasparente.
Rispetto ai modelli di qualche anno fa, la lavatrice con carica dall’alto ha visto il cassetto del detersivo spostarsi dal suo collocamento nel mobile, all’inserimento nello sportello della lavatrice.

Pubblicato:
lunedì 4 giugno 2012
 
 
Spazio trasparente.
Capita alcune volte, che dopo aver effettuato un carico in lavatrice ed avviato un programma, di vederlo iniziare e dopo essere usciti da casa, al rientro, quando oramai il ciclo dovrebbe essere già terminato da parecchio tempo, accorgersi che in realtà gli indumenti stanno ancora girando all’interno del cestello o sono fermi, ma il lavaggio non e comunque terminato.

Pubblicato:
sabato 22 settembre 2018
 
 
Spazio trasparente.
Una parola che molto recentemente è diventata di uso comune nel vocabolario giornaliero nel campo degli elettrodomestici è RAEE, ovvero rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Pubblicato:
venerdì 15 ottobre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Rappresentano una sintesi di ergonomia, precisione e prestigio del "German design". Cruscotto per una perfetta visibilità, manopole ergonomiche e pulsanti di facile scelta.

Pubblicato:
sabato 8 gennaio 2011
 
 
Spazio trasparente.
Nel momento in cui si verifica un funzionamento non corretto, che può essere generato da un guasto ad una componente della lavatrice, piuttosto che da una anomalia di diversa natura, l’elettrodomestico ci viene incontro restituendo dei segnali e più comunemente dei codici, che sono evidenziati sul display, che ci consentono di identificare il pezzo che non sta funzionando correttamente o comunque di capire cosa non va nel processo del lavaggio.

Pubblicato:
giovedì 24 settembre 2015
 
 
Spazio trasparente.
Il contenitore del detersivo è diviso in tre scomparti, uno dedicato al detersivo per la fase del prelavaggio, uno per il lavaggio ed il terzo per l’ammorbidente. In alcuni modelli c’è un quarto e più piccolo scomparto destinato a contenere la candeggina, anche se è sempre meno presente.

Pubblicato:
giovedì 20 novembre 2014
 
 
Spazio trasparente.
È oramai consolidato il concetto di equivalenza tra la classe energetica A con il basso consumo energetico. L’acquisto della lavatrice è pertanto dettato dalla presenza di questo requisito, che si evince dalla certificazione energetica presente all’interno del prodotto.

Pubblicato:
venerdì 28 ottobre 2011
 
 
Spazio trasparente.
La lavatrice come gli altri elettrodomestici nasce per un impiego casalingo, un apparecchio destinato ad essere utilizzato all’interno dell’ambiente domestico. Normalmente nelle abitazioni c’è uno spazio lavanderia, destinato ad accoglierla, o un bagno dopo poterla sistemare o comunque uno spazio dove localizzarla.

Pubblicato:
lunedì 1 ottobre 2018
 
 
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su

ChiudiSpeciale deumidificatore. Non perderlo!