Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Raee contributo per lo smaltimento dell'elettrodomestico a fine ciclo vitale.

Una parola che molto recentemente è diventata di uso comune nel vocabolario giornaliero nel campo degli elettrodomestici è RAEE, ovvero rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Dopo anni trascorsi senza nessuna direttiva in questo senso, la sempre maggiore attenzione verso l'ambiente che ci circonda, una doverosa tutela del patrimonio naturale nel quale viviamo, ha stimolato la coscienza collettiva e la parola d'ordine è diventata: tutela dell'ambiente.

La logica del raee impone la doverosa regola che chi inquina deve pagarne i costi. In un non lontano passato la non presenza di una regola, ha generato un danno per il nostro patrimonio ambientale, vedendo molto spesso abbandonati i vecchi elettrodomestici dismessi. La raccolta delle vecchie apparecchiature è un costo che nessun commerciante o produttore era disposto ad accollarsi sulle proprie spalle. E’ nata quindi l’esigenza di recuperare i fondi per la gestione di il processo necessario per smaltire il vecchio apparecchio elettrico.

I consumatori nel momento in cui acquistano un elettrodomestico si trasformano in dei futuri inquinatori. Considerato che ogni apparecchio acquistato nell’arco di un periodo medio/lungo si trasforma in un futuro prodotto da smaltire, e non potendo recuperare il costo dello smaltimento nella fase specifica della dismissione, è stato introdotto ed aggiunto al prezzo di vendita un contributo per lo smaltimento.

Quindi nel momento in cui viene effettuato l’acquisto di una apparecchiatura elettrica, sul prezzo di acquisto è compresa una quota che è destinata al suo smaltimento. Detta quota è aggiunta direttamente dal produttore, quindi non è il commerciante ad essere depositario dell’entrata in denaro, che la trattiene al momento della cessione dei prodotti ai rivenditori, e la trasferisce agli enti preposti affinché si adoperino alla bonifica degli apparecchi dismessi.

Il costo dello smaltimento "contributo raee" è variabile a seconda della tipologia di elettrodomestico, in base a tutta una serie di fattori, che ne determinano un maggiore o minore costo per il recupero delle materie prime e dei materiali di costruzione da dover rimettere in circuito per il riciclo.

Nel dettaglio vediamo quanto incide il suo costo su ogni singolo apparecchio elettrico ed elettronico.

Per la categoria dei grandi elettrodomestici si aggiungono 16,00 euro per frigorifero e congelatore, scendendo a 5,00 euro per forni, lavatrici, lavastoviglie e stufe. Per i piani cottura ci sono 2,00 euro in più e per gli scaldabagni oltre ai 30 litri la cifra è di € 7,00.

Per i piccoli elettrodomestici e le varie apparecchiature elettroniche, il costo è stato stabilito in base al peso con la seguente suddivisione: per i prodotti fino a 2 kg ci sono 0,25 centesimi, superati i 2 kg e fino al raggiungimento dei 5 kg ci sono 0,25 centesimi, dai 5 ai 10 kg 1 euro, dai 10 ai 30 kg l’aggiunta è di 2 euro, oltre i 30 kg e fino ad un massimo di 60 kg il raee è di 5 euro. Per tutti i prodotti che eccedono i 60 kg la cifra è di € 12,00.

Il settore video con interesse per i Tv e l’Audiovideo si aggiungono 0,50 centesimi per videocamere, dvd, videoregistratori, hi-fi, amplificatori e fotocamere. Per i televisori fino a 32 pollici € 3,50 mentre saliamo a € 7,00 per gli schermi più grandi dei 32 pollici.

Infine per quanto riguarda l’illuminazione i costi sono di 0,14 centesimi per gli apparecchi di illuminazione e di 0,26 centesimi per le lampadine a scarica.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

A fronte dell'acquisto di un nuovo elettrodomestico di uguale natura a quello posseduto, il distributore ha l'obbligo di ritirare gratuitamente la vecchia apparecchiatura.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Se diventiamo attenti osservatori possiamo notare che su alcuni elettrodomestici, sia della categoria del grande che del piccolo elettrodomestico, è applicato il marchio Imq.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Spesso capita di sentirsi dire nel momento in cui si effettua il pagamento di un elettrodomestico, di conservare lo scontrino fiscale comprovante l’acquisto e di conservare la scatola, il tutto per usufruire della garanzia legale.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Un recentissimo incontro, avvenuto a Roma, organizzato dall’UNC ( Unione Nazionale Consumatori) al quale hanno partecipato esperti della materia, produttori e distributori, ha visto affrontare tematiche sull’attuale regolamentazione della garanzia e le modifiche che potrebbero essere attuate prima della fine dell’anno.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Entrata in vigore nel 1992, l’etichetta energetica ha rivoluzionato positivamente il mercato degli elettrodomestici, spingendo le aziende a produrre prodotti di elevata efficienza energetica. Sono oramai lontani i tempi in cui si vedevano nei negozi prodotti come lavabiancheria, frigoriferi o congelatori di classe C, D addirittura E ed F.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Con il protocollo di Kyoto entrato in vigore nel 2005 ed il più recente accordo 20-20-20, ovvero riduzione del 20% delle emissioni di CO2, incremento del 20% della produzione di energia rinnovabile ed aumento del 20% dell’efficienza energetica, i governi si sono messi all’opera adottando un comportamento ecosostenibile al fine della salvaguardia del nostro pianeta.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea