Spazio trasparente.
 
Analizziamo nel dettaglio cosa offre la garanzia legale e convenzionale del produttore Ignis, Whirlpool e Bauknecht.
 
Marche.
Gli elettrodomestici Ignis, Whirlpool e Bauknecht, in questo caso parliamo di tre marchi insieme, in quanto facenti parti dello stesso gruppo e uniformati nella gestione della garanzia convenzionale e supplementare, sono coperti da 24 mesi di garanzia.

La garanzia viene validata dal possesso di un documento fiscale, scontrino, fattura o altro, che attesta la data di acquisto, il nome del venditore ed il modello. A seconda di quando il difetto si manifesta il consumatore deve farsi carico del costo della chiamata del tecnico, nei primi sei mesi è inclusa, nei mesi successivi, a meno che non si dimostri il vizio di conformità, deve essere corrisposta al tecnico. Manodopera e ricambi originali restano a carico del produttore. Nel caso la riparazione imponga il controllo in laboratorio, il costo del trasporto è gratuito. Verrà addebitato al consumatore solo nel  caso in cui vieti la riparazione presso il suo domicilio. Riparazioni effettuate da personale non autorizzato fanno decadere la garanzia.

La garanzia decade in tutti quei casi in cui il difetto non è imputabile direttamente ad un vizio del prodotto, ma causato da fattori esterni, quali installazione non conforme, uso improprio, impianti non appropriati ed altro. Altresì il diritto alla garanzia decade se per un utilizzo professionale dell’apparecchio.

Durante i 24 mesi i prodotti sono soggetti alla riparazione o alla sostituzione solo nel caso in cui il ripristino del funzionamento diventi impossibile.

Per richiedere l’intervento del tecnico bisogna contattare il numero a pagamento 199 580 480. Il costo della chiamata da rete fissa è di 14,4 centesimi di euro al minuto compreso di iva, per le chiamate da cellulare il costo può variare in base all’operatore utilizzato, ed in ogni caso non possono superare i 42,4 centesimi di euro al minuto compresi di iva ed uno scatto alla risposta di 15,6 centesimi.

Termini di garanzia Ignis.

Termini di garanzia Whirlpool.

Con Ignis, Whirpool e Bauknecht, si può usufruire di un periodo di assistenza supplementare fino ad un massimo di 8 anni. Per la garanzia supplementare valgono le regole e le limitazioni della garanzia convenzionale, fatto eccezione per il diritto fisso di chiamata, che deve essere corrisposta al tecnico e fissato nella somma di 25,00 euro più iva.

Nel regolamento vengono specificati alcuni aspetti riguardanti la riparazione, ovvero che il prodotto da riparare deve trovarsi in un luogo sicuro, in caso contrario il tecnico può rifiutare la riparazione. In caso di rifiuto di riparazione a domicilio, le spese di trasporto sono a carico del consumatore, come a suo carico è la cura dell’imballo per affrontare il viaggio. La riconsegna del prodotto è stabilita presso il centro di riparazione. Qualora il prodotto si trova in un territorio, dove non presente l’assistenza e non raggiungibile attraverso l’ordinaria viabilità stradale decade l’onere della prestazione.

Il costo per l’estensione di garanzia varia a seconda del tipo di elettrodomestico, della durata scelta e del tempo di sottoscrizione.
Viene riservato uno sconto del 10% se la garanzia viene sottoscritta entro 30 giorni dall’acquisto. Dal 30° giorno e fino alla fine dei 24 mesi il costo rimane invariato.

Per attivare la garanzia supplementare, si può effettuare un versamento seguendo le indicazioni riportate nel certificato di garanzia che si trova nell’elettrodomestico al momento dell’acquisto o effettuare la procedura on-line, che richiede la registrazione.

Per la sottoscrizione on-line e conoscere i costi di adesione vai a questa pagina.

Per conoscere i dettagli della garanzia supplementare questa è la pagina.

Con Bauknecht è possibile usufruire di un periodo di garanzia totale sul prodotto, per conoscere costi e modalità bisogna sottoscrivere un documento ed inviarlo all'azienda.

LE ALTRE GARANZIE

Logo Hotpoint Ariston.Logo Rex Electrolux.Logo Hoover.Logo Aeg Electrolux.Logo Bosch.Logo Candy.Logo Haier.Logo Ignis.Logo Whirlpool.Logo Bauknecht.Logo Indesit.Logo Liebherr.Logo Miele.Logo Nardi.Logo Sangiorgio.Logo Smeg.Logo Zoppas.Logo Samsung.
Pubblicato: 09 novembre 2012
Articolo aggiornato: mercoledì 3 settembre 2014

 
articoli sul tema:
commenti:
Icona regione.
Luciano da Catania giorno 03/09/2014
Salve, ho acquistato un congelatore a pozzetto Whirpool e fin da subito quando è in funzione fa un forte rumore, come se stessi friggendo patatine nell'olio bollente oltre a strani gorgoglii, sono andato a riferire il problema al rivenditore chiedendo la sostituzione del congelatore, il rivenditore mi ha detto che la sostituzione era possibile solo dopo una relazione del tecnico autorizzato che ne constatasse il malfunzionamento e la non riparabilità, lo stesso rivenditore ha contattato l'assistenza che venuta a constatare il problema da me riscontrato, certificava il perfetto funzionamento del congelatore adducendo che tale rumore era normale in questa tipologia di congelatore, allora gli facevo osservare che da prove di misurazione dei db di rumore effettuati con un'apparecchiatura scaricata sul mio smartphone si evinceva una rumorosità di 57 db misurata alla distanza di 1 metro dal congelatore, ben superiore a quella riportata nella targhetta del congelatore che è di 41 db, il tecnico ha ritenuto inaffidabile la misurazione da me effettuata e che lui non aveva gli strumenti per verificare il livello di rumorosità. Ripetendo più volte le prove di misurazione della rumorosità a congelatore staccato nell'ambiente vi sono 28 - 30 db di rumore appena attacca il congelatore il rumore sale a 55-57 db, se mi avvicino a pochi centimetri dal congelatore sale a 62-65 db, E' normale tutto ciò? Come posso intervenire esigere la sostituzione o riparazione del congelatore considerato che il rivenditore fa dipendere l'eventuale sostituzione dalla relazione del tecnico Whirpool?
 
Icona elettro-domestici.com
 
 
Buongiorno Luciano, la questione per quanto semplice diventa complicata, nel senso che se acquisti un congelatore che dovrebbe produrre 41 db di rumore ed invece ne produce dai 55 ai 65 db, siamo in presenza di un difetto di conformità. Il bene non è conforme a quanto descritto nelle condizioni di vendita o a quanto si poteva evincere dalle caratteristiche pubblicizzate. La prova dovrebbe essere effettuata dal centro assistenza, che dice di non avere gli strumenti e pertanto ancor di più in difetto. A mio avviso devi farti rilasciare il rapporto di intervento dove devono indicare il motivo della chiamata e le soluzioni adoperate per risolvere il difetto ed in questo caso anche che non hanno potuto fare la misurazione. La strada da percorrere è quella dell’insistenza, battiti sulla con il rivenditore e con il cat, o quella legale, alla prima lettera si muoveranno.
 
spazio
Potrebbe interessarti
   
Spazio trasparente.
La termocoppia della cucina, oramai obbligatoria su tutti i piani di cottura di qualsiasi tipologia, ha la funzione di bloccare la fuoriuscita del gas in caso di spegnimento accidentale del fornello.

Pubblicato:
venerdì 9 settembre 2016
 
   
Spazio trasparente.
Parametro fondamentale ed anche uno dei principali, preso in considerazione per l’acquisto di una lavatrice, è quello del consumo di energia elettrica, oltre ad esso, chiaramente, c’è anche l’aspetto legato al consumo dell’acqua. Ulteriormente a questi, ci sono altri dati molto importanti come la rumorosità, la classe e la velocità di centrifuga (asciugatura), logicamente i cicli di lavaggio, quindi il tipo di programmazione.

Pubblicato:
giovedì 25 febbraio 2016
 
   
Spazio trasparente.
Abbiamo già delineato questa tipologia di raffreddamento nella “guida frigorifero” dove viene definito “ Dynamic Frost Free”, una tecnologia relativamente recente che mette insieme le peculiarità del sistema No Frost a quelle dello statico o ventilato.

Pubblicato:
giovedì 19 novembre 2015
 
   
Spazio trasparente.
La scelta di un deumidificatore è subordinata ad un corretto dimensionamento, ovvero nell’identificare le caratteristiche della stanza in cui deve effettuare la deumidificazione. Ricordiamo che i valori da tenere in considerazione sono il volume, la percentuale di umidità e la temperatura dell’ambiente.

Pubblicato:
giovedì 8 ottobre 2015
 
   
Spazio trasparente.
Azienda italiana, la Cuoghi, con sede ad Albignasego in provincia di Padova, caratterizzata da una gestione familiare, produce tre linee di deumidificatori, una per uso domestico, una professionale ed una per piscine. In questo articolo ci soffermeremo sulle prime due linee andando ad analizzare singolarmente i modelli, in modo da evincere le qualità di questi deumidificatori.

Pubblicato:
lunedì 14 settembre 2015
 
   
Spazio trasparente.
Un’anomalia di funzionamento della lavatrice o lavasciuga, alla quale ci si trova davanti dopo alcuni anni del suo utilizzo è quella del cestello che non gira. Prima di andare avanti precisiamo che il fermo del cestello può dipendere da diversi fattori, ma in particolare in questo caso ci riferiamo ad una condizione del tutto normale, conseguente alla regolare usura delle spazzole a carboncino.

Pubblicato:
lunedì 25 maggio 2015
 
   
Spazio trasparente.
Il condizionatore portatile come quello fisso, si differenzia oltre che per le caratteristiche funzionali specifiche , che ogni singolo modello può vantare, per la capacità termica, ovvero, per dirla molto semplicemente, per la quantità di aria che riesce a mandare.

Pubblicato:
giovedì 19 marzo 2015
 
   
Spazio trasparente.
L’utilizzo del deumidificatore è concentrato in modo particolare nel periodo autunnale ed invernale, in presenza di una maggiore manifestazione delle conseguenze dell’umidità, tuttavia il suo effetto è benefico anche nel periodo primaverile ed in modo particolare in estate.

Pubblicato:
giovedì 15 gennaio 2015
 
   
Spazio trasparente.
Succede in molti casi che lo spazio dedicato alla lavanderia, dove già è presente la lavatrice, sia ridotto e la possibilità di installare una asciugatrice diventi improbabile a causa delle sue dimensioni.

Pubblicato:
giovedì 23 ottobre 2014
 
   
Spazio trasparente.
Dopo tanti anni in cui il settore dell’aspirazione è rimasto estraneo all’etichettatura energetica, non fornendo ai consumatori strumenti per poter determinare i consumi dei diversi modelli di aspirapolvere, finalmente a decorrere dal 1 settembre 2014, l’aspirazione viene regolamentata da una specifica energy label.

Pubblicato:
martedì 9 settembre 2014
 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su