Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come fare praticamente per togliere il forno da incasso dalla cucina componibile.

Qualora ci si trovi nella necessità di dover effettuare una riparazione oppure nella condizione di dover sostituire il forno da incasso, della nostra cucina componibile, è necessario per entrambe le circostanze, estrarlo dal suo interno.

Tale intervento è abbastanza semplice difatti è necessario essere in possesso di uno svitatore elettrico o in assenza di un cacciavite a croce.

Prima di eseguire qualsiasi tipo di intervento pratico, ci dobbiamo assicurare per lavorare in sicurezza, di staccare la corrente elettrica del forno, pertanto se l’impianto è strutturato con la presenza di un interruttore bipolare che gestisce la presa del forno, lo portiamo su zero per togliere la corrente, altrimenti la eliminiamo abbassando l’interruttore del magnetotermico che gestisce la linea di quella presa o in caso estremo togliamo tutta la corrente dall’interruttore centrale.

Successivamente aprendo lo sportello del forno, potremmo notare la presenza sui bordi laterali del forno, la presenza di alcune viti, normalmente sono quattro, due per lato, una in alto ed una in basso, che avvitate vanno a conficcarsi nel telaio in legno della cucina componibile, serrando saldamente il forno al mobile.

Svitiamo le viti e man mano ci accorgeremo che il forno si allenta dalla sua salda posizione e nel momento in cui abbiamo svitato tutte le viti presenti, è completamente libero. A questo punto lo possiamo afferrare dalla parte alta con entrambe le mani ed estrarlo verso l’esterno. Quando sarà abbastanza in avanti, possiamo spostare una mano ed afferrarlo dalla parte posteriore, in modo da avere una presa più salda e bilanciata.

Estraiamolo comunque lentamente in modo tale da poter vedere nel frattempo come  è posizionato il filo di alimentazione elettrico e quanto è lungo, questo ci consentirà di regolarci su dove posare il forno sul pavimento e non creare della forzature nell’estrazione dell’alimentazione elettrica, che normalmente dovrebbe essere costituita dalla presenza di una spina, inserita nella presa, al termine del cavo di alimentazione. Alcune volte ci è capitato di trovare i fili del cavo elettrico innestati direttamente alla corrente. Questo è da evitare.

Possiamo quindi poggiare il forno è staccare la spina dalla presa ed a questo punto possiamo riattaccare la corrente elettrica.

Ora possiamo chiaramente svolgere tutte le operazioni di cui abbiamo necessità e per le quali abbiamo estratto il forno dall’interno della cucina componibile. Se dobbiamo rimontarlo, conserviamo le viti che abbiamo rimosso, in quanto ci serviranno successivamente.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Un forno elettrico, come base, al suo interno dispone di una resistenza posta sul fondo ed una posta nella parte superiore. Esse a seconda delle impostazioni di cottura possono funzionare contemporaneamente oppure singolarmente. Di norma la cottura tradizionale esige il funzionamento contemporaneo, al fine di avere un calore uniforme, mentre il funzionamento singolo è impiegato per terminare la cottura o per pietanze particolari che necessitano di una cottura differenziata.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La gamma di cucine Hotpoint Ariston con il catalogo per l’anno 2012 conta circa 16 modelli, che coprono diverse misure standard e nello specifico cucine con larghezza di 60 cm, 70 cm, 80 cm e 90 cm.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una tipologia di forno, non particolarmente diffusa in Italia ma, che merita assolutamente una particolare attenzione è quella con funzione pirolitica. Questo tipo di forno a dire il vero è molto diffuso in tutta Europa ed in particolar modo nel territorio francese, dove quasi tutti i forni venduti sono dotati di questa funzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Utilizzando il gas per il loro funzionamento, nel corso del tempo un piano di cottura, una cucina a libera installazione o il forno, potrebbero manifestare una perdita di gas. Ovviamente questo non è scontato che succeda, anzi nella maggior parte dei casi l’elettrodomestico, giunge a fine vita per altri malfunzionamenti senza manifestare difetti di questo tipo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Oramai i forni dispongono di molte funzioni di cottura, ognuna della quali è più indicata di altre per eseguire dei preparati. Tali funzioni sono identificate con dei simboli che sono riportati sul quadro dei comandi o sul display del forno, che tuttavia, non possono riportare le spiegazioni relative ad ogni funzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Standardizzato in dimensioni da 90 cm, da 75 cm e da 60 cm, ha rispettivamente bisogno, per il suo inserimento, di un vano con una luce di 47,5 cm per 83,5 cm per il piano da 90 cm e di 47,5 cm per 55,5 cm per il 75 cm ed il 60 cm.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea