Stufa alogena consumi di corrente e come funziona

stufa alogena consumi

La stufa alogena ha sviluppato una forte presenza nei negozi intorno all’anno 2005, radicata anche grazie ad una varietà di modelli proposti e soprattutto al fatto di vantare la fama di consumare poca energia elettrica. Ad aumentare ulteriormente la consolidazione della sua diffusione e dell'essere ben recepita dal consumatore si aggiunge il costo contenuto: si possono trovare modelli intorno alle 10,00 euro. Ma vediamo di scoprire qualcosa in più sul funzionamento e quanto consuma una stufa alogena realmente in euro!

Cosa trovi in questo articolo:

Come è fatta la stufa alogena

Come funziona la stufa alogena

Sicurezza stufa alogena

Potenza stufa alogena

Quanto scalda la stufa alogena

Consumo stufa alogena

Pro e contro stufa alogena

Modelli e prezzi stufa alogena

Domande poste dai consumatori

Commenti per chiedere informazioni



Come è fatta la stufa alogena

La stufa alogena è composta da un telaio, che può essere in metallo oppure in plastica, all’interno del quale, a seconda del modello, ci sono tre o quattro candele alogene. Questa struttura si poggia per restare in piedi su una base (fornita nella confezione ), che può essere anch'essa in plastica o in metallo e che deve essere incastrata alla base della struttura ed avvitata. Nella parte superiore della stufa ci sono i pulsanti per gestire la regolazione del calore. Viene alimentata da un cavo elettrico attaccato alla stufa.

Stufa alogena come funziona

Il funzionamento della stufa alogena è molto semplice, una volta montata la base e posizionata in un punto della stanza, si può accendere. Prima di farlo è bene ricordare che non deve essere posizionata vicino ad oggetti o ad esempio alla tende e non bisogna mettervi sopra niente, ad esempio indumenti ad asciugarsi. Tali pratiche sono pericolose e potrebbero dare origine ad incendi. Inserita la spina di alimentazione basta semplicemente schiacciare il pulsante di accensione, che allo stesso tempo corrisponde all'attivazione della prima candela alogena, schiacciando il secondo si attiva la seconda candela, con il terzo pulsante la terza e con il quarto pulsante, quando si tratta di una stufa alogena a quattro candele, la quarta. Oltre ai pulsanti di regolazione dell’intensità del calore, ce n’è un altro che attiva la funzione di orientamento del flusso di calore della stufa. Una rotazione consente di farla girare sul suo asse di 160°, così da consentire un irraggiamento del calore in tutte le direzioni dell’ambiente circostante. Nella stufe alogene con tre candele l'attivazione avviene tramite un quarto pulsante, mentre in quelle a quattro candele con il quinto pulsante.


Sicurezza stufa alogena

Quando si ha a che fare con le stufe ci si interroga spesso sulla loro sicurezza e domande tipo: "stufa alogena pericolosa?" possono certamente nascere in chi ha intenzione di acquistarla. Per rispondere direttamente alla domanda la risposta è no! Le stufe alogene oggettivamente non sono pericolose in quanto sono dotate di sistemi di sicurezza, tuttavia nel loro impiego, così come nell'utilizzo di qualsiasi altra stufa o attrezzo elettrico è necessario attenersi alle indicazioni di utilizzo. La stufa alogena è dotata di un elementare, quanto efficace  sistema di sicurezza che entra in funzione quando si verifica una sua caduta accidentale, infatti nella parte sottostante c’è un interruttore (pulsante) che nel momento in cui la stufa viene poggiata per terra viene schiacciato, generando il contatto elettrico che rimuove l'interruzione sui fili di alimentazione facendo funzionare la stufa. In caso di caduta, il pulsante ritorna nella posizione di apertura, questo avviene grazie alla presenza di una molla, sulla quale non essendo più esercitata la spinta del peso della stufa, si estende facendo interrompe il contatto e spegnendo immediatamente la stufa. La molla è responsabile della distanza tra i due contatti ed in alcuni stufe alogene può capitare che la molla non è tarata bene e la stufa appena comprata non si accende, in questa situazione è necessario smontare il pulsante della stufa ed allungare la molla.


Potenza stufa alogena

La potenza può essere allo stesso tempo equiparata ai consumi stufa alogena, ma andiamo per gradi! Per potenza della stufa ci si riferisce indirettamente alla quantità di calore che emana. Più una stufa è potente e maggiore è il caldo che manda. Una stufa alogena ha una potenza complessiva che varia in base al modello di stufa, in generale ci sono stufe alogene con una potenza di 800 watt (2 candele), di 1200 watt (3 candele), di 1600 watt (4 candele) e di 1800 watt (4 candele da 450 watt). Ogni lampada alogena basso consumo dispone di una potenza di 400 watt oppure di 450 watt e la somma di tutte le candele restituisce la potenza massima della stufa. La potenza massima si ottiene accendendo tutte le candele. Accendendone solo una o più di una ma non tutte la potenza restituita dalla stufa in quel momento equivale a quella della somma delle candele alogene accese. La candela può essere considerata di basso consumo energetico, se rapportata ad una candela al quarzo o ad una resistenza elettrica classica.

Quanto scalda la stufa alogena

La capacità di riscaldamento della stufa alogena non è particolarmente elevata e la diffusione del calore avviene frontalmente e nelle sue immediate vicinanze, è indicata per ambienti piccoli (30 metri cubi). La stufa alogena non rientra in una fonte di riscaldamento che può essere considerata primaria, difatti non può essere ritenuta valida per sostituirsi al riscaldamento principale ma un supporto a tale fonte o una stufa utile per i periodi di freddo non eccessivo. Il volume indicato si riferisce al funzionamento della stufa al massimo della potenza.


Stufe alogene consumi

La stufa alogena rientra nel riscaldamento elettrico a basso consumo, difatti, lo abbiamo detto in apertura, quando ci si riferisce ad essa l'idea generalizzata è proprio questa! Ma è proprio vero? Vediamo ora con una tabella le stufe alogene quanto consumano!

Candela Stufa alogena consumi watt Stufa alogena consumi kw/h Stufa alogena consumi €
1 400 0,4 0,12
1 450 0,45 0,135
1 500 0,5 0,15
2 800 0,8 0,24
2 900 0,9 0,27
2 1000 1 0,30
3 1200 1,2 0,36
3 1350 1,35 0,405
4 1600 1,6 0,48
4 1800 1,8 0,54

*Nella tabella abbiamo considerato il consumo per 1 ora di utilizzo e stabilendo il costo del kw/h in 0,30 centesimi.

Calcolatore consumo stufe alogene

 
Puoi variare il costo per kw/h per un calcolo preciso.
Puoi variare il numero di ore di accensione per un calcolo preciso.
Stufa alogena consumo in euro
 
 

Stufa alogena pro e contro

La candele si possono fulminare facilmente in caso di presenza di continui sbalzi di tensione. La loro sostituzione potrebbe essere  antieconomica, in quanto il costo della candela sommato a quello della riparazione, possono superare la spesa per una nuova stufa alogena.

Altra nota negativa ed allo stesso tempo positiva, dipende dalla percezione personale, è l'eccessiva luminosità prodotta nel funzionamento. Le candele alogene infatti producono una luce intensa, che a taluni risulta essere fastidiosa soprattutto alla sera al buio e comunque creare riflesso sui vetri, sugli occhiali o sulla televisione, generando un po’ di fastidio. Da altri viene percepita come gradevole, preferendola alla sera all'illuminazione del tradizionale del lampadario.

Tra i pro si può annoverare la facilità di trasporto da una stanza all'altra o in altra abitazione.

Modelli e prezzi stufa alogena

Sul mercato sono presenti molti modelli appartenenti a marchi noti e tanti altri commercializzati da brand assolutamente sconosciuti che propongono stufe da primo prezzo. Abbiamo raggruppato nella tabella sottostante i modelli di stufa alogena basso consumo attualmente in commercio con i relativi prezzi, così da poter disporre di una tabella riassuntiva e che consente un paragone immediato.

Marca Modello Potenza Prezzo
Olimpia Splendid Solaria Evo 400 - 800 -1200 40,90
Argo Drum 500 - 1000 53,43
Bimar HR303A 400 - 800 -1200 24,90
Ardes AR454B 400 - 800 -1200 31,89
HIGH-TECH HIGH-TECH 400 - 800 -1200 22,95
Zephir B09HTYT4W8 400 - 800 -1200 49,00
Blinky B00JYAIPEK 400 - 800 -1200 24,89
Palucart 1097 400 - 800 -1200 34,40
Zenith STAL1600 400 - 800 -1200 - 1600 18,30
MAURER KOS 400 - 800 -1200 - 1600 38,50
Howell RSA1810 450 - 900 -1350 -1800 29,90
Ultima pubblicazione: 08/09/2022
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

Icona regione.
Umberto da Verona giorno 27/01/2015
Sarei interessato a riscaldare una cantina – taverna, con alta percentuale di umidità, misura circa 50 mq. Preferire una stufa alogena a basso consumo elettrico oppure del tipo caminetto elettrico o al metanolo per un miglior aspetto estetico.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Umberto, per la metratura che hai una stufa alogena è troppo poco, l’ambiente necessita di una potenza superiore, almeno una stufa a gas o comunque una potenza termica di 6 kw. Per capirci una alogena ha una potenza termica di 1,2 Kw accendendo le tre candele.
Icona regione.
Stefano da Monselice giorno 20/10/2012
In euro una stufetta alogena quanto consuma al giorno grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Stefano,
il consumo dipende da quanto tempo rimane accesa e da quanto elementi sono attivi quando è in funzione. Le stufe alogene solitamente possono avere tre o quattro candele, ognuna delle quali assorbe 400 watt. Una candela in un ora consuma 0,4 kw/h, considerando approssimativamente il costo di un kw/h di energia elettrica di 0,25 €, possiamo stabilire che in un’ora una sola candela costa 0,10 €. Per gli altri calcoli fai tu…ciao.
Icona regione.
Franco da Roma giorno 05/01/2011
E' più economica la stufa alogena o il termoventilatore?
 
Icona elettro-domestici.com
 
La stufa alogena è più economica rispetto al termoventilatore da tutti i punti di vista. Il suo costo nei centri commerciali è molto basso si trovano stufe alogene dai 10 ai massimo 30 euro; un termoventilatore dai 10 fino anche a 100 euro. Il consumo energetico è più basso nella stufa alogena, ha un assorbimento di 1200 watt contro il termoventilatore che ha un assorbimento di 2000 watt. La capacità di riscaldamento è più bassa rispetto al termoventilatore.
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Ogni anno quando arriva la stagione fredda per riscaldarsi si va alla ricerca della stufa elettrica migliore per creare quelle condizioni di calore che ci consentono di vivere,  in modo confortevole, in un ambiente. L'autunno e l'inverno che siamo in procinti di affrontare (2022 - 2023) oltre al freddo porta con se il problema che oramai a toccato le tasche di tutto il popolo italiano: il costo dell'energia!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Per chi in casa non possiede una caldaia per la produzione di acqua calda igienico-sanitaria, la soluzione per averla è quella dell’impiego di uno scaldabagno, che fino a poco tempo fa, si indirizzava esclusivamente verso il classico con funzionamento elettrico, passando attraverso l’individuazione della capacità in relazione alle esigenze familiari, ma oggi ci si può indirizzare all’acquisto di uno scaldabagno in pompa di calore.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Il termoventilatore è composto di una di una resistenza elettrica e da una ventola, che ha la funzione di propagare il calore. Generalmente viene identificato come termoventilatore la stufetta di piccole dimensioni, solitamente con una forma cilindrica o una forma simile ad una palla, destinata a riscaldare piccoli ambienti o il bagno.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Uno dei difetti che più comunemente si manifesta nel convettore e nel termoconvettore elettrico, è quello relativo al mancato riscaldamento, totale o parziale. Nella gestione della potenza (750/1250/2000 watt) dispone di due pulsanti, che consentono di regolarla ad un livello minimo, uno medio ed uno massimo, rispettivamente premendone uno, l’altro o entrambi contemporaneamente.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Tra i tanti prodotti per il riscaldamento domestico secondario rientra il tradizionale termosifone ad olio, aspetta! Ad olio non significa che lo utilizza come combustibile per produrre calore: è solo un elemento necessario al suo funzionamento! I radiatori ad olio funzionano con la corrente elettrica difatti vengono classificati con il nome di "termosifoni elettrici". Di tale termine sono sinonimi: radiatore e calorifero.  Quando ci si riferisce al termosifone si intende il termosifone portatile o i termosifoni a parete alimentati elettricamente con al loro interno l'olio o un liquido equivalente (olio minerale).
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La stufa alogena è dotata di tre candele per il riscaldamento, che nel corso del tempo sono soggette ad usura e pertanto tendono a fulminarsi. Ognuna delle candele a seconda del modello ha una potenza di 400 watt o di 450 watt, e possono essere accese insieme o singolarmente.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea