Icona accesso.
 
 

Dettagli sulla copertura in garanzia di difetti e malfunzionamenti dei piccoli elettrodomestici.

 

Come noto tutti i beni di consumo, quindi anche i piccoli elettrodomestici, sono coperti da una garanzia, definita legale, che ha la durata di 24 mesi. Cerchiamo però di capire nel dettaglio come funziona e come bisogna agire in caso si verifichi un difetto su un acquisto che abbiamo effettuato.

La garanzia, ha validità a decorrere dal momento in cui il bene viene acquistato, fino al termine dell’ultimo giorno del periodo anzidetto. Per far valere la garanzia bisogna essere in possesso di un documento fiscale, quindi lo scontrino, la fattura o altro documento, che ne attesti la data di inizio. A seconda che l’acquisto viene effettuato come persona fisica o con partita iva, la durata varia, scendendo a 12 mesi nel secondo caso, in quanto l’uso professionale dell’elettrodomestico, ne comporta un maggiore utilizzo ed una usura accelerata.

I difetti che si possono riscontrare sono di due tipi, il primo di natura prettamente tecnica, parliamo di malfunzionamento di componenti o parti dell’apparecchio, l’altro è di conformità, ovvero quando il bene non è conforme all’utilizzo che abitualmente si fa del bene o le prestazioni enunciate dal venditore non sono corrispondenti al vero o quando non è conforme alla descrizione fatta dal venditore o anche in eventuali pubblicità.

In caso di difetto di conformità, se non ripristinabile, in quanto l’apparecchio è tutt’altro rispetto a quanto palesato, si può richiedere la risoluzione del contratto, del quale però può esserne responsabile direttamente il rivenditore, è il caso in cui la presentazione delle caratteristiche, da lui enunciate, non corrispondono al vero, o il produttore, nel caso in cui viene indicato possedere proprietà di cui non dispone. In entrambi i casi il punto di riferimento per vantare il proprio diritto è il rivenditore. La garanzia prevede la riparazione del bene, con la sostituzione delle componenti difettose con pezzi originali, dei quali è solitamente garantita la presenza sul mercato per un periodo che va dai 5 ai 7 anni, dall’ultima produzione dei modelli interessati.

Quando si è in presenza di un difetto funzionale, questo deve essere dichiarato entro 2 mesi dalla sua scoperta. Questo elemento è importante in quanto anche se i 24 mesi sono trascorsi, possiamo ancora comunicare un difetto del quale siamo venuti a conoscenza l’ultimo giorno dei 24 mesi di garanzia.

Prima di conoscere i passaggi per far valere la riparazione, bisogna dire che ci sono delle condizioni per le quali la garanzia del prodotto è esclusa. Difatti tutti i difetti derivanti da un uso improprio, quindi un impiego che non tiene conto delle indicazioni di utilizzo riportate sui libretti di istruzioni, da alterazioni nell’alimentazione elettrica, dall’introduzione di oggetti o sostanze non consentite, da una mancata ed ordinaria manutenzione ed altro, fanno decadere il diritto alla garanzia. Per rendere l’idea, prendiamo il caso in cui, un ferro da stiro che utilizziamo da anni, nel quale inseriamo acqua di rubinetto, e per il quale non abbiamo mai effettuato una decalcificazione, l’otturazione del vapore o difetti legati all’elevata formazione di calcare, non rientrano, seppur sono un malfunzionamento del prodotto, nella copertura in garanzia.

Il difetto funzionale dichiarato entro i 2 mesi dalla scoperta, può vantare la riparazione in garanzia o se è il caso la sostituzione dell’apparecchio con un modello uguale o se non disponibile con le stesse qualità.

In queste circostanze, muniti di prova d’acquisto, si può portare l’elettrodomestico al rivenditore o direttamente presso il centro di assistenza tecnico più vicino.

Logo Smeg.
Logo Siemens.
Logo Severin.
Logo Samsung
Logo Rowenta.
Logo Philips.
Logo Moulinex.
Logo Miele.
Logo Lg.
Logo Laica.
Logo Kenwood.
Logo Imetec.
Logo Howell.
Logo Hotpoint.
Logo Hoover.
Logo Girmi.
Logo Ferrari.
Logo De Longhi.
Logo Dcg.
Logo Braun.
Logo Bosch.
Logo Black Decker.
Logo Ariete.
Logo Alessi.

Pubblicato: 01 aprile 2016

 
 
 
 
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessareti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Per stabilire se la resistenza di riscaldamento dell’acqua della lavastoviglie è funzionante è necessario eseguire un test per verificare se c’è continuità ohmica. Per eseguire tale controllo è necessario essere in possesso di un tester. La prova può essere eseguita direttamente sulla resistenza montata sulla lavastoviglie senza la necessità di doverla smontare.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Presente in tutte le case, la lavatrice è un elettrodomestico che in alcuni casi risulta sconosciuto, nel senso che, sappiamo esattamente a cosa serve, ma non tutti i membri della famiglia sanno utilizzarlo. Ci troviamo pertanto, in alcuni casi, a dover impostare un ciclo di lavaggio e non sapere assolutamente da dove iniziare.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Molto spesso, a meno che non si tratti di un difetto di natura elettronica, quando la lavastoviglie inizia improvvisamente a scaricare l’acqua e continua a farlo ininterrottamente anche se viene spenta, significa che si è attivato il sistema dell’antiallagamento. Per riuscire a bloccarla in alcuni casi è necessario proprio staccare la spina di alimentazione elettrica.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tra i tanti prodotti per il riscaldamento domestico secondario rientra il tradizionale termosifone ad olio, aspetta! Ad olio non significa che lo utilizza come combustibile per produrre calore: è solo un elemento necessario al suo funzionamento! I radiatori ad olio funzionano con la corrente elettrica difatti vengono classificati con il nome di "termosifoni elettrici". Di tale termine sono sinonimi: radiatore e calorifero.  Quando ci si riferisce al termosifone si intende il termosifone portatile o i termosifoni a parete alimentati elettricamente con al loro interno l'olio o un liquido equivalente (olio minerale).
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

In un precedente articolo ci eravamo già occupati dei passaggi che erano avvenuti nel tempo, tra i diversi gas del condizionatore, quindi del vecchissimo R 22, al passaggio al gas R407C, per poi arrivare in tempi non molto lontani al più performante e meno inquinante (in caso di dispersione), del gas R410A.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

In un mercato in continua evoluzione, sempre più proteso alla tutela dell’ambiente da una parte, ed al garantire minori costi per le famiglie dall'altra, si affacciano prodotti, che riscontrano un immediato successo, quali i sistemi ad uso domestico per il trattamento dell’acqua.
 
 
 
 
 
 
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea