Caratteristiche generali e le particolarità delle cucine Rex Electrolux del catalogo 2012.

Circa 20 modelli di cucine proposte sul mercato dalla Rex Electrolux, la gamma si divide in cucine con larghezza di 50 cm, 60 cm e 90 cm. La profondità rimane di 60 cm ad esclusione di alcuni modelli della linea 50 cm e 60 cm, dove possiamo trovare una profondità di 50 cm.

La gamma si divide in cucine con maxiforno sia elettrico che a gas, cucine con il porta bombola nella versione elettriche e gas e con la colorazione inox e bianca , la linea 60 e 50 cm anche in questo caso con la variante di colore e di alimentazione elettrica e gas. Infine due modelli con il piano cottura in vetroceramica.

Fatta una panoramica generale, vediamo quali sono le particolarità delle cucine Rex Electrolux da sottolineare.

Prima in assoluta è l’impiego della lana bianca, anziché quella gialla, per isolare il forno. Tutti i modelli impiegano questo tipo di materiale che riteniamo sia da tenere in considerazione in merito alla qualità del prodotto. La lana bianca ha due vantaggi molto importanti, il primo da un punto di vista salutare, infatti è un materiale ecologico che non emette sostanze tossiche, il secondo da un punto di vista del risparmio, infatti ha una capacità isolante superiore che consente un risparmio energetico del 5%.

Vetri ipotermici termo riflettenti, identificato con il nome CoolDoor, impiega per il forno un doppio vetro, che rimanda all’interno il calore, evitando sprechi di energia e mantenendo la temperatura esterna bassa. Questo sistema ha permesso alle cucine che ne sono dotate, non tutta la gamma lo propone, di ottenere un diminuzione del consumo energetico andando oltre la classe A di un 10%.

Ventola decentrata, in questo caso solo per le cucine ventilate, consente di migliorare la circolazione dell’aria. La posizione guardando un forno frontalmente è sulla parte sinistra.

Per la pulizia del forno c’è il particolare trattamento “Clear‘n Clean”, uno smalto a struttura vetrosa che rende la parte interna del forno (muffola), antiaderente. Con questo tipo di trattamento, che è stato dimostrato non perdere di resa con il tempo, i residui e gli schizzi della cottura sono molto più semplici da pulire.

Per quanto riguarda il piano di cottura, i fuochi sono identificati come “Pure Flame”, ovvero fiamma pura. Per capire cosa significa dobbiamo fare un passettino indietro e precisare che durante il processo di combustione, quindi quando accendiamo il fornello, vengono emesse delle sostanze tossiche, quali il monossido di carbonio e l’ossido di azoto. Il primo è tossico per la salute dell’uomo, il secondo è causa del buco dell’ozono. Per diminuire al massimo queste emanazioni, la fiamma deve essere e mantenersi il più regolare possibile, quindi di un colore azzurro, senza sbavature di giallo. I fornelli in questione sono stati ottimizzati ed il processo di combustione è migliorato raggiungendo un indice di rendimento del 62%. Conseguenza è la diminuzione dell’emissione delle sostanze nocive che rispetto a quanto la normativa stabilisce sono inferiori del 50%. Sempre sul piano la tripla corona riesce a raggiungere a seconda del modello una potenza di 4 kw.

Infine come novità, c’è l’inserimento di due modelli di cucina con il piano cottura in vetroceramica. Le zone di cottura sono quattro con due zone da 140 mm e due da 180 mm di diametro, con una rispettiva potenza di 1200 watt e 1800 watt. Complessivamente il piano cottura ha un assorbimento massimo di 6000 watt. Chiaramente questo tipo di cucina necessita di una disponibilità energetica elevata, non è sufficiente il classico impianto di casa da 3 kw. Molto probabilmente può avere un ottimo impiego in quelle abitazioni che sfruttano sistemi di approvvigionamento elettrico alternativi.
Ultima pubblicazione: 15/11/2012
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Indispensabile in ogni cucina per eliminare i cattivi odori ed i vapori generati durante la preparazione dei nostri pasti, è la cappa.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La maggior parte dei forni da incasso o delle cucine libere da installazione sono dotate del forno elettrico. Ci sono però anche dei modelli di forno in entrambe le categorie, che possiedono il forno a gas.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Ogni fornello del piano di cottura della cucina è comandato da un pomello, che ne consente l’accensione e ne regola l’intensità della fiamma. Difatti ruotando tale manopola in senso antiorario la fiamma si abbassa, mentre girandolo in verso orario la fiamma si alza.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Il piano di cottura è certamente un elemento essenziale ed indispensabile in ogni cucina componibile, può, a seconda dello spazio che destiniamo alla sua collocazione, essere di misure diverse.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Pulire l’interno del forno è una operazione che deve essere eseguita al termine di ogni cottura, dopo che le pareti e tutta la cavità interna si è raffreddata. Farlo subito consente una maggiore facilità di pulizia in quanto eventuali residui e schizzi di cibo sulle superfici interne sono ancora fresche e pertanto si rimuovono molto più facilmente.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Sia che si tratti di una cucina libera da installazione o un piano cottura da incasso il funzionamento può avvenire sia con gas gpl che con gas metano. A seconda del modello, la fabbrica predispone la cottura con gas gpl o gas metano seguendo nella maggior parte dei casi una logica comune, che ci consente di capire solo guardando il prodotto se si tratta di un piano cottura gpl o metano o nel caso di una cucina non da incasso il tipo di gas a cui è predisposta.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea