Spazio trasparente.
 

Dettagli sulla copertura in garanzia di difetti e malfunzionamenti dei piccoli elettrodomestici.

 
Marche.
Come noto tutti i beni di consumo, quindi anche i piccoli elettrodomestici, sono coperti da una garanzia, definita legale, che ha la durata di 24 mesi. Cerchiamo però di capire nel dettaglio come funziona e come bisogna agire in caso si verifichi un difetto su un acquisto che abbiamo effettuato.

La garanzia, ha validità a decorrere dal momento in cui il bene viene acquistato, fino al termine dell’ultimo giorno del periodo anzidetto. Per far valere la garanzia bisogna essere in possesso di un documento fiscale, quindi lo scontrino, la fattura o altro documento, che ne attesti la data di inizio. A seconda che l’acquisto viene effettuato come persona fisica o con partita iva, la durata varia, scendendo a 12 mesi nel secondo caso, in quanto l’uso professionale dell’elettrodomestico, ne comporta un maggiore utilizzo ed una usura accelerata.

I difetti che si possono riscontrare sono di due tipi, il primo di natura prettamente tecnica, parliamo di malfunzionamento di componenti o parti dell’apparecchio, l’altro è di conformità, ovvero quando il bene non è conforme all’utilizzo che abitualmente si fa del bene o le prestazioni enunciate dal venditore non sono corrispondenti al vero o quando non è conforme alla descrizione fatta dal venditore o anche in eventuali pubblicità.

In caso di difetto di conformità, se non ripristinabile, in quanto l’apparecchio è tutt’altro rispetto a quanto palesato, si può richiedere la risoluzione del contratto, del quale però può esserne responsabile direttamente il rivenditore, è il caso in cui la presentazione delle caratteristiche, da lui enunciate, non corrispondono al vero, o il produttore, nel caso in cui viene indicato possedere proprietà di cui non dispone. In entrambi i casi il punto di riferimento per vantare il proprio diritto è il rivenditore.

La garanzia prevede la riparazione del bene, con la sostituzione delle componenti difettose con pezzi originali, dei quali è solitamente garantita la presenza sul mercato per un periodo che va dai 5 ai 7 anni, dall’ultima produzione dei modelli interessati.

Quando si è in presenza di un difetto funzionale, questo deve essere dichiarato entro 2 mesi dalla sua scoperta. Questo elemento è importante in quanto anche se i 24 mesi sono trascorsi, possiamo ancora comunicare un difetto del quale siamo venuti a conoscenza l’ultimo giorno dei 24 mesi di garanzia.

Prima di conoscere i passaggi per far valere la riparazione, bisogna dire che ci sono delle condizioni per le quali la garanzia del prodotto è esclusa. Difatti tutti i difetti derivanti da un uso improprio, quindi un impiego che non tiene conto delle indicazioni di utilizzo riportate sui libretti di istruzioni, da alterazioni nell’alimentazione elettrica, dall’introduzione di oggetti o sostanze non consentite, da una mancata ed ordinaria manutenzione ed altro, fanno decadere il diritto alla garanzia. Per rendere l’idea, prendiamo il caso in cui, un ferro da stiro che utilizziamo da anni, nel quale inseriamo acqua di rubinetto, e per il quale non abbiamo mai effettuato una decalcificazione, l’otturazione del vapore o difetti legati all’elevata formazione di calcare, non rientrano, seppur sono un malfunzionamento del prodotto, nella copertura in garanzia.

Il difetto funzionale dichiarato entro i 2 mesi dalla scoperta, può vantare la riparazione in garanzia o se è il caso la sostituzione dell’apparecchio con un modello uguale o se non disponibile con le stesse qualità.

In queste circostanze, muniti di prova d’acquisto, si può portare l’elettrodomestico al rivenditore o direttamente presso il centro di assistenza tecnico più vicino.

Logo Smeg.
Logo Siemens.
Logo Severin.
Logo Samsung
Logo Rowenta.
Logo Philips.
Logo Moulinex.
Logo Miele.
Logo Lg.
Logo Laica.
Logo Kenwood.
Logo Imetec.
Logo Howell.
Logo Hotpoint.
Logo Hoover.
Logo Girmi.
Logo Ferrari.
Logo De Longhi.
Logo Dcg.
Logo Braun.
Logo Bosch.
Logo Black Decker.
Logo Ariete.
Logo Alessi.

Pubblicato: 1 aprile 2016

 
articoli sul tema:
 
spazio
Potrebbe interessarti
   
Spazio trasparente.
Abbiamo già visto in degli articoli precedenti i codici di errore riferiti al non funzionamento di lavatrici e lavasciuga della Whirlpool, quelli di prodotti della vecchia linea, quelli della produzione recente, quelli delle vecchie lavatrici con i led, quindi come interpretare la loro accensione e capire il difetto.

Pubblicato:
martedì 24 marzo 2020
 
   
Spazio trasparente.
È oramai consolidato il concetto di equivalenza tra la classe energetica A con il basso consumo energetico. L’acquisto della lavatrice è pertanto dettato dalla presenza di questo requisito, che si evince dalla certificazione energetica presente all’interno del prodotto.

Pubblicato:
venerdì 28 ottobre 2011
 
   
Spazio trasparente.
La rumorosità della lavastoviglie è deducibile in fase di scelta dalle indicazioni riportate sull’energy label, che ne indica chiaramente i decibel db(a) prodotti in fase di lavaggio. Pertanto se vogliamo un modello silenzioso poniamo particolare attenzione a questo dato.

Pubblicato:
martedì 18 giugno 2019
 
   
Spazio trasparente.
Sugli scaffali dei negozi sia fisici che on-line ce ne sono un’infinità. A priva vista sembrano tutti uguali se non per differenze estetiche, alcuni con colori accattivanti, altri con forme armoniose, ma oltre a come si presentano ci sono molte altre differenze da valutare.

Pubblicato:
mercoledì 26 gennaio 2011
 
   
Spazio trasparente.
De Longhi è il marchio italiano più conosciuto per la produzione di deumidificatori d’aria, possiamo anche affermare che questo prodotto è un elemento fondamentale della sua produzione, ricordando che l’azienda è anche specialista nella produzione di altri prodotti, come stufe, apparecchi per il riscaldamento elettrico, e tanto altro.

Pubblicato:
giovedì 9 novembre 2017
 
   
Spazio trasparente.
Come è risaputo un condizionatore d’aria fisso, quindi parliamo degli split da parete, anche se i concetti che andremo ad esprimere possono riguardare anche altre tipologie di impianti, espellono acqua durante il loro funzionamento. Tale condizione è del tutto normale e deve verificarsi in modo regolare, altrimenti ci può essere qualcosa che non funziona correttamente.

Pubblicato:
giovedì 18 febbraio 2016
 
   
Spazio trasparente.
Ogni modello di lavastoviglie Hotpoint Ariston è progettata per indicare in caso di un’anomalia di funzionamento, attraverso il display led o tramite le spie di funzionamento il difetto riscontrato.

Pubblicato:
giovedì 10 luglio 2014
 
   
Spazio trasparente.
Oltre alle caratteristiche generali, la scelta della lavastoviglie è influenzata dalla classe energetica. Chiaramente in prima battuta, essendo a conoscenza di una scala di consumi che va dalla A+++ alla D, la selezione che automaticamente il nostro cervello elabora, è quella di escludere tutte le classi che non siano la A+++. Il concetto è logico ed esatto nella sostanza, se non fosse per la differenza di prezzo che c’è tra le diversi classi.

Pubblicato:
lunedì 24 settembre 2012
 
   
Spazio trasparente.
A seconda del modello di lavastoviglie appartenente al marchio Candy o Hoover, che in buona sostanza appartengono alla stessa azienda, anche se propongono modelli differenti nelle caratteristiche ed anche leggermente nelle linee, in caso di malfunzionamento, lo stesso può essere comunicato con delle segnalazioni tramite i led, oppure, nei modelli dotati di display digitale, con l’indicazione di un codice di errore.

Pubblicato:
lunedì 10 febbraio 2020
 
   
Spazio trasparente.
Oggi ci soffermiamo su una novità veramente importante che riguarda la funzionalità dell’aspirapolvere o scopa elettrica, ovvero il sacchetto.

Pubblicato:
giovedì 15 settembre 2011
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su