Televisori oltre la tecnologia teniamo in considerazione il consumo energetico.

Si parla già da molto tempo di consumo energetico soprattutto per la categoria dei grandi elettrodomestici, catalogati per normativa in una scala di efficienza che ne identifica i consumi.

L’attenzione ai consumi non deve però riguardare solo questi prodotti, ma anche l’elettronica di consumo che riveste un ruolo molto importante in termini di presenza nelle nostre case e quindi di consumo energetico.

Quando acquistiamo un televisore ci preoccupiamo solitamente di acquistare l’ultima tecnologia e di capire tra LCDPLASMA e LED quale possa essere la migliore per noi, in termini di qualità di immagine e funzioni, ponendo poca attenzione ai consumi energetici. C’è da tener presente che rispetto ai televisori di vecchia generazione, siamo passati a televisori con schermi molto più grandi, e conseguentemente anche a degli assorbimenti superiori. I fattori che influiscono sui consumi sono sostanzialmente due, ovvero la grandezza dello schermo e la tecnologia del televisore.

Partendo dalla tecnologia la più energivora risulta essere quella al plasma, per passare a consumi più bassi con lcd ed infine ai prodotti led con consumi inferiori mediamente fino al 50%. Questo naturalmente è un dato generico che può variare da produttore a produttore e da modello a modello, pertanto è consigliabile sempre effettuare un riscontro pratico dell’assorbimento in watt del prodotto.

Fino a poco tempo fa, l’assorbimento elettrico si poteva riscontrare leggendo l’etichetta apposta sul retro del televisore o consultando i cataloghi o le schede tecniche messe a disposizione dai produttori. A decorrere dal 30 novembre 2011 la normativa europea ha introdotto l’obbligo dell’energy label e conseguentemente, oltre alla verifica dell’assorbimento in watt, sul prodotto, che possiamo ancora effettuare, abbiamo a disposizione il consumo in kwh annui di ogni apparecchio.

Per avere fin da subito un’idea della differenza dei consumi e del risparmio ottenibile analizziamo il consumo di un grande schermo.

Abbiamo preso a riferimento un plasma 50 pollici, un lcd 55 pollici ed un led 47 pollici della stessa azienda, e confrontato i consumi abbiamo riscontrato un assorbimento rispettivamente di: 410 watt, 340 watt e 180 watt. Volendo sviluppare questo dato in consumo energetico, considerando un utilizzo medio di 6 ore al giorno per un anno, avremo: 885,6 Kwh, 734,4 Kwh e 338,8 Kwh l’anno.

Quantificando il consumo in soldi, considerando un costo medio di 0,30 € per Kwh, avremo: € 265,68 nel primo caso, € 220,32 nel secondo caso ed € 101,64 nella terza scelta. Come detto in precedenza oltre alla tecnologia anche la dimensione dello schermo incide sul consumo, pertanto consideriamo che con schermi di misura più piccola il consumo scende, mantenendo più o meno la stessa proporzione di differenza in funzione della tecnologia.

Ultima pubblicazione: 12/02/2011
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

Icona regione.
Mariagrazia da Milano giorno 20/12/2012
Per evitare i consumi anche quando la tv è spenta esistono dei dispositivi appositi che disattivano tutti gli apparecchi in standby collegati alla televisione tipo questo.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Grazie per il contributo Mariagrazia.
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Da sempre la tecnologia è in continua evoluzione nel mondo dell’elettronica. Abbiamo assistito in pochissimo tempo ad un passaggio epocale dal televisore a tubo catodico agli schermi piatti con spessori fino a pochissimi centimetri di profondità, con diverse tecnologie per la visualizzazione delle immagini.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Nel panorama di modelli delle aspirapolvere a traino e delle scope elettriche, tralasciando le caratteristiche generali e specifiche di un determinato modello, una caratteristica cui va data particolare importanza ed attenzione nella scelta è la potenza di aspirazione.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Certamente è l’aspirapolvere più desiderata da ogni persona addetta alle pulizie domestiche, differisce dalla tradizionale aspirapolvere per forma, dimensioni ed ancora in modo molto più significativo per la tecnologia utilizzata per effettuare il lavoro nel ripulire gli ambienti della nostra casa.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Sugli scaffali dei negozi sia fisici che on-line ce ne sono un’infinità. A priva vista sembrano tutti uguali se non per differenze estetiche, alcuni con colori accattivanti, altri con forme armoniose, ma oltre a come si presentano ci sono molte altre differenze da valutare.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Oggi ci soffermiamo su una novità veramente importante che riguarda la funzionalità dell’aspirapolvere o scopa elettrica, ovvero il sacchetto.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
L'aspirapolvere è uno strumento utilissimo che non può mancare in casa per aiutare nelle pulizie quotidiane, il grande affollamento di marche e modelli differenti è sicuramente un buon vantaggio ma può trarre in confusione..
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea