Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Quali le cause e come intervenire quando la lavastoviglie non riscalda l’acqua del lavaggio.

Una delle anomalie che può presentarsi durante il ciclo di lavaggio della lavastoviglie è quella relativa al mancato riscaldamento dell’acqua di lavaggio, che normalmente deve raggiungere una temperatura compresa tra i 40°C ed i 65°C, in alcuni modelli 70° C e comunque con una certa variabilità a seconda del programma impostato.

Conseguenza del mancato riscaldamento dell’acqua è, oltre alla possibilità che il lavaggio non si concluda e la macchina restituisca un errore di funzionamento, è quello di un risultato di lavaggio non soddisfacente. Difatti se l’acqua non è sufficientemente calda il detergente non effettua la sua azione pulente in maniera adeguata.

Vediamo di seguito quali possono essere le principali cause, che determinano il mancato riscaldamento dell’acqua di lavaggio.

Gli elementi che possono essere principalmente responsabili del mancato riscaldamento dell’acqua sono sostanzialmente tre:

1) La resistenza;
2) Il termostato;
3) La scheda elettronica.

La resistenza è una componente che nei vecchi modelli di lavastoviglie era posizionata in basso all’interno della vasca, pertanto visibile non appena aperto lo sportello. Nei modelli attuali invece è posizionata all’interno della parte inferiore nella cavità, ovvero per accedervi bisogna coricare la lavastoviglie sul retro e dopo aver rimosso il pannello che si trovo al di sotto, si accede a tutte le componenti della macchina e quindi alla resistenza.

Tra i vecchi modelli è quelli nuovi c’è una differenza nel formato della resistenza, che nel primo caso mantiene la forma classica, mentre nel secondo ha una forma cilindrica.

resistenza

resistenza

 

Nel primo caso la resistenza si riscalda è conseguentemente anche l’acqua presente nella vasca, mentre nel secondo l’acqua passa attraverso questo cilindro e si riscalda. Per determinare se la resistenza è funzionate è necessario, sempre con la corrente staccata, posizionare le due estremità del tester sui terminali ed avere una misurazione compresa tra 20 e 35 ohm, in caso contrario, quindi se più alta o in presenza di nessun movimento la resistenza è da sostituire.

Secondo elemento che può essere responsabile del mancato riscaldamento dell’acqua è il termostato o sonda di temperatura. Questo nel corso del tempo può perdere di efficacia e restituire un valore che sfalsa il corretto rilevamento della temperatura. Il termostato è collocato al di sotto della vasca e nel caso in cui la resistenza è di tipo riscaldatore (cilindrica) troviamo anche nella porta un sensore termico che è inglobato nella scheda. Il termostato se misurato con un tester non deve restituire un valore superiore a 2 ohm.

L’ultimo elemento che può essere responsabile del mancato riscaldamento dell’acqua è la scheda elettronica, difatti questa ha il compito di regolare e gestire tutte le variabili del lavaggio compresa la temperatura. Per determinare se è la scheda ad essere responsabile del guasto, bisogna prima di ogni cosa escludere le altre due cause. Una volta escluse, bisogna accedere alla scheda elettronica, che si trova nello sportello e normalmente al di sotto della mascherina del quadro comandi.

Basta svitare le viti che lo fissano e muovere delicatamente il cruscotto fino ad estrarlo. Nella parte interne troviamo la scheda avvitata o incastrata. Dobbiamo rimuoverla e verificare visivamente la presenza di bruciature responsabili del difetto. Nel caso sia bruciato un elemento elettronico, possiamo provare a sostituirlo se possibile, in caso contrario deve essere sostituita l’intera scheda.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Ovviamente il tema di questo articolo è comprendere cosa non sta funzionando quando siamo in presenza di una lavastoviglie che non carica acqua, ma al fine di poter eseguire una autodiagnosi corretta è fondamentale stabilire il momento in cui normalmente dovrebbe avvenire il carico dell'acqua. Una precisazione, che potrebbe definirsi quasi scontata, ma in realtà non lo è! Se ti chiedessi quando avviene il carico dell'acqua? La risposta potrebbe essere: prima del lavaggio!
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Se si è in possesso di una vecchia lavastoviglie, che magari continua a funzionare e quindi non vogliamo cambiarla per evitare di effettuare una nuova spesa, è opportuno sapere che in realtà quello che non andiamo a spendere subito, lo pagheremo nel corso del suo utilizzo durante pochi anni.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo analizzato in un articolo precedente le cause che possono provocare il fermo del ciclo di lavaggio in una lavastoviglie immediatamente dopo il carico dell’acqua nella vasca.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Potrebbe capitare che al termine di un ciclo di lavaggio o in altri momenti in cui entra in funzione la pompa di scarico, nella lavastoviglie, di sentirla funzionare ma di non ravvisare lo scarico. Se la pompa di scarico si attiva, però non avviene lo scarico, è necessario eseguire alcuni controlli. Vediamo quali!
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La rumorosità della lavastoviglie è deducibile in fase di scelta dalle indicazioni riportate sull’energy label, che ne indica chiaramente i decibel db(a) prodotti in fase di lavaggio. Pertanto se vogliamo un modello silenzioso poniamo particolare attenzione a questo dato.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Oltre alle caratteristiche generali, la scelta della lavastoviglie è influenzata dalla classe energetica. Chiaramente in prima battuta, essendo a conoscenza di una scala di consumi che va dalla A+++ alla D, la selezione che automaticamente il nostro cervello elabora, è quella di escludere tutte le classi che non siano la A+++. Il concetto è logico ed esatto nella sostanza, se non fosse per la differenza di prezzo che c’è tra le diversi classi.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea