Quanto consuma in euro una stufa a gas e quanto può durare una bombola.

I modelli di stufa a gas commercializzati sono di due tipi, quelle con pannello ad infrarossi e quelle catalitiche. Per scoprire i dettagli sulle caratteristiche, sistemi di sicurezza ed altro leggere l’articolo “stufe a gas”.
In questo articolo ci soffermeremo esclusivamente a riprendere i dati che riguardano la potenza termica ed il consumo, pertanto stabilirlo nel modello infrarossi e catalitico nei diversi livelli di potenza impiegati, e quanto può durare una bombola. Stileremo una tabella riepilogativa ed infine un piccolo strumento per calcolare il costo del consumo orario, in base a quanto sarà il prezzo iniziale della bombola, che difatti può essere differente.

La potenza della stufa infrarossi è di 4200 watt ed il suo livello di impostazione può avvenire su tre posizioni, ovvero una minima, una media ed una massima. Nei modelli dotati di tre mattoncini infrarossi indipendenti la regolazione è di 1400 watt sul minimo, 2800 watt sul medio e 4200 watt sul massimo ed il consumo in grammi per ora di funzionamento è rispettivamente di 110 g/h, 190 g/h e di 300 g/h.

Ci sono dei modelli di stufa ad infrarossi che invece dispongono di due mattoncini, uno piccolo equivalente al singolo di cui prima, ed uno grande che raggruppa due piccoli. In questi modelli la regolazione avviene sempre su tre livelli ma è leggermente differente dalla precedente, abbiamo pertanto una potenza di 1500 watt sul minimo, 2850 watt sul medio e 4200 watt sul massimo. Il consumo è rispettivamente di 109 g/h, 207 g/h e di 305 g/h.

Il volume riscaldabile di una stufa a gas infrarossi  è di 100/120 metri cubi.

La potenza della stufa catalitica è di 3100 watt, sono leggermente aumentate rispetto a qualche anno fa, quando era di 3000 watt, ed è regolabile su tre livelli, nello specifico 2000 watt al minimo, 2500 watt sul medio e 3100 watt al massimo. Il consumo è rispettivamente di 150 g/h, 180 g/h e 210/218 g/h. Il volume riscaldabile è di 80/90 metri cubi.

Possono alloggiare una bombola di 10 kg o di 15 kg.

Stabilite potenze e consumi vediamo ora in termini pratici, quindi in euro quanto consuma una stufa, così da poter avere prima di effettuare l’acquisto una stima precisa di quanto andremo a spendere.

Eseguiamo il calcolo sulla bombola da 15 kg, che trasformata in grammi risulta 15x1000 = 15000 grammi. Una stufa ad infrarossi per consumarli al massimo della potenza impiega 50 ore, ovvero 15000/300 = 50, nel caso del primo sistema di stufa, mentre ne impiega circa 49 nel secondo sistema, 15000/305 = 49,18.

Nella stufa con pannello catalitico la durata di una bombola è di circa 71 ore, ovvero 15000/210 = 71,42.

Lo stesso calcolo eseguito per una bombola di 10 kg, restituisce un risultato che vede una durata di 33,33 ore per l’infrarossi primo sistema e di 32.72 ore il secondo. Mentre di 47,61 ore per la stufa catalitica.

Ovviamente qui abbiamo preso in considerazione la durata di una bombola grande e piccola impiegando la stufa al massimo della potenza. La durata è variabile in funzione della potenza impiegata che in base alle esigenza non sarà sempre della stessa intensità. Per eseguire i calcoli in base alle differenti circostanze è possibile utilizzare il modulo sottostante, che restituirà i valori di quanto si spenderà in euro per ora, in riferimento al costo della bombola inserito.

 
 

 
per ora di funzionamento.
Durata in ore.
Durata in giorni 24/h.
     
Durata in giorni 18/h
Durata in giorni 12/h
Durata in giorni 8/h
     
Durata in giorni 6/h
Durata in giorni 4/h
Durata in giorni 2/h
 
Ultima pubblicazione: 29/10/2019
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Tra i vari prodotti utili per il riscaldamento invernale uno dei più potenti ed al tempo stesso non molto ingombrante è la stufa a gas murale, di cui abbiamo già parlato in un articolo precedente.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Ogni anno al termine della stagione estiva quando il caldo inizia a cedere passo alla giornate più fresche che sono l'anticipo delle giornate fredde, si inizia a pensare a come riscaldarsi in inverno! Andare ai tropici potrebbe essere una buona soluzione, ma se non è possibile uno dei riscaldamenti che spesso viene preso in considerazione è la stufa a gas termoventilata. Ti starai chiedendo se è valida? Beh ora lo vedremo!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La stufa a gas non necessita di particolare manutenzione, è un prodotto molto funzionale che risponde molto bene alle necessità di riscaldamento di un ambiente domestico. È tuttavia di fondamentale importanze per garantire la sicurezza, controllare il tubo del gas ed in modo particolare effettuarne la sostituzione entro i termini di scadenza dello stesso.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Un difetto che in alcuni casi possiamo riscontrare in una stufa a gas è quello relativo alla mancata accensione, ovvero nel tentativo di accenderla continuiamo a fare uscire del gas, vediamo comparire la scintilla del piezoelettrico, ma la fiamma pilota non si accende.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La stufa a gas sia nel caso del modello catalitico che con i mattoncini infrarossi, dispone per l’accensione di un sistema di piezoelettrico simile a quello dei piani cottura.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Come abbiamo già letto nell’articolo sulla stufa a gas che non emette la scintilla di accensione, ci possiamo trovare in presenza di una stufa nella quale non funziona il piezoelettrico. In alcuni casi è semplicemente staccato il filo conduttore della carica elettrica, mentre in altri è proprio il meccanismo dal quale scaturisce la scarica elettrica a non essere funzionante.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea