Perché la scintilla di accensione della stufa non funziona e come intervenire.

La stufa a gas sia nel caso del modello catalitico che con i mattoncini infrarossi, dispone per l’accensione di un sistema di piezoelettrico simile a quello dei piani cottura.

L’accensione avviene molto semplicemente esercitando una pressione sul pulsante o sulla manopola dove è inserito il comando. Nei modelli dove c’è solo una manopola, dopo aver aperto il gas, dal rubinetto della bombola, bisogna tenerla premuta per alcuni secondi, trascorsi i quali, mantenendo la pressione, bisogna ruotarla nello stesso verso della mandata di gas. A questo punto il sistema restituisce una leggera resistenza che deve essere forzata per dare l’impulso e generare la scintilla.

Nei modelli dove c’è sia la manopola che il pulsante, il procedimento è simile, bisogna tenere premuta la manopola sulla prima posizione e dopo alcuni secondi premere il pulsante per dare origine alla scintilla.

Il piezoelettrico è caratterizzato dalla creazione di una carica elettrica, generata nel momento in cui viene esercitata la pressione, che confluisce attraverso un cavetto elettrico alla candela piezoelettrico posizionato in corrispondenza della fuoriuscita del gas della stufa.

Potrebbe succedere però che ad un bel punto azionando il sistema di accensione la fiamma non si accenda. In questa condizione dobbiamo fare una distinzione tra il caso in cui vediamo la scintilla ma la stufa non si accende ed il caso in cui nel momento in esercitiamo la pressione e sentiamo lo scatto, non si genera la scintilla.

Nel primo caso, quasi certamente il ferro ad forma di L, che è posizionato sulla candeletta e sul quale si crea la scintilla, si è allontanato dall’elettrodo e dal beccuccio di fuoriuscita del gas. In questo caso lo dobbiamo piegare leggermente verso quest’ultimo in modo da aumentare la scintilla e consentirle di impattare subito sul gas in uscita.

ferro ad elle stufa.

Nel caso in cui invece la scintilla non si genera, allora la prima cosa che possiamo controllare e che spesso succede è il filo che collega il pulsante alla candeletta. Pertanto dobbiamo per prima cosa togliere la bombola e successivamente dalla parte interna dobbiamo svitare le viti, che fissano il pannello in lamiera di protezione al telaio della stufa. Una volta tolto avremmo accesso alla meccanica della stufa, così come nella foto.

filo piezoelettrico staccato.

Da qui abbiamo la possibilità di verificare se il cavetto e ben inserito e collegato alle due estremità, quindi in grado di condurre la carica elettrica. In questo caso possiamo subito notare come il filo sia scollegato dalla parte basse della candela.

filo piezoelettrico attaccato.

Basterà reinserirlo nel suo innesto per poter ripristinare il funzionamento del piezoelettrico ed avere la scintilla di accensione.

Nel caso in cui ci dovessimo trovare in una condizione differente di queste sopraindicate, potrebbe essere necessario sostituire il blocco fiamma pilota per intero.

Ultima pubblicazione: 02/10/2018
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

Icona regione.
Raffaele da Villaricca giorno 11/02/2020
Come cambiare il pezzo ad elle che fa accendere la stufa gas metano, il mio si è spezzato, grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Raffaele, quel pezzo è inglobato con il gruppo pilota, pertanto non puoi sostituirlo da solo, è necessario cambiare tutto il blocco. In alternativa potresti saldarlo.
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
I modelli di stufa a gas commercializzati sono di due tipi, quelle con pannello ad infrarossi e quelle catalitiche. Per scoprire i dettagli sulle caratteristiche, sistemi di sicurezza ed altro leggere l’articolo “stufe a gas”.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Abbiamo trattato in un altro articolo la problematica della fiamma di colore giallo, che fuoriesce dal gruppo pilota in una stufa a gas infrarossi, che genera una fiamma molto alta che va oltre il pannello ceramico, battendo contro la lamiera in alto.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Tra i vari prodotti utili per il riscaldamento invernale uno dei più potenti ed al tempo stesso non molto ingombrante è la stufa a gas murale, di cui abbiamo già parlato in un articolo precedente.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Appena sopraggiunge l'autunno e con esso i primi abbassamenti di temperatura, si inizia a pensare laddove non ci sia una fonte di riscaldamento a come potersi riscaldare. Con l'arrivo dell'inverno la necessità di riscaldare l'ambiente diventa vitale. Una soluzione che spesso viene impiegata è quella della stufa a gas, che può essere usata in modo specifico nell'ambiente in cui si ha necessità di riscaldare. Tra le stufe a gas c'è il modello con la fiamma blue o più conosciuta come stufa blue flame. Scopriamo insieme cosa c'è da sapere in merito ad essa!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
L’installazione della stufa a gas non è un’operazione particolarmente complicata, può essere effettuata, senza l’ausilio di un tecnico specializzato, da chiunque possieda un minimo di manualità.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La stufa a gas infrarossi produce calore tramite il pannello in ceramica che è posto nella parte frontale della stufa. Composto da tre mattoncini, identificati anche con il termine infrarossi, che sono assemblati in unico corpo, per l’appunto la piastra, nel corso del tempo possono perdere di resa.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea