Come usare l’asciugatrice per evitare di stirare i tessuti.

L’asciugatrice è entrata a far parte della vita domestica da molti anni, portando con sé un notevole contributo alla gestione del bucato domestico; ha consentito di poter asciugare i capi comodamente in casa in presenza di condizioni atmosferiche non favorevoli o per l’impossibilità di stendere, per varie ragioni, i tessuti all’esterno.

Si è passati anche attraverso diverse tecnologie per produrre il calore, che hanno visto sempre più affermarsi quella a pompa di calore, alla quale si sono aggiunte delle opzioni molto importanti ed utili per asciugare i tessuti e prepararli ad una stiratura più semplice. Due sono le opzioni più importanti, ovvero il tasto antipiega e la funzione vapore.

Più volte ci è stato chiesto, quale siano i modelli di asciugatrice in grado di asciugare e di non rendere più necessaria la stiratura. Ci hanno chiesto quale asciugatrice devo compare per non stirare più!!
Non fornendo noi, un servizio di propaganda, il nostro intento difatti è quello di fornire le  tutte le informazioni necessarie ed utili, per consentire al consumatore, di scegliere consapevolmente, non possiamo affermare che esista un’asciugatrice in grado di stirare i tessuti o qualora possa evitarlo di farlo fare, di poterlo fare in modo assoluto e senza che non ci sia un impegno, da parte dell’utilizzatore, nella gestione dei tessuti.

Sebbene alcuni modelli siano propagandati come in grado di stirare, se si approfondiscono le informazioni sui cataloghi o siti ufficiali dei diversi produttori, si trova una informazione differente, ovvero viene indicato che sono in grado di ridurre il tempo di stiratura o in altri casi che possono evitarla, seguendo alcune regole che dopo vedremo. In ogni caso sarà sempre necessario stirare una camicia, magari si potrà evitare di farlo con altri capi meno soggetti a grinze e che dispongono di una vestibilità diversa, ma la camicia andrà stirata.

In buona sostanza le funzioni prima menzionate, nel ciclo di asciugature, riescono a non far fare troppe grinze ai tessuti e far distendere le fibre, pertanto restituirli a fine ciclo, in una condizione migliore, per poterle più facilmente stirare.

La funzione antipiega, che è una opzione disponibile su molti cicli e, comunque su quelli più comuni: cotone, sintetici, misti, lenzuola ed altri, ha lo scopo di prolungare il tempo di funzionamento dell’asciugatrice. Il tempo a seconda del modello può essere allungato fino a 2 ore, ovviamente ci sono delle tempistiche intermedie. Questa funzione è molto utile se al termine del ciclo non si dispone dell’immediata possibilità di estrarre gli indumenti dal cesto. Difatti se il ciclo termina e gli indumenti restano al suo interno per del tempo raffreddandosi, formano delle grinze e delle pieghe che, non vanno via se non stirati.

La funzione del vapore, che entra in funzione dopo che i tessuti si sono asciugati ha lo scopo di distendere i tessuti ed eliminare le grinze.

Abbiamo detto precedentemente che è necessario un impegno dell’utilizzatore per evitare di stirare al termine del ciclo. Cosa fare quindi per non stirare i tessuti?

1) Dividere i capi per tipologia di tessuto;
2) Raggruppare i capi che necessitano del medesimo tempo di asciugatura;
3) Posizionare gli indumenti con garbo;
4) Non riempire il cestello in modo eccessivo;
5) Attivare la funzione vapore e antipiega.

Per prima cosa è necessario dividere i capi in base alla tipologia di tessuto, non bisogna mischiare i cotoni con i sintetici o con i misti. Ogni ciclo di asciugatura è elaborato in modo specifico per un tessuto, in quanto ognuno necessita di condizioni diverse di asciugatura.

In secondo luogo non devono essere messi ad asciugare capi con dimensioni e consistenza diversa, ad esempio delle magliette con un accappatoio. Il tempo necessario per asciugare non è uguale e pertanto così facendo non si riesce ad avere una omogeneità di asciugatura, anzi un capo carico di acqua impedisce a quello meno carico di asciugarsi.

Posizionare gli indumenti con garbo significa, che una volta estratti dalla lavatrice, è necessario separarli, sbatterli bene, in modo da stenderli, possibilmente girarli al contrario e posizionarli ben comodi, distesi, non arruffati uno sull’altro o appallottolati. Allo stesso tempo il cestello non deve essere mai riempito oltre la quantità massima consentita per uno specifico ciclo ed anzi inserire meno capi, per tale scopo (non stirare) agevola velocizza l’asciugatura e riduce ancor di più la formazione di pieghe e grinze. Immaginiamo al contrario un cestello pienissimo, i tessuti non avrebbero modo di ruotare su loro stessi, si contorcerebbero creando più grinze.

Oltre a questi accorgimenti di natura pratica è necessario la funzione del vapore, che consente la distensione delle fibre e l’eliminazione delle grinze, associata a quella dell’antipiega che consente di tenere in caldo gli indumenti alla fine del ciclo.

L’impegno però non è terminato, difatti è necessario estrarre i capi, uno per volta in modo che gli altri nel frattempo restino caldi, e aprirli bene, poggiarli su un banco, un tavolo e passarci sopra la mano, come se fosse la piastra del ferro da stiro, stenderli per bene. Rivoltarli e stenderli ancora una volta. Può essere buona abitudine anche appenderli sugli appositi ganci, il peso del tessuto stesso lo distenderà lasciandolo liscio.

Se non si appendono si possono piegare per poi riporli nell’armadio.

Quest’ultimo procedimento potrebbe non essere necessario per alcuni capi, che una volta estratti dal cestello, possono risultare abbastanza distesi e senza grinze, tuttavia per altri è necessario farlo.

Ultima pubblicazione: 05/11/2021
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
La fuoriuscita di acqua dall’asciugatrice è un evento che si può verificare il più delle volte dopo anni di utilizzo (anche molto prima), questo a causa dell’usura che il tempo porta con sé o a causa di piccole disattenzioni, che comportano un cambiamento delle condizioni originarie. Indipendentemente da quando si verifica, ci troveremo certamente davanti ad una situazione spiacevole e da risolvere.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Abbiamo già parlato dell’impiego del vapore negli elettrodomestici, in un tempo in cui non si era ancora palesato il suo impiego diffuso nell’asciugatrice. A distanza di tempo l’impiego del vapore nell’asciugatrice ha preso piede e tanti grandi marchi lo impiegano su alcuni dei loro modelli, solitamente sul top della gamma.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
L'asciugatrice è orami un elettrodomestico che si potrebbe definire indispensabile per il trattamento del bucato e nella fattispecie per la sua asciugatura durante il periodo autunnale ed invernale, quando le giornate piovose non consentono di stendere gli indumenti all'esterno. Il sole non si vede? L'asciugatrice è la soluzione per i panni umidi! Ma quanto consuma un asciugatrice? Continua a leggere e scopri i dettagli!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
L'asciugatrice in casa è una gran comodità! Ci si infilano gli indumenti da asciugare, dopo qualche ora escono belli asciutti e sono pronti per essere riposti nell'armadio. Il gioco è fatto, ma ciclo dopo ciclo magari i risultati diminuiscono? Beh ti sei preso cura dell'asciugatrice? Come non hai pulito i filtri? Beh se non l'ho hai fatto sei ancora in tempo, ma non trascurare di farlo altrimenti son panni umidi!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Prima di entrare nel dettaglio di come utilizzare correttamente l’asciugatrice è necessario fare due premesse in merito ai capi da asciugare. La prima riguarda il loro stato di asciugatura nel momento in cui vengono inseriti all’interno del cesto, difatti non devono essere gocciolanti. Questo significa che è necessario possedere una lavatrice che deve strizzarli ad almeno 800 o ancora meglio a 1000 giri.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Asciugatrice, elettrodomestico nel quale si inseriscono gli indumenti dopo essere stati lavati in lavatrice, si imposta un programma adatto al capo e magicamente dopo un lasso di tempo, prestabilito dalla durata del programma, restituisce i panni asciutti. Bello vero? Ma cosa avviene al suo interno per poter ottenere questo risultato? Beh, si susseguono una serie di eventi che consentono la produzione del calore, conoscerli può consentirci di individuare eventuali difetti o malfunzionamenti. Vediamoli nel dettaglio!
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea