Congelatore quale la miglior scelta tra quello a pozzetto e quello verticale con i cassetti.
 
Crediamo sia capitato a molti di avere qualche difficoltà nella scelta del congelatore, in particolar modo nell’identificazione della struttura più adeguata alla gestione degli alimenti al suo interno. La scelta deve essere effettuata tra il congelatore verticale ed il congelatore a pozzo.

Premettendo che la scelta è molto soggettiva ed anche legata alle proprie abitudini, cerchiamo di analizzare quelle che sono le differenze oggettive per comprendere le diversità e come queste si ripercuotono da un punto di vista pratico sulla sua gestione quotidiana, al fine di rendere il più chiaro possibile il quadro della situazione e poter effettuare un acquisto più consapevole.

Il congelatore a pozzo o a  pozzetto come dir si voglia, è molto più diffuso rispetto a quello con i cassetti, il motivo che ha portato ad una sua maggiore diffusione è da ricondurre al rapporto prezzo/capacità molto più conveniente rispetto al suo concorrente. Al di la di questa considerazione prettamente economica, vediamo come succede da un punto di vista pratico nel sistema di raffreddamento e nella gestione degli alimenti.

La cella del pozzetto ha una qualità di congelazione uguale, anche se la zona più fredda è esattamente quella limitrofa alle pareti ed al fondo, dove passa il gas refrigerante, mentre verso il centro la propagazione del freddo è più lenta, anche se una volta riempito per conduzione il freddo arriva regolarmente agli alimenti.

In fase di apertura l’aria fredda non ha una eccessiva dispersione, essendo più pesante dell’aria calda, tendendo a rimanere in basso. Il suo punto di forza ma che è anche la sua debolezza è di possedere un’unica cella libera, nella quale diventa molto pratico riporre liberamente alimenti anche ingombranti. Tuttavia la mancanza di divisioni e la non presenza di scomparti impone di posizionare gli alimenti uno sull’altro e questo da un punto di vista pratico comporta due svantaggi.

Lo spazio utile interno, per intenderci i litri netti, che possono essere desunti dalla scheda tecnica o dall’energy label, non si riesce a sfruttare al 100%. Questo non perché la cella del congelatore non può essere riempita fino al bordo, ma perché la sua gestione diventerebbe impossibile. Quindi si potrebbe sostenere che per una gestione più semplificata non bisogna occupare oltre i ¾ della cella.

Il secondo svantaggio, che è strettamente legato al primo è la difficoltà di gestione degli alimenti. Non è infatti semplice riporli in modo ordinato e il conseguente posizionamento di uno sull’altro comporta una difficoltà nel prendere quelli posizionati sotto.

Nel congelatore verticale la propagazione dell’aria fredda avviene dalle pareti ed allo stesso tempo dalle serpentine posizionate sotto i cassetti, questo garantisce una maggiore omogeneità della temperatura al suo interno. La presenza dei cassetti, a parte la limitazione che impone nell’ingombro degli alimenti, che devono essere di dimensioni tali da poterci entrare, consente un’accurata disposizione degli alimenti al loro interno, che si traduce in due aspetti molto vantaggiosi nella gestione giornaliera.

In primo luogo, l’oramai quasi totale utilizzo di materiali trasparenti per i cassetti, permette una immediata identificazione degli alimenti, che se opportunamente suddivisi e catalogati ci consente di ridurre al minimo il tempo in cui rimane aperto lo sportello, evitando dispersioni di aria fredda, con un chiaro vantaggio per il risparmio energetico.

Secondo aspetto positivo è la possibilità di sfruttare il 100% del volume netto disponibile, infatti gli alimenti non si ammassano uno sull’altro ma riempiono completamente un cassetto, dove anche quelli più in fondo, estratto il cassetto sono facilmente raggiungibili. Anche prendere gli alimenti, ad altezza uomo, senza doversi abbassare è un vantaggio da considerare.

In entrambi i modelli è importante effettuare uno sbrinamento periodico, a meno che non siamo in presenza di tecnologia no frost, al fine di garantire la massima efficienza nel raffreddamento e in quello a cassetti, che gli stessi si incastrino impedendone l’apertura, con la formazione di ghiaccio.

Articolo aggiornato: martedì 14 aprile 2015

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


In altri articoli abbiamo trattato l’argomento relativo alle misure dei frigoriferi da incasso doppia porta, combinati e mono porta nello specifico i modelli sotto piano o sotto tavolo, ovvero quelli con un’altezza inferiore ai 90 cm.
 
 
Spazio trasparente.


Abbiamo già parlato in un altro articolo, relativo allo spessore delle pareti del congelatore, del tempo di risalita, ma in questa redazione vogliamo approfondire ulteriormente l’argomento ed analizzare gli elettrodomestici che ne possono essere interessati.
 
 
Spazio trasparente.


Un aspetto molto importante nella scelta di un congelatore, parliamo di congelatori verticali, quindi con i cassetti e di congelatori orizzontali, definiti più comunemente a pozzo, è la qualità dell’isolamento.
 
 
Spazio trasparente.


Crediamo sia capitato a molti di avere qualche difficoltà nella scelta del congelatore, in particolar modo nell’identificazione della struttura più adeguata alla gestione degli alimenti al suo interno. La scelta deve essere effettuata tra il congelatore verticale ed il congelatore a pozzo.
 
 
Spazio trasparente.


Tra le diverse tecnologie per la congelazione, quando si parla di congelatore a pozzetto, oltre alla forma classica ed a quella no frost, da alcuni anni si sente parlare di “Low Frost”, che tradotto in una espressione italiana significa “poco ghiaccio”.
 
 
Icona regione.
Serena da Firenze giorno 14/04/2015
Mi sapete dire le marche / i modelli di congelatore a pozzetto che hanno sicuramente il sistema di sbrinamento No Frost?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Serena, il sistema no frost nei congelatore è impiegato in quelli verticali, chiaramente non in tutti i modelli, per quanto riguarda invece i modelli a pozzetto è utilizzata la tecnologia Low Frost o Fresh Frost, che ottimizza il raffreddamento ed evita una formazione eccessiva di brina, ma non ha niente a vedere con il No Frost.
Icona regione.
Silvia da Biella giorno 22/11/2014
Ho un frigo con congelatore a pozzetto della marca Wega white, ma è talmente vecchio che non c'è scritto il modello, ci sono solo tre quadrettini sotto alla marca e non ha neppure la luce che si accende quando lo si pare. Ho messo una vaschetta di gelato nel congelatore, già acceso da tempo, ed in una settimana il gelato era ancora tutto mollo, non duro come dovrebbe essere. Oltre a comperare un termometro e verificare se il congelatore raggiunge i - 30°C, cos'altro posso fare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Silvia, oltre a verificare la temperatura, che ritengo non sia adeguata, altrimenti il gelato si induriva, non puoi fare nulla. Se non arriva in temperatura ci può essere un difetto al termostato, al motore, una mancanza di gas ed altro, quindi è necessario un tecnico sul posto per identificare il guasto e metterci mano.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su
Chiudi
Regala un libro per Natale