Spazio trasparente.
 

Analizziamo nel dettaglio come si articola la garanzia legale della Rowenta

 
Marche.
I piccoli elettrodomestici del marchio Rowenta sono garantiti per un periodo di 24 mesi, che decorre dal momento in cui viene effettuato l’acquisto al termine dello stesso. Per poter usufruire della garanzia bisogna essere in possesso della prova d’acquisto, scontrino fiscale o altro documento, pena la decadenza al diritto alla garanzia.

Per tutto questo periodo, eventuali malfunzionamenti e riparazioni sono a carico del produttore, che si impegna a ripararle senza nessun costo per il consumatore e, in caso di non riparabilità a sostituire l’elettrodomestico con uno stesso modello nuovo o, se non disponibile, con un modello simile di pari caratteristiche.

In caso di difetto le strade perseguibili per il consumatore sono tre: consegnare il prodotto al rivenditore, questo provvederà ad inviarlo presso i canali indicati dal produttore per la riparazione: portarlo direttamente al centro assistenza autorizzato di zona o spedirlo alla Rowenta.

Nel momento in cui il prodotto viene consegnato al rivenditore, presso il quale è stato acquistato, è importante verificare insieme a questi, che non presenti danni estetici o se esistenti indicarli, e nel complesso specificare il suo stato generale di usura, questo per poter eventualmente contestare danni provocati durante la successiva movimentazione. È importante in questa fase disporre possibilmente dell’imballo originale o di un imballo adeguato per mantenere la sua integrità ed agevolare le operazioni del suo ritiro. Il rivenditore rilascerà una ricevuta attestante la sua presa in consegna ed in taluni casi i tempi previsti per la riparazione.

Termini di garanzia.

Per saltare un passaggio e velocizzare i tempi, in caso di vicinanza alla propria residenza, del centro assistenza tecnico autorizzato, si può portare l’elettrodomestico direttamente al centro. Da questa pagina è possibile inserendo il proprio cap identificare il centro a se più vicino.

Per la spedizione, più dei due casi precedenti, è di fondamentale importanza che il prodotto sia imballato in modo corretto, i danni da trasporto non sono coperti da garanzia, ed è ancora meglio che sia inserito nel suo imballo originale, in modo tale che in caso di ipotetiche sostituzioni il cambio possa avvenire senza nessun intoppo.

La garanzia copre tutti i difetti funzionali dell’elettrodomestico, restano però esclusi i danni da mal utilizzo, ad esempio se si fa un uso professionale del bene, per il quale chiaramente l’apparecchio non è predisposto, se si introducono oggetti o sostanze non consentite, se si utilizza nel caso di ferri da stiro o a caldaia, acqua con molto calcare che può inficiare il sistema del vapore o altro, se non viene effettuata una corretta decalcificazione, se la tensione elettrica impiegata non è appropriata all’apparecchio ed altro.

La garanzia dei piccoli elettrodomestici non è, come avviene in alcuni grandi elettrodomestici, prolungabile ad un periodo di tempo maggiore.

In queste circostanze, muniti di prova d’acquisto, si può portare l’elettrodomestico al rivenditore o direttamente presso il centro di assistenza tecnico più vicino.

LE ALTRE GARANZIE

Logo Smeg.
Logo Siemens.
Logo Severin.
Logo Samsung
Logo Rowenta.
Logo Philips.
Logo Moulinex.
Logo Miele.
Logo Lg.
Logo Laica.
Logo Kenwood.
Logo Imetec.
Logo Howell.
Logo Hotpoint.
Logo Hoover.
Logo Girmi.
Logo Ferrari.
Logo De Longhi.
Logo Dcg.
Logo Braun.
Logo Bosch.
Logo Black Decker.
Logo Ariete.
Logo Alessi.

Pubblicato: 1 aprile 2016

 
articoli sul tema:
 
spazio
Potrebbe interessarti
   
Spazio trasparente.
Molte volte si sente parlare della diversa capacità di raffreddamento di un frigorifero in base alla tecnologia utilizzata, tra no-frost, ventilata o statica. La conclusione dell’analisi verte sulla migliore capacità di conservare gli alimenti del no-frost, poi del ventilato ed infine dello statico.

Pubblicato:
giovedì 22 settembre 2011
 
   
Spazio trasparente.
Il panorama delle lavatrici proposte sul mercato ha raggiunto per quanto riguarda il consumo di energia elettrica dei risultati degni di grande apprezzamento. Non sono più commercializzate, anche perché non sono più prodotte, almeno per quanto riguarda la maggior parte dei mercati, lavatrici di classe inferiore alla A. Ci orientiamo all’acquisto, solitamente su un prodotto medio, in altri casi pretendendo delle migliori prestazioni di lavaggio, asciugatura e programmi speciali su una lavabiancheria di alta qualità. In ogni caso abbiamo acquistato un prodotto in classe A, associando alla categoria energetica in questione il basso consumo.

Pubblicato:
mercoledì 26 gennaio 2011
 
   
Spazio trasparente.
La pompa di scarico in una lavatrice o lavasciuga, ma anche in una lavastoviglie, ha la funzione di espellere l’acqua dall’interno della vasca, nel momento in cui il programma di lavaggio lo necessita, questo abitualmente si verifica prima dell’inizio della fase di carico dell’acqua, successivamente durante la fase dei risciacqui ed infine al termine del lavaggio.

Pubblicato:
mercoledì 12 aprile 2017
 
   
Spazio trasparente.
Premesso che ogni condizionatore ha una sua potenza termica e per capirci meglio per tale potenza si intende quella che comunemente è identificata con i btu/h, va detto che nello scegliere un impianto si può commettere un errore grossolano in riferimento a detta potenza.

Pubblicato:
martedì 13 ottobre 2015
 
   
Spazio trasparente.
L’1 gennaio del 2013 è entrata in vigore la normativa che impone l’obbligo di utilizzare una specifica energy label per i climatizzatori domestici fino ad una potenza di 12 Kw.

Pubblicato:
martedì 8 aprile 2014
 
   
Spazio trasparente.
Come già spiegato in altri articoli per identificare il consumo energetico di una lavatrice basta leggere il dato riportato sulla Energy label applicata su di essa. Tuttavia l’identificazione del consumo non ci consente di farci un’idea immediata di quanto sia la differenza tra le diverse classi energetiche.

Pubblicato:
martedì 29 maggio 2012
 
   
Spazio trasparente.
L’idea di guardare il televisore con una dimensione in più risale già a tempi molto lontani, ed esattamente intorno all’anno 1920 cominciavano le prime sperimentazioni, riprese successivamente intorno agli anni ’70 quando si cominciarono ad usare degli occhiali con lenti bicolore, in grado di generare un effetto tridimensionale, naturalmente molto lontano da quello attuale.

Pubblicato:
martedì 31 maggio 2011
 
   
Spazio trasparente.
Nell’arco di pochissimi anni l’evoluzione tecnologia ha coinvolto moltissimi settori, ed abbiamo assistito ad un veloce processo di cambiamento di tanti prodotti, che fino a quel momento, proponevano un funzionamento basato su processi meccanici. Oltre alla più palese delle evoluzioni tecnologiche, quella che ha coinvolto il mondo della comunicazione, c’è quella che ha interessato il mondo degli elettrodomestici.

Pubblicato:
venerdì 31 dicembre 2010
 
   
Spazio trasparente.
Avvertire una scossa di elettricità, nel momento in cui si viene a contatto con la lavatrice o la lavastoviglie, è un avvenimento poco piacevole, che ci indica che siamo in presenza di una anomalia. La scossa è avvertita solitamente nel momento in cui, soprattutto in presenza di mani bagnate, si urta il mobile o magari quando dopo aver aperto l’oblò della lavatrice, tocchiamo gli indumenti bagnati.

Pubblicato:
venerdì 10 febbraio 2017
 
   
Spazio trasparente.
Tra un po' arriverà il grande caldo e allora, prima che vi colga impreparati, sarebbe giusto assicurarsi del corretto funzionamento dei condizionatori d'aria. La loro cura è un processo fondamentale per garantire l'efficienza dell'impianto di climatizzazione e scongiurare problemi tecnici che impedirebbero alla macchina di svolgere un buon lavoro.

Pubblicato:
mercoledì 3 giugno 2015
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su