Icona accesso.
 
 
Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
 
 
 
 
 

Riposizionamento di classe con la nuova etichetta energetica della lavasciuga.

 
Rimasta invariata fin dalla prima stesura, l’Energy Label della lavasciuga viene completamente modificata, resta in linea, ovviamente, con quella degli altri elettrodomestici, ma rispetto alla precedente e altra cosa.
Giorno 1 marzo è prevista l’entrata in vigore della nuova etichetta energetica, ed al tempo stesso la regolamentazione dispone di mantenere la vecchia per consentire il confronto. La nuova come la vecchia scala resta invariata, non erano e non sono previsti classi superiori alla A, pertanto la scala è quella che va dalla A alla G.

Mettiamo ora a confronto le due etichette al fine di delineare le differenze, che si concretizzano in dei vantaggi per la valutazione delle informazioni.

Energy label lavasciuga vecchia.Energy label lavasciuga 2021.

Premettendo che nella prima stesura il consumo si riferisce al singolo lavaggio, pertanto tutti i dati riportati fanno riferimento a questo, con una distinzione, molto più marcata nell’ultima versione, che divide tutta la tabella in due parti, per quanto riguarda la classe energetica, sulla sinistra la classificazione ed i dati del ciclo di lavaggio ed asciugatura, mentre sulla destra ai dati relativi al solo ciclo di lavaggio.

Il quadrante sottostante è diviso dai pittogrammi al centro, rispettivamente, capacità, consumo acqua, tempo del lavaggio, con indicazione dei dati tecnici sulla sinistra per il ciclo di lavaggio ed asciugatura, mentre sul destro del solo lavaggio. Nella parte finale la classe di asciugatura “B” riferita alla centrifuga, quindi all’umidità residua al termine di questa ed infine la classe del rumore “A” ed i decibel. Rispetto alla precedente sparisce la classe di efficienza di lavaggio (A), che per normativa deve essere obbligatoriamente in questa classe.

Finalmente la nuova etichetta restituisce il giusto valore alla lavasciuga, difatti possiamo subito evincere due classificazioni energetiche, E ed A, rispetto alla precedente solo B. Precedentemente la classificazione veniva data per la combinazione delle due funzioni del prodotto, che nel complesso, portava una perdita di valore per le prestazioni del solo lavaggio a vantaggio dell’asciugatura. Ora possiamo ravvisare che il prodotto è in classe A per il ciclo di lavaggio mentre in classe E per quello completo.
 

 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Avevamo già messo a confronto in un precedente articolo, ed evidenziato come a parità di classe energetica e capacità di carico, due lavasciuga in realtà possono avere un consumo differente.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Come ben sappiamo la direttiva 92/75/CEE del 22 settembre del 1992, stabilisce i criteri sull’etichettatura energetica degli elettrodomestici. Tra queste vi è anche quella relativa alla lavasciuga, che diversamente da quelle di altri elettrodomestici, non ha subito dei cambiamenti, con l’entrata in vigore della nuova, a partire da giorno 1 gennaio del 2013.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Rimasta invariata fin dalla prima stesura, l’Energy Label della lavasciuga viene completamente modificata, resta in linea, ovviamente, con quella degli altri elettrodomestici, ma rispetto alla precedente e altra cosa.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Come di nostra abitudine cerchiamo di andare oltre le apparenze, scendendo nel dettaglio, in questo caso per confrontare due lavasciuga, entrambe da 9 kg in classe A, che apparentemente dimostrano di essere uguali in termini di consumi energetici, ma addentrandoci nei dettagli tecnici scopriamo che non è così.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Come ogni anno l’arrivo della stagione invernale porta a considerare in modo più attento la possibilità di acquistare una lavasciuga, per risolvere in un colpo solo l’esigenza del lavaggio, ma soprattutto il fastidioso problema di non poter stendere i panni a causa di un clima non favorevole.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il sistema utilizzato dalla lavasciuga per produrre aria calda è basato sull’impiego di una resistenza elettrica, che una volta surriscaldatasi e con l’ausilio di un sistema di ventilazione immette il flusso di aria calda nel cestello, consentendo all’umidità dei tessuti di essere estratta.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea