Cos’è il vuoto ad un impianto di condizionamento e perché è sempre necessario effettuarlo.

Tra le differenti tematiche riguardanti l’installazione e l’impiego di un condizionatore d’aria, c’è un argomento: praticare il vuoto all’impianto, sul quale ci si interroga della reale necessità di effettuarlo in tutte le circostanze.

La pratica del vuoto è una procedura che viene effettuata in fase di installazione di un condizionatore fisso. Dalle differenti disquisizioni e procedure eseguite da alcuni installatori e riportate da diversi consumatori, si evince che è necessario praticarla nel momento in cui c’è una distanza considerevole tra l’unità interna e quella esterna, tralasciandola nel momento in cui questa diventa minima, ovvero nel caso di una installazione spalla a spalla. Ma quanto c’è di vero in questo concetto? In realtà nulla!

Difatti il vuoto all’impianto deve essere praticato in ogni circostanza in quanto, se non fatto, può essere causa di un invalidamento della macchina nell’arco di un periodo più o meno lungo. Quando non viene praticato difatti, il sistema può non presentare nessun problema, funzionando perfettamente inizialmente, per poi cominciare a perdere colpi con il passare del tempo, che consente all’installatore di ritenersi non responsabile di detta condizione ed imputare il difetto a cause non riconducibili all’installazione. Ricordiamo che il difetto di installazione ed il vuoto non fatto lo è, fa decadere la garanzia.

Ora per capire perché è sempre necessario, vediamo a cosa serva in concreto. Per capirlo è necessario stabilire che un impianto si compone da una parte esterna ed uno split interno, in alcuni casi anche di più, ma il concetto resta uguale, uniti da due tubi, uno di mandata ed uno di ritorno. Il gas refrigerante è già presente nell’unità esterna, ma chiuso in essa ermeticamente. Dopo aver collegato le due unità, il gas circola passando da una all’altra tramite i tubi di collegamento. Affinché tutto funzioni correttamente, all’interno del circuito non deve esserci presenza di aria o di acqua, che vi si può trovare sotto forma di vapore, altrimenti questi due elementi ossidano dei componenti interni ed invalidano l’impianto. Dalla semplice perdita di resa, ad un grippaggio del motore o altro. Allo stesso tempo il circuito deve essere ermetico, quindi non deve presentare nessun tipo di dispersione, di foro, di perdita.

La tratta che può essere interessata dalla presenza di queste condizioni è quella relativa ai tubi di mandata e di ritorno impiegati, che come si può intendere, al di la della lunghezza, possono contenere aria ed acqua comunque, quindi sia in caso di una distanza lunga tra il motore e lo split, che di una breve come l’installazione spalla a spalla, ed le tubatura dentro lo split.

La procedura di vuoto serve proprio a verificare che non ci siano le due condizioni descritte, ovvero la presenza di aria e di acqua nel circuito e nessun perdita dello stesso.

Una volta fatte le cartelle e fissato i tubi al motore ed allo split, dai rubinetti del motore e nello specifico da un canale che da accesso alle tubature, quindi un unico canale che partendo dal motore arrivare a percorre tutte quelle presenti nello split, si attacca la macchina del vuoto. Una procedura di vuoto eseguita in modo corretto dura poco più di 30 minuti.

Essa non fa altro che tirare via tutta l’aria e con se la condensa che potrebbe essere presente in tutto questo circuito, man mano che l’aria viene espulsa, si crea il cosiddetto vuoto, che possiamo evincere dal manometro che vede salire la pressione fino ad un certo valore (riportato sui dati tecnici di installazione). Questa deve essere mantenuta stabilmente, in caso contrario, quindi se si verifica una sua diminuzione, significa che siamo in presenza di una perdita, che il più delle volte è da ricondurre alle cartelle, quindi bisogna verificarne la tenuta con una specifica soluzione schiumosa.

Concludiamo col dire che per l’installazione di un condizionatore è indispensabile affidarsi ad un tecnico certificato.

Ultima pubblicazione: 05/04/2017
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

Icona regione.
Elio da Biella giorno 09/05/2022
Buongiorno, ho una macchina per il vuoto che ho comprato anni fa, ma adoperata solo una volta (praticamente nuova), mi è stato detto che non va bene per il gas refrigerante R32. Mi chiedo se ciò è vero, dal momento che il vuoto viene effettuato alle tubazioni e per quello che sembra a me non dovrebbe influire sulla successiva attività del condizionatore. Cosa ne dite?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Elio, la pompa del vuota è specifica per tipo di gas in quanto misura la sua pressione con un manometro specifico, ovviamente tutta la pompa è strutturata per tale scopo.
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Una forte convergenza, da parte di tutti i produttori di climatizzatori fissi, si è concretizzata nell’impiegare, nella loro produzione, la tecnologia inverter, che invece è poco impiegata nella costruzione di condizionatori portatili.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
In un precedente articolo ci eravamo già occupati dei passaggi che erano avvenuti nel tempo, tra i diversi gas del condizionatore, quindi del vecchissimo R 22, al passaggio al gas R407C, per poi arrivare in tempi non molto lontani al più performante e meno inquinante (in caso di dispersione), del gas R410A.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Il gas refrigerante impiegato nei condizionatori d’aria, nel corso del tempo è stato oggetto di valutazioni in merito al suo impatto ambientale, che hanno portato all’abbandono, per legge, di alcuni tipi di gas verso altri con meno impatto di immissioni di HFC nell’ambiente.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
In linea generale se viene messa a confronto la tecnologia on-off e quella inverter nel climatizzatore, si può affermare, che conviene sempre un climatizzatore inverter rispetto ad uno on-off.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Nell'articolo dimensionamento condizionatore abbiamo affrontato il tema del dimensionamento precisando quali sono i parametri che entrano in gioco per la determinazione del calcolo e cosa avviene se non viene eseguito correttamente. Inoltre abbiamo trattato altri aspetti che se vuoi puoi approfondire leggendo l'articolo linkato.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Quando si parla di climatizzazione di un ambiente, la scelta ideale da un punto di vista del prezzo, delle prestazioni e dei risultati in termini di efficienza, risulta essere quella dell’installazione di condizionatori fissi. Ci sono dei casi, tuttavia, nei quali non è possibili procedere con la messa in opera di un impianto fisso, per ragioni diverse: vuoi perché non c’è lo spazio esterno dove posizionare il motore, vuoi perché esistono dei vincoli paesaggistici o architettonici, vuoi perché si vive in un condominio, che non consente di procedere in tale direzione o altri motivi di diversa natura. In queste circostanze ci sono due strade che diventano percorribili: utilizzare un condizionatore portatile, in questo caso ci si riferisce prevalentemente ad un impiego estivo essendo per la maggior parte dei solo freddo, oppure orientarsi verso un climatizzatore senza unità esterna. In entrambi i casi ci sono dei pro e dei contro che vanno valutati molto scrupolosamente al fine di non fare delle spesi inutili o solo parzialmente risolutive.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea