Spazio trasparente.
 

Dettagli sulla copertura in garanzia di difetti e malfunzionamenti dei piccoli elettrodomestici.

 
Marche.
Come noto tutti i beni di consumo, quindi anche i piccoli elettrodomestici, sono coperti da una garanzia, definita legale, che ha la durata di 24 mesi. Cerchiamo però di capire nel dettaglio come funziona e come bisogna agire in caso si verifichi un difetto su un acquisto che abbiamo effettuato.

La garanzia, ha validità a decorrere dal momento in cui il bene viene acquistato, fino al termine dell’ultimo giorno del periodo anzidetto. Per far valere la garanzia bisogna essere in possesso di un documento fiscale, quindi lo scontrino, la fattura o altro documento, che ne attesti la data di inizio. A seconda che l’acquisto viene effettuato come persona fisica o con partita iva, la durata varia, scendendo a 12 mesi nel secondo caso, in quanto l’uso professionale dell’elettrodomestico, ne comporta un maggiore utilizzo ed una usura accelerata.

I difetti che si possono riscontrare sono di due tipi, il primo di natura prettamente tecnica, parliamo di malfunzionamento di componenti o parti dell’apparecchio, l’altro è di conformità, ovvero quando il bene non è conforme all’utilizzo che abitualmente si fa del bene o le prestazioni enunciate dal venditore non sono corrispondenti al vero o quando non è conforme alla descrizione fatta dal venditore o anche in eventuali pubblicità.

In caso di difetto di conformità, se non ripristinabile, in quanto l’apparecchio è tutt’altro rispetto a quanto palesato, si può richiedere la risoluzione del contratto, del quale però può esserne responsabile direttamente il rivenditore, è il caso in cui la presentazione delle caratteristiche, da lui enunciate, non corrispondono al vero, o il produttore, nel caso in cui viene indicato possedere proprietà di cui non dispone. In entrambi i casi il punto di riferimento per vantare il proprio diritto è il rivenditore.

La garanzia prevede la riparazione del bene, con la sostituzione delle componenti difettose con pezzi originali, dei quali è solitamente garantita la presenza sul mercato per un periodo che va dai 5 ai 7 anni, dall’ultima produzione dei modelli interessati.

Quando si è in presenza di un difetto funzionale, questo deve essere dichiarato entro 2 mesi dalla sua scoperta. Questo elemento è importante in quanto anche se i 24 mesi sono trascorsi, possiamo ancora comunicare un difetto del quale siamo venuti a conoscenza l’ultimo giorno dei 24 mesi di garanzia.

Prima di conoscere i passaggi per far valere la riparazione, bisogna dire che ci sono delle condizioni per le quali la garanzia del prodotto è esclusa. Difatti tutti i difetti derivanti da un uso improprio, quindi un impiego che non tiene conto delle indicazioni di utilizzo riportate sui libretti di istruzioni, da alterazioni nell’alimentazione elettrica, dall’introduzione di oggetti o sostanze non consentite, da una mancata ed ordinaria manutenzione ed altro, fanno decadere il diritto alla garanzia. Per rendere l’idea, prendiamo il caso in cui, un ferro da stiro che utilizziamo da anni, nel quale inseriamo acqua di rubinetto, e per il quale non abbiamo mai effettuato una decalcificazione, l’otturazione del vapore o difetti legati all’elevata formazione di calcare, non rientrano, seppur sono un malfunzionamento del prodotto, nella copertura in garanzia.

Il difetto funzionale dichiarato entro i 2 mesi dalla scoperta, può vantare la riparazione in garanzia o se è il caso la sostituzione dell’apparecchio con un modello uguale o se non disponibile con le stesse qualità.

In queste circostanze, muniti di prova d’acquisto, si può portare l’elettrodomestico al rivenditore o direttamente presso il centro di assistenza tecnico più vicino.

Logo Smeg.
Logo Siemens.
Logo Severin.
Logo Samsung
Logo Rowenta.
Logo Philips.
Logo Moulinex.
Logo Miele.
Logo Lg.
Logo Laica.
Logo Kenwood.
Logo Imetec.
Logo Howell.
Logo Hotpoint.
Logo Hoover.
Logo Girmi.
Logo Ferrari.
Logo De Longhi.
Logo Dcg.
Logo Braun.
Logo Bosch.
Logo Black Decker.
Logo Ariete.
Logo Alessi.

Pubblicato: 1 aprile 2016

 
articoli sul tema:
 
spazio
Potrebbe interessarti
   
Spazio trasparente.
Considerati aspetti inerenti le proprie abitudini, la composizione del nucleo familiare, lo spazio ed altri fattori si sceglie una lavatrice con una determinata capacità di carico. Rispetto a qualche anno fa il ventaglio della proposta si è ampliato abbastanza, passando da lavatrici di piccolo carico 3,5 Kg fino ad arrivare, passando da capienze come 5, 6,7,8,9 e 10, agli 11 e 12 kg.

Pubblicato:
sabato 2 giugno 2012
 
   
Spazio trasparente.
Il mancato scarico dell’acqua del lavaggio, in una lavatrice o in una lavastoviglie è da attribuirsi nella maggior parte dei casi ad un difetto della pompa di scarico, che non entra in funzione per un guasto su di essa oppure per un difetto della scheda elettronica che non riesce più a comandarla. In entrambi i casi non si attiva, pertanto non si sente il rumore tipico della pompa di scarico in funzione.

Pubblicato:
giovedì 9 gennaio 2020
 
   
Spazio trasparente.
Nuova gamma di lavatrici per la Candy con dieci nuovi modelli: quattro da 7 Kg tra le quali due a profondità ridotta, 40 cm, tre macchine da 8 Kg, siamo su una profondità di 50 cm, e tre da 9 kg con un massimo di 60 cm di profondità.

Pubblicato:
martedì 14 giugno 2011
 
   
Spazio trasparente.
Nei piani di cottura dotati di accensione elettronica, oramai lo sono quasi tutti, potrebbe capitare che ad un bel momento uno di essi o più di uno, non si accendano più. Magari sentiamo il ticchettio dell’accensione ma il fornello non si accende.

Pubblicato:
giovedì 3 gennaio 2019
 
   
Spazio trasparente.
Dopo tanti anni passati in sua compagnia il nostro vecchio frigorifero ci abbandona. Ci eravamo affezionati, ma il suo non corretto funzionamento e il suo consumo energetico divenuto oramai insostenibile, ci costringono a sostituirlo con uno nuovo molto più bello.

Pubblicato:
lunedì 10 gennaio 2011
 
   
Spazio trasparente.
Un’anomalia abbastanza diffusa nella lavastoviglie è quella relativa al processo di asciugatura, che a seconda dei casi può presentarsi con una scarsa qualità ed in altri con una assoluta assenza, con relative stoviglie bagnate al termine del lavaggio.

Pubblicato:
mercoledì 22 febbraio 2017
 
   
Spazio trasparente.
Abbiamo visto in un altro articolo, che del mancato carico dell’ acqua nella lavatrice può esserne responsabile l’elettrovalvola, ma in molti casi c’è un altro componente a cui attribuire l’origine dell’anomalia: il pressostato.

Pubblicato:
mercoledì 24 giugno 2015
 
   
Spazio trasparente.
Con l’entrata in vigore della nuova regolamentazione energetica per la lavatrice, i produttori hanno l’obbligo di dichiarare a catalogo, non solo il consumo complessivo, indicato in modo molto chiaro sull’energy label, e che si riferisce al lavaggio di un carico pieno di cotone a 60°C, ma anche i risultati dei consumi in altre condizioni.

Pubblicato:
mercoledì 4 settembre 2013
 
   
Spazio trasparente.
Uno dei difetti che più comunemente si manifesta nel convettore e nel termoconvettore elettrico, è quello relativo al mancato riscaldamento, totale o parziale. Nella gestione della potenza (750/1250/2000 watt) dispone di due pulsanti, che consentono di regolarla ad un livello minimo, uno medio ed uno massimo, rispettivamente premendone uno, l’altro o entrambi contemporaneamente.

Pubblicato:
mercoledì 16 dicembre 2020
 
   
Spazio trasparente.
Sebbene il frigorifero da incasso è genericamente considerato avere delle misure standard, bisogna fare delle distinzioni, onde evitare di acquistarne uno che non ha le misure idonee per essere inserito nel vano della cucina componibile.

Pubblicato:
martedì 27 marzo 2012
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su