Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Panoramica sui diversi modelli, della gamma 2013 delle lavastoviglie Indesit.

La gamma delle lavastoviglie Indesit a libera installazione presente sul catalogo 2013 si compone di dieci modelli, divisi in otto con misure standard tradizionali e due compatte. Nel dettaglio delle misure abbiamo sei modelli con larghezza da 60 cm, altezza 85 cm e profondità 60 cm, due modelli con larghezza ridotta a 45 cm ed infine le compatte che hanno una dimensione di 44 cm di larghezza, 55 cm di altezza e 52 cm di profondità.

Le lavastoviglie si dividono tra quattro modelli top di gamma: DFP 5841 M NX (14 coperti – classe A+ - Finitura Iridium), DFP 5841 M (14 coperti – classe A+ - Bianco), DFP 2731 M NX (14 coperti – classe A+ - Inox) e DFP 272 (12 coperti – classe A - Bianco) dotate di tecnologia Prime, in grado di ottimizzare, grazie alla presenza di un sensore, che riconosce l’intensità dello sporco, i risultati di lavaggio permettendo il minor spreco di acqua e di energia elettrica. Dotate di un display digitale, dal quale programmare i diversi cicli di lavaggio, i modelli DFP 5841 M NX e DFP 5841 M hanno in più il ciclo normale ed intensivo automatico, che in totale autonomia riesce a determinare ed adattare al tipo di sporco la temperatura del lavaggio, ottimizzando ulteriormente i risultati rispetto allo stesso ciclo negli altri modelli dove il ciclo non è automatico.

Altri due cicli di lavaggio innovativi, sempre in questi due modelli, sono il Normal Speed+ e l’Intensive Speed+, che consentono di velocizzare la durata del ciclo, facendo risparmiare fino al 30% di tempo. Tale risultato si ottiene grazie alla regolazione ed ottimizzazione dei getti di acqua.

Sui modelli DFP 2731 M NX e DFP 272 invece troviamo il ciclo di lavaggio Smart Sixty, che consente di lavare in 60 minuti un carico di stoviglie, pari a 6 o 7 coperti, con sporco normale.

Importante per chi utilizza le pastiglie All in 1 è la presenza del tasto “Easy4Tabs” sui modelli topo di gamma DFP 5841 M NX e DFP 5841 M e sul modello con larghezza ridotta DSG 573 S. Questa opzione consente di far sciogliere i vari componenti della pastiglia nel momento più appropriato durante la fase del lavaggio, consentendo quindi di ottenere un buon risultato di lavaggio.

A seguire altri due modelli sempre con 60 cm di profondità, ovvero DFG 2631M NX (14 coperti – classe A+ -Inox) e DFG 152 B (12 coperti – classe A - Bianco), dotate di manopola bidirezionale per la programmazione.

I due modelli con larghezza ridotta a 45 cm, DSG 573 S (classe A – Silver) e DSG 263 (classe A – Bianco), hanno entrambe una capacità di 10 coperti, quindi da potersi considerare una buona soluzione alternativa per chi ha problemi di spazio.

Tutti questi modelli hanno una caratteristica comune molto importante, ovvero la possibilità di ricevere una alimentazione di acqua si calda che fredda. Quindi ideale per le abitazioni che possiedono sistemi di produzione continua di acqua calda.

Infine due modelli per chi ha problemi di spazio, ICD 661 S (classe A – Silver) ICD 661 (classe A – Bianco), cambia solo il colore, con una capacità di 6 coperti. La programmazione si gestisce da una manopola bidirezionale e la programmazione è completa. Le dimensioni la rendono facilmente collocabile su un ripiano o su un mobile della cucina.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sappiamo esattamente che è in grado di restituirci le stoviglie pulite ed asciutte, ma non allo stesso modo conosciamo i meccanismi che si susseguono per garantirne detto risultato finale.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Come abbiamo già visto nelle fasi consequenziali del ciclo di lavaggio di una lavastoviglie, la prima azione che compie è quella della comunicazione di chiusura dello sportello. Difatti se lo sportello rimane o viene aperto durante il lavaggio, il ciclo si arresta immediatamente.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La lavastoviglie scarica acqua da spenta? Fino al lavaggio precedente nessun problema ed improvvisamente non ti consente di impostare nessun ciclo che è subito pronta ad attivare la pompa di scarico. Non preoccuparti, ora analizzeremo quale è la causa principale di questo comportamento per poi capire come affrontarlo e risolverlo da soli!
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Un difetto che si può verificare nell’impiego di una lavastoviglie è quello che la vede improvvisamente non caricare più l’acqua. Fino al lavaggio precedente tutto regolare ed ora, niente! Non prende più l’acqua!
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Per poter ottenere un buon risultato di lavaggio delle stoviglie, è necessario che il detersivo, sia che usiamo quello in polvere o la pastiglia, venga rilasciato all’interno della vasca della lavastoviglie durante la fase del lavaggio.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

L’elemento responsabile del caricamento dell’acqua all’interno della lavastoviglie, o meglio dire, responsabile del rilevamento del livello di pieno e di vuoto, quindi rispettivamente della vasca piena di acqua e della vasca vuota, condizioni essenziali, rispettivamente affinché, inizi il ciclo di lavaggio e si fermi lo scarico dell’acqua al termine, è il pressostato.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea