Spazio trasparente.
 
Quali sono i vantaggi pratici dell’impiego del vapore nell’asciugatrice ed i modelli che lo usano.
 
Foto articolo.
Abbiamo già parlato dell’impiego del vapore negli elettrodomestici, in un tempo in cui non si era ancora palesato il suo impiego diffuso nell’asciugatrice. A distanza di tempo l’impiego del vapore nell’asciugatrice ha preso piede e tanti grandi marchi lo impiegano su alcuni dei loro modelli, solitamente sul top della gamma.

Prima di raggruppare i modelli dei diversi produttori, vediamo quali sono gli effetti benefici dell’impiego del vapore, come può essere impiegato nel processo di asciugatura o comunque nei vari cicli, e quali vantaggi porta con se, nelle diverse circostanze, da un punto di vista pratico, quindi del perché sostanzialmente potremmo orientare l’acquisto verso una asciugatrice che impiega il vapore.

In generale l’effetto del vapore è distensivo delle fibre, pertanto la sua principale caratteristica è di  far rilassare i tessuti distendendoli.

Le asciugatrici non impiegano il vapore in tutti i cicli di asciugatura, ma ve ne sono alcuni specifici dove viene utilizzato, nel dettaglio andiamo ad analizzare quali sono per i diversi marchi e i modelli che ne sono dotati.

Rex Electrolux, a breve soltanto Electrolux, utilizza il vapore sui modelli con tecnologia  SteamSystem, che propone un triplice vantaggio: distendere i tessuti e riduce le pieghe, questo fa si che alcuni tessuti casual o sportivi, ad esempio i jeans non necessitino di stiratura alla fine del ciclo di asciugatura. Il programma “refresh” sui capi ha una duplice azione, la prima quella di eliminare i cattivi odori che vi si sono depositati, quelli assorbiti per l’esposizione ad ambienti di cucina, in una sala ristorante, fumo di sigaretta ed altro. La seconda è quella di rivitalizzare i tessuti, è difatti ideale per ridare tono a capi ripresi dopo un cambio di stagione.

Electrolux propone, con la suddetta tecnologia, il modello RDH3897SDE, che è una classe A++ un cestello da 9 kg ed un motore con tecnologia inverter. Ora scendiamo nel dettaglio della gestione pratica, così da avere una visione completa che ci possa guidare a scegliere consapevolmente. Per generare il vapore è necessario riempiere un piccolo serbatoio di acqua, questo, estraendo il contenitore dell’acqua di condensa, è accessibile sollevando un apposito sportellino che da modo di versarvi l’acqua, il cui livello è visibile sulla parte frontale dell’asciugatrice dove c’è un apposita spia di livello. È da utilizzare esclusivamente acqua distillata, mentre acqua normale o l’aggiunta di additivi danneggiano l’asciugatrice.

I programmi che impiegano il vapore sono tre, uno cotone indicato per tessuti senza pieghe con una presenza minima dell’80% di fibre naturali (cotone e lino), uno sintetici  dove possono essere trattati capi che non richiedono stiratura con massimo il 20% di fibre naturali (cotone, lino), ed il programma refresh ideale per i capi asciutti. Il livello di vapore può essere regolato tramite dei tasti.

Miele, utilizza la tecnologia chiamata SteamFinish, che nella prima fase del ciclo di asciugatura nebulizza dell’acqua nel cestello che riscaldandosi con il calore dell’aria nel cestello, penetra nelle fibre dei tessuti distendendoli sotto forma di vapore.

Per attivare l’azione del vapore è necessario impostare il ciclo “vapore stiro facile” ed assicurarsi che la vaschetta che normalmente raccoglie l’acqua di condensa sia piena almeno fino al segnale minimo che è riportato con una tacca sulla sinistra del contenitore. In alternativa si può impiegare l’acqua venduta per essere utilizzata nei ferro da stiro. L’impiego di acqua del rubinetto può essere effettuato solo in via eccezionale, in quanto il suo impiego genera la formazione di calcare sull’ugello di uscita dell’acqua, che si intasa bloccando il circuito.
I modelli con tecnologia a vapore della Miele sono 4: TKR450 WP FDos&SFinish XL, TMG440 WP FDos&SFinish, TKG450 WP FDos&SFinish e TMV840 WP SFinish&Eco XL Tronic.

Bosch utilizza la tecnologia chiamata Refresh, che dispone di diversi programmi di asciugatura con il ciclo vapore, quali il “casual refresh” per l'abbigliamento per il tempo libero in cotone e fibra sintetica; “business refresh” per abiti maschili come pantaloni, giacche e capi da lavare a secco, che non possono essere lavati in lavatrice; “sintetici senza stiro” per asciugare e stirare capi sintetici come le camicie o le camicie no-stiro; “cotone senza stiro” per stirare e asciugare capi resistenti come le lenzuola, le tovaglie o le camicie tradizionali e camicie no-stiro. Per tutti i cicli vapore, gli indumenti devono essere estratti dal cestello e stesi appena terminato il ciclo per evitare la formazione di pieghe. Nei programmi a vapore, in base alle esigenze, può essere regolata la quantità di vapore tra normale, intensa e molto intensa, dai selettori sul display.

Per utilizzare il vapore è necessario riempire un apposito contenitore, al quale si accede sfilando il cassetto dell’acqua di condensa. Il contenitore vuoto è segnalato sul display da una specifica icona e deve essere riempito con acqua distillata.

Il modello con tecnologia Refresh è il WTW855R9IT.

La Siemens appartenente allo stesso produttore di Bosch, impiega la stessa tecnologia e gli stessi programmi sul modello WT45W5R9IT.

Pubblicato: martedì 27 gennaio 2015
Articolo aggiornato: giovedì 11 gennaio 2018

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
La tecnologia a pompa di calore nelle asciugatrici, ha influenzato positivamente il miglioramento delle prestazioni energetiche, consentendo nel giro di pochi anni di diminuire in modo sensibile il loro consumo e consentirne una maggiore diffusione.

Pubblicato:
venerdì 31 ottobre 2014
 
 
Spazio trasparente.
Abbiamo già parlato dell’impiego del vapore negli elettrodomestici, in un tempo in cui non si era ancora palesato il suo impiego diffuso nell’asciugatrice. A distanza di tempo l’impiego del vapore nell’asciugatrice ha preso piede e tanti grandi marchi lo impiegano su alcuni dei loro modelli, solitamente sul top della gamma.

Pubblicato:
martedì 27 gennaio 2015
 
 
Spazio trasparente.
Terminato il processo di produzione ogni elettrodomestico deve superare una ulteriore fase prima di essere immesso sul mercato per la vendita, il collaudo. Questa fase, precedente all’imballaggio, prevede una serie di controlli ed una verifica del suo perfetto funzionamento.

Pubblicato:
mercoledì 26 gennaio 2011
 
 
Spazio trasparente.
Le asciugatrici Hotpoint Ariston, in caso di difetti di funzionamento rimandano sul display un codice di errore, al quale è abbinato un difetto, un’anomalia, che però non è quasi mai indicata nel libretto di istruzioni, pertanto non si riesce a determinare quale possa essere il motivo del malfunzionamento.

Pubblicato:
domenica 25 maggio 2014
 
 
Spazio trasparente.
A seconda che ci troviamo di fronte ad una asciugatrice in pompa di calore o a condensazione (resistenza elettrica), il posizionamento deve essere valutato in modo differente. Il motivo è da ricondursi alla differenza di peso che c’è tra le due asciugatrici. Infatti, quella in pompa di calore, avendo al suo interno una serie di componenti, come il motore, il circuito frigorifero, lo scambiatore ed altro è più pesante rispetto ad un modello a condensazione, che internamente è composta da pochi elementi.

Pubblicato:
lunedì 13 dicembre 2010
 
 
Spazio trasparente.
Nella scelta di un’asciugatrice molte volte prima di effettuare l’acquisto, viene preso in seria considerazione, oltre ai consumi energetici, i tipi di programmi svolti e la durata del ciclo di asciugatura, che può variare nei diversi modelli, anche se non di molto. A dire il vero non sempre si riesce a trovare un riferimento specifico per la durata di ogni singolo ciclo, ma dalla scheda prodotto si può conoscere quella del ciclo standard.

Pubblicato:
lunedì 20 febbraio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Due elementi da non trascurare, quindi molto importanti per tenere in perfetta efficienza l’asciugatrice sono i filtri. In realtà c’è un terzo elemento, anch’esso non trascurabile, che passa però per una manutenzione straordinaria: il condensatore, parliamo dei modelli con la pompa di calore, i modelli a condensazione non hanno il condensatore.

Pubblicato:
mercoledì 1 febbraio 2017
 
 
Spazio trasparente.
Succede in molti casi che lo spazio dedicato alla lavanderia, dove già è presente la lavatrice, sia ridotto e la possibilità di installare una asciugatrice diventi improbabile a causa delle sue dimensioni.

Pubblicato:
giovedì 23 ottobre 2014
 
 
Spazio trasparente.
Le asciugatrici delle Electrolux in caso di malfunzionamento di componenti dell’apparecchio, che determinano un interruzione del normale ciclo di asciugatura, restituiscono a seconda del tipo di display, dei segnali o indicano dei codici alfanumerici, ognuno dei quali si riferisce ad uno specifico o ad una serie di cause che l’hanno potuto causare.

Pubblicato:
martedì 31 marzo 2015
 
 
Spazio trasparente.
Il consumo globale delle asciugatrici per uso domestico rappresenta una parte considerevole del consumo di energia elettrica, pertanto la necessità di ridurre i consumi energetici a livello mondiale e la valorizzazione dei prodotti più efficienti sta spingendo sempre di più i produttori, al raggiungimento di prestazioni sempre superiori.

Pubblicato:
venerdì 21 settembre 2012
 
 
commenti:
Icona regione.
Norma da Acerno giorno 11/01/2018
Ho acquistato una Bosch WTW855R8IT, vorrei sapere perché quando uso il programma cotone senza stiro (refresh) la spia di serbatoio vuoto si accende 10-14 secondi prima che il ciclo di asciugatura finisca. È normale o c'è qualche problema. Spero di essere stata chiara, grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Norma, non conosco nello specifico il funzionamento di questa macchina, ovvero se la luce si deve accendere oppure no. Dovresti contattare direttamente il centro assistenza autorizzato. Ad ogni modo se non riscontri anomalie nel funzionamento ed il ciclo giunge regolarmente a termine non ci dovrebbero essere problemi.

Icona regione.
Adalisa da Lecce giorno 07/02/2017
Buonasera, ho una Electrolux RDH3898 SDE con programmi a vapore. Ho provato ad asciugare una camicia con il programma a vapore per i cotoni però non asciuga. Ho provato con poco e con tanto vapore, ma nulla. La camicia è uscita bagnata, sbaglio qualcosa? E se non asciuga, a cosa mi serve questo ciclo? Grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Adalisa, i programmi a vapore non sono dei cicli di asciugatura tradizionali, ma vengono utilizzati per rinfrescare o distendere le fibre della biancheria. Ad esempio può essere utilizzato per una camicia che ha preso l’odore del cibo, ma in realtà ancora pulita. Per dei capi che sono nell’armadio inutilizzati da tempo ed anziché lavarli, possono essere semplicemente rinfrescati, insomma operazioni di questo tipo.

Icona regione.

Chiedo scusa, ma la mia asciugatrice oltre al programma refresh ha il programma cotone e sintetici col vapore e le istruzioni dicono che sono per capi bagnati, quindi se non asciugano a cosa mi servono, a distendere le fibre? E poi faccio un ciclo di asciugatura normale per asciugare, se è così è un po’ una presa in giro questo programma a vapore. Se vaporizzasse e poi asciugasse, avrebbe un senso. Grazie ancora.

Si la tua asciugatrice ha anche i programmi specifici per cotone e sintetici, che diversamente dal refresh, che è solo per capi asciutti, sono dei programmi completi, che abbinano alla fase di asciugatura anche l'impiego del vapore, come effetto antipiega e distensivo. In questo caso i tessuti devono uscire asciutti. Se non ti vengono asciutti potrebbe essere che non ti attieni alla quantità di carico indicata per quei programmi specifici?

Icona regione.
Arianna da Alzano Lombardo giorno 18/05/2016
Buongiorno, ho comprato un AEG T88590IS con programma vapore. Non mi è chiaro come usarlo però... le cose che voglio trattare col vapore (per es camicie o pantaloni) le devo prima asciugare con un programma normale e poi avviare un programma cotoni vapore oppure avvio direttamente il programma vapore da bagnate?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Arianna, il vapore può essere impiegato solo come opzione, tasto vapore, in questo caso è indicata per rinfrescare o eliminare odori da tessuti asciutti. Poi ci sono tre cicli a vapore specifici: cotone, sintetici e refresh. Il primo è valido per massimo 3 kg di cotone, il secondo per 1,5 kg di sintetici, in entrambi casi bagnati. Il refresh per un solo capo o al massimo due, asciutti. Ora direi che a seconda del tipo di tessuto che hai e dal quantitativo di biancheria da asciugare ti dovrai regolare incrociano questi programmi.
Icona regione.
Antonella da L'Aquila giorno 28/02/2016
Ho comprato un asciugatrice Bosch volevo chiedere se era possibile usare l'acqua demineralizzata al posto di quella distillata?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Antonella, per essere precisi bisogna impiegare acqua distillata, esattamente come Bosch indica sul libretto di istruzioni. Se impieghi acqua demineralizzata il sistema funziona ugualmente, così come se metti acqua normale. Chiaramente il motivo dell’indicazione di quella distillata e non delle altre è indotto da quello che contengono. Tralasciando quella normale, la demineralizzata è privata di sostante saline ed altro però contiene residui calcari, mentre la distillata non ne contiene. Ed è proprio questa sostanza che deteriora il funzionamento del sistema vapore.
Icona regione.
Ivana da Varese giorno 26/10/2015
Ho acquistato una Bosch WTW855R9IT ho riempito il serbatoio Refresh ma il spia resta accesa ed il programma non parte, perché? Ho provato ad aggiungere acqua ma ad un certo punto è fuoriuscita dal retro.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Ivana, verifica che il serbatoio non sia intasato da eventuali residui, se persiste deve intervenire il tecnico sul posto.
 
 
Linea
 
lineaPrivacylineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle PublisherlineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su