Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come dividere i capi per l’asciugatrice.

Prima di entrare nel dettaglio di come utilizzare correttamente l’asciugatrice è necessario fare due premesse in merito ai capi da asciugare. La prima riguarda il loro stato di asciugatura nel momento in cui vengono inseriti all’interno del cesto, difatti non devono essere gocciolanti. Questo significa che è necessario possedere una lavatrice che deve strizzarli ad almeno 800 o ancora meglio a 1000 giri.

Seconda cosa i capi devono essere idonei per poter essere asciugati in asciugatrice, su di essi in tal caso è indicata la modalità di trattamento. Per essere chiari su ogni capo troviamo una etichetta sulla quale sono riportati dei simboli, che indicano se il capo può essere asciugato e nel caso in che modo. A titolo di esempio riportiamo due etichette:

Etichetta simboli asciugatrice.

Nella prima il simbolo che ci interessa è il terzo, che ci dice che il prodotto non può essere asciugato in asciugatrice.

Etichetta simboli asciugatrice.

Nella seconda invece, a parte che troviamo i simboli su quattro righe, quella per il nostro territorio è la prima, il simbolo che ci interessa è il terzo, che ci dice che il prodotto può essere asciugato in asciugatrice a temperatura normale.

Oltre a questi simboli, sulle etichette possiamo trovarne di altri, li riportiamo di seguito con le relative descrizioni al fine di acquisire un quadro completo sull’argomento:

Simbolo capo adatto per asciugatrice.

Capo adatto per essere asciugato in asciugatrice;

Simbolo capo adatto per asciugatrice bassa temperatuta.

Capo adatto per essere asciugato in asciugatrice a temperatura bassa;

Simbolo capo adatto per asciugatrice temperatuta normale.

Capo adatto per essere asciugato in asciugatrice a temperatura normale;

Simbolo capo non adatto ad asciugatura in asciugatrice.

Capo non adatto per essere asciugato in asciugatrice;

Oltre a queste che interessano prettamente le indicazioni di asciugatura, ne possiamo trovare altre che ci indicano altre cose al riguardo:

Simbolo capo da asciugare all'aperto.

Capo da asciugare all’aria aperta;

Simbolo capo da asciugare su stendi panni.

Capo da asciugare su stendi panni;

Simbolo capo da asciugare su superficie piana.

Capo da asciugare su superficie piana;

Simbolo Capo indossabile subito dopo l’asciugatura.

Capo indossabile subito dopo l’asciugatura;

Simbolo capo Capo da asciugare all’ombra.

Capo da asciugare all’ombra;

Simbolo capo da asciugare all’ombra su uno stendi panni.

Capo da asciugare all’ombra su uno stendi panni;

Simbolo capo da asciugare all’ombra su una superficie piana.

Capo da asciugare all’ombra su una superficie piana;

Simbolo capo indossabile dopo l’asciugatura all’ombra.

Capo indossabile dopo l’asciugatura all’ombra.

Da questo viene fuori una prima conclusione, ovvero che se non guardiamo le etichette ed asciughiamo comunque capi non idonei, il risultato finale può essere controproducente. Potremmo avere dei capi deteriorati, ristretti o creare danni all’asciugatrice o creare pericoli in casa, ad esempio se si asciugano capi che col calore possono incendiarsi.

Fatte queste due precisazioni essenziali, vediamo ora come comportarsi per la divisione dei capi. Anche per asciugarli, così come per il lavaggio è necessario suddividerli. La regola segue grosso modo quella del lavaggio con l’aggiunta di alcune piccole differenze.

Per prima cosa è necessario dividere i capi per tipologia di tessuto, successivamente dividere i capi bianchi o comunque chiari da quelli scuri o colorati. All’interno di questa divisione è necessario dividere i capi grandi da quelli piccoli, e anche quelli con uno spessore particolarmente differente.

Per fare un esempio un telo doccia, non va asciugato con un lenzuolo. La differenza di spessore non consente di farli asciugare in modo uniforme, quindi si può arrivare a fine ciclo con capi ancora umidi o comunque all’ungare il tempo del ciclo, sebbene le lenzuola necessitano di un tempo inferiore.

Facciamo seguire alla divisione anche una omogeneità per quanto riguarda il simbolo di asciugatura, ovvero se un capo è adatto all’asciugatura a bassa temperatura, deve essere asciugato con altri capi con la medesima indicazione.

I capi devono essere agitati, sbattuti, per distenderli bene e dove possibile, devono essere risvoltati, ad esempio pantaloni, maglie ed altro, facendo attenzione, oltre a svuotare le tasche, a chiudere cerniere, zip ed altro.

Altra regola fondamentale e scegliere il programma adatto al carico che stiamo per asciugare e di non meno importanza, non bisogna mai eccedere alla quantità massima asciugabile indicata dal programma. Anche se l’asciugatrice ha una portata complessiva elevata, ad esempio 8 kg, ma il programma indica di asciugare 3 kg, il carico non deve superare tale indicazione.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Marianna da Roma giorno 11/03/2022
Buongiorno, ho una asciugatrice Electrolux da un anno. Con quale programma vanno asciugate le t-shirt di cotone e le felpe? Premettendo che già so che sono due asciutte diverse. Inoltre quale livello di asciugatura scegliere min med max?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Marianna, se il tuo modello non dispone di programmi specifici per i capi indicati, vale sempre la regola di seguire le etichette poste sui prodotti ed impiegare il ciclo del cotono o dei sintetici a seconda del loro tipo di tessuto. Una t-shirt di solito è in cotone ma non è detto che lo siano tutte, pertanto per fare una asciugatura fatta bene devi dividerle per tipo di tessuto. Sulle indicazioni ti indica pure quale tipo di intensità di calore sopporta, conseguentemente puoi regolare anche il livello. Se sui capi non trovi indicazione del calore mantieni sul minimo. Se non trovi in assoluto nessuna etichetta, non dovresti proprio inserirlo nell’asciugatrice, ma se vuoi farlo cerca di identificare il tipo di tessuto ed imposti il ciclo equivalente, cotone o sintetico, al minimo come livello di asciugatura, poi dal risultato di regoli per il successivo.

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

L’asciugatrice è entrata a far parte della vita domestica da molti anni, portando con sé un notevole contributo alla gestione del bucato domestico; ha consentito di poter asciugare i capi comodamente in casa in presenza di condizioni atmosferiche non favorevoli o per l’impossibilità di stendere, per varie ragioni, i tessuti all’esterno.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Quando durante un ciclo di asciugatura notiamo che il cestello gira molto lentamente oppure gira a singhiozzo, nel senso che in alcuni momenti sembra andare regolarmente ed in altri si blocca, allora è molto probabile che il condensatore di spunto del motore è difettoso.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo visto in un articolo precedente, quali siano i codici di errore, che si possono presentare sul display di una asciugatrice a marchio Hotpoint o Indesit, che indicano un malfunzionamento ed il loro significato. Sono i codici di errore riferiti a dei modelli di asciugatrice più vecchi e che rappresentano il difetto di funzionamento con un numero preceduto dalla lettera F.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

A seconda che ci troviamo di fronte ad una asciugatrice in pompa di calore o a condensazione (resistenza elettrica), il posizionamento deve essere valutato in modo differente. Il motivo è da ricondursi alla differenza di peso che c’è tra le due asciugatrici. Infatti, quella in pompa di calore, avendo al suo interno una serie di componenti, come il motore, il circuito frigorifero, lo scambiatore ed altro è più pesante rispetto ad un modello a condensazione, che internamente è composta da pochi elementi.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Nella scelta di un’asciugatrice molte volte prima di effettuare l’acquisto, viene preso in seria considerazione, oltre ai consumi energetici, i tipi di programmi svolti e la durata del ciclo di asciugatura, che può variare nei diversi modelli, anche se non di molto. A dire il vero non sempre si riesce a trovare un riferimento specifico per la durata di ogni singolo ciclo, ma dalla scheda prodotto si può conoscere quella del ciclo standard.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Durante il funzionamento del ciclo di asciugatura se tutto funziona regolarmente, l’acqua presente negli indumenti viene assorbita dall’aria calda immessa nel cestello e successivamente fatta condensare sull’evaporatore, che erroneamente viene chiamato condensatore. In realtà il gruppo di scambio che è un tutt’uno si divide in due parti, l’evaporatore, immediatamente dietro il filtro posizionato sotto lo zoccolo ed il condensatore, che è la parte che si trova nel retro.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea