Asciugatrici come funzionano differenza tra pompa di calore e condensazione

asciugatrici come funzionano

Asciugatrice, elettrodomestico nel quale si inseriscono gli indumenti dopo essere stati lavati in lavatrice, si imposta un programma adatto al capo e magicamente dopo un lasso di tempo, prestabilito dalla durata del programma, restituisce i panni asciutti. Bello vero? Ma cosa avviene al suo interno per poter ottenere questo risultato? Beh, si susseguono una serie di eventi che consentono la produzione del calore, conoscerli può consentirci di individuare eventuali difetti o malfunzionamenti. Vediamoli nel dettaglio!

Cosa trovi in questo articolo:

Funzionamento asciugatrice in generale

Asciugatrice come funziona la pompa di calore

Come funziona asciugatrice a condensazione

Differenza asciugatrici funzionamento

Domande poste dai consumatori

Commenti per chiedere informazioni



Asciugatrice funzionamento in generale

Le asciugatrici che si trovano in commercio possono disporre di tecnologie diverse per raggiungere lo stesso scopo: asciugare gli indumenti! Tra i diversi tipi ci sono delle differenze, che tra poco vedremo, ma in linea generale se volessimo descrivere come funziona una asciugatrice, potremmo dire che gli indumenti che vengono inseriti al suo interno, vengono durante il ciclo, attraversati da aria calda e secca, che li riscalda ed al tempo stesso assorbe parte dell'acqua in essi contenuta fino ad asciugarli completamente passaggio dopo passaggio. L'aria calda esegue un percorso circolare che, dopo l'immissione nel cesto, uscendone cede l'acqua assorbita per poi rientrare nuovamente all'interno del cestello, nuovamente secca, per assorbire acqua dai tessuti. Questo ciclo si ripete fino alla fine del programma. L'aria calda viene spinta tramite una condotta dell'aria da una ventola e l'acqua ceduta, condensata, viene raccolta in un contenitore o espulsa direttamente nello scarico a muro. A seconda di un caso o dell'altro si parla di asciugatrice a condensazione ed asciugatrice ad evacuazione. Ma ora vediamo nello specifico della tecnologia le asciugatrici come funzionano!

Asciugatura a condensazione come funziona

All'interno del mobile di una asciugatrice a condensazione, per la quale si intende una asciugatrice con resistenza elettrica, troviamo come elemento in grado di produrre il calore una resistenza elettrica (1) che si trova, solitamente, posizionata nella parte posteriore dell'asciugatrice, in pratica nella zona del condotto di areazione (2). L'aria calda prodotta dal suo riscaldamento viene introdotta all'interno del cestello (4) grazie alla spinta della ventola (3) posta nella parte bassa dell'asciugatrice e montata sull'asse del motore che allo stesso tempo consente la rotazione del cestello.

come funziona asciugatrice a condensazione resistenza

Nella parte in basso, racchiuso nel contenitore in materiale plastico (5) formato dai due pezzi che si unisco, si trova inserito il motore (6), il condensatore (7) estraibile dall'esterno, nella parte davanti ad esso ricordiamo che c'è un filtro che trattiene pelucchi e lanuggine, mentre nella parte posteriore (8) c'è un contenitore dove va a confluire l'acqua condensata, per l'appunto sul condensatore, e che poi viene fatta confluire all'esterno o in una vaschetta di raccolta che deve essere svuotata. All'interno del contenitore (8) c'è una pompa di mandata dell'acqua che nel disegno non viene mostrata.

come è fatta una asciugatrice a condensazione

Il funzionamento dell'asciugatrice con resistenza elettrica (condensazione) vede ripetersi continuamente la produzione dell'aria calda che ciclicamente e continuamente esegue il percorso descritto fino al termine della durata del ciclo. Inserendo la giusta quantità di indumenti, seguendo le indicazioni del programma selezionato, al termine del suo lavoro gli indumenti vengono restituiti asciutti.

Come funziona asciugatrice a pompa di calore

Per capirne il funzionamento della pompa di calore dobbiamo conoscere cosa c’è all’interno del mobile, dal quale come prima cosa possiamo notare aprendo l’oblò il tamburo, ovvero il cestello, che come in una lavatrice, anche se ha una struttura leggermente diversa, è collegato tramite una cinghia ad un motore (4).

Ora entriamo nel dettaglio del funzionamento dell'asciugatrice pompa di calore la cui struttura esterna è esattamente come quella a condensazione. In questo caso possiamo vedere, ovviamente abbiamo sintetizzato al massimo per rendere la comprensione semplice, la presenza del condotto di areazione (1), della ventola (2) innestata come nel caso precedente all'albero del motore che svolge anche la funzione di fare ruotare il cestello (3) nel quale viene convogliata l'aria che in questo caso è prodotta dalla pompa di calore.

come e fatta una asciugatrice a pompa di calore

Nell'asciugatrice a pompa di calore, quello che è totalmente diverso è il sistema di riscaldamento dell'aria che avviene grazie alla presenza al suo interno di un compressore (9) collegato tramite il circuito dove passa il gas al condensatore (6) ed all'evaporatore (7). Tutti i componenti sono racchiusi all'interno dell'involucro contenitore (5) di cui nell'immagine vediamo solo la parte inferiore, che si completa con una parte superiore che la racchiude completamente.

come funziona asciugatrice a pompa di calore

L’asciugatrice fondamentalmente funziona come un condizionatore d’aria, dove il calore viene veicolato a seconda delle esigenze dall’interno all’esterno della casa. Nell’asciugatrice potremmo considerare il cesto come la stanza, all’interno della quale viene immesso del calore per riscaldare.

Il meccanismo di funzionamento prevede che attraverso il filtro, che possiamo notare aprendo l’oblò, passi l’aria carica di umidità, il filtro che è amovibile e pulibile ha anche la funzione di trattenere della parti di lanuggine dei tessuti. L’aria raggiunge il condensatore, che è come se fosse lo split del condizionatore, da qui impatta contro la sua superficie fredda, che fa condensare l’umidità in acqua, la stessa, viene raccolta in basso e da una pompa (8) viene spinta nel serbatoio che si trova solitamente nella parte alta del mobile. Normalmente è un cassetto estraibile ma in alcuni casi possiamo trovarlo nella parte interna dell’oblò ed in alcuni modelli si trova anche in basso, in corrispondenza dello zoccolo.

Dal condensatore per effetto del gas refrigerante, all’aria viene sottratto il calore, quindi in buona sostanza c’è un processo che, anche se non è corretto tecnicamente definirlo così, produce aria calda, che attraverso un condotto collegato al cestello dell’asciugatrice, vi viene immessa, riscaldando i tessuti. A questo punto il ciclo si ripete e l’aria entrata nel cesto, viene convogliata nuovamente verso il condensatore, che la priva dell’umidità e reimmette nuovamente aria calda secca nel cestello. Nel durante il cestello mosso dal motore compie delle rotazioni in modo da consentire agli indumenti di potersi asciugare in tutte le loro parti.

La durata di questo processo è legata al tipo di programma selezionato, che in linea di massima ha una durata stabilita, anche se la presenza di programmi automatici, una sonda rileva l'umidità residua all'interno dei tessuti così da poter variare la durata di un ciclo di asciugatura fino all'eliminazione di tutta l'umidità presente al loro interno e terminare il ciclo solo nel momento in cui gli indumenti sono asciutti. Il ciclo continua seguendo questa ciclicità fino al termine, quando una volta estratti i tessuti, bisogna svuotare l’acqua raccolta nel contenitore, pulire il filtro ed il condensatore sul quale potrebbe essersi depositata della lanuggine. Tali operazioni sono semplici da eseguire in quanto entrambi i componenti sono estraibili. È fondamentale effettuare le operazioni di pulizia, in quanto se non eseguite generano l’accumulo di lanuggine su queste parti, che provocano la mancanza di scambio e quindi l’inefficienza dell’apparecchio. Sul mercato sono commercializzati modelli di asciugatrice con il sistema di autopulizia del condensatore.

Differenza funzionamento asciugatrice a condensazione e pompa di calore

Ora che abbiamo delineato la differenza di funzionamento tra l'asciugatrice a condensazione ed a pompa di calore, concludiamo sintetizzando dicendo che tale differenza, che è alla base del modo in cui viene "generato" il calore influisce sul consumo energetico dell'asciugatrice, che vede il grande vantaggio economico della pompa di calore verso il modello a resistenza elettrica.

Ultima pubblicazione: 29/08/2022
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Le asciugatrici Electrolux in caso di malfunzionamento di uno o più di uno dei componenti di cui sono composte, interrompono il regolare andamento del ciclo di asciugatura, restituendo un errore. Nei modelli non dotati di display, il difetto è segnalato dai led di programmazione, che nel lampeggiare sono o possono essere accompagnati da bip sonori. Il alternativa ai led può essere restituita solo una segnalazione acustica. Nei modelli con display l'errore è indicano da codici alfanumerici, ognuno dei quali si riferisce ad uno specifico difetto che può essere generato da una serie di cause! La tua asciugatrice Electrolux restituisce un errore? Vediamo cosa significa e cosa puoi fare da solo!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Per asciugare i panni umidi che vengono inseriti all'interno del cestello dell'asciugatrice, oltre alla necessità che venga immessa l'aria calda al suo interno, è necessario che il cestello giri al fine di poterli fare asciugare adeguatamente. Se sono tutti ammassati sul fondo del cesto no si asciugano! Tuttavia se un componente che è interessato a far girare il cestello è difettoso o si rompe il cestello dell'asciugatrice si blocca. Ti trovi con il cestello asciugatrice bloccato? Nessun problema scopriamo le cause e vediamo cosa puoi fare!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Quando l'asciugatrice non scalda una delle ragioni principali, oltre ad un difetto della scheda elettronica o all'interruzione dei fili di alimentazione elettrica del compressore è una mancato avvio di quest'ultimo. Il compressore è il cuore pulsante del sistema dell'asciugatrice pompa di calore, esso è il responsabile della compressione del gas refrigerante all'interno del motore e della sua spinta nel circuito. Il tutto consente lo scambio termico è la produzione di calore.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Il condensatore di spunto che tecnicamente prende il nome di capacimetro è un componente che ha la funzione di accumulare corrente elettrica da utilizzare per dare lo spunto al motore a induzione dell'asciugatrice. Non dobbiamo confondere il condensatore di spunto con quello al cui interno passa il liquido refrigerante. Quello di spunto possiede una forma cilindrica di colore bianco o spesso nelle asciugatrici con un rivestimento in alluminio.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Il consumo globale delle asciugatrici per uso domestico rappresenta una parte considerevole del consumo di energia elettrica, pertanto la necessità di ridurre i consumi energetici a livello mondiale e la valorizzazione dei prodotti più efficienti sta spingendo sempre di più i produttori, al raggiungimento di prestazioni sempre superiori.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Se al termine di un programma l'asciugatrice non asciuga o non asciuga bene è una bella seccatura! Se questo avviene sostanzialmente significa che il flusso di aria calda all'interno del cestello non è sufficiente ad asciugare il carico di biancheria anche se potremmo comunque constatare che l'aria è calda ma l'asciugatrice lascia i panni umidi. 
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea