Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Il cavo che serve per testare senza tester un componente dei un elettrodomestico.

Una volta che abbiamo identificato il componente o uno dei componenti che potrebbe essere responsabile del malfunzionamento della lavatrice, della lavastoviglie o altro elettrodomestico, per assicurarci che sia difettoso possiamo in alcuni casi testarlo.

Per farlo è necessario un tester o possiamo farlo con uno “strumento” per l’alimentazione diretta che possiamo costruire da noi. Vediamo ora cosa ci serve e come assemblarlo.

Abbiamo bisogno di una cavo di alimentazione, possiamo usarlo con soli due fili, della lunghezza di 1 metro e mezzo circa. La misura è indicativa in quanto non è legata al funzionamento ma è esclusivamente una questione pratica di impiego.

Sono necessari due faston femmina, due cappucci di protezione, un interruttore acceso spento ed una presa.

Per lavorare necessitiamo di forbici per cavi elettrici, pinza, giravite.

Il cavo di alimentazione possiamo tagliarlo in due pezzi, in quanto una prima parte più lunga si interporrà tra la spina e l’interruttore, l’altra tra quest’ultimo ed i faston.

Togliamo dalle quattro estremità un pezzo di guaina proteggi cavi, da tre circa 1,5 cm, mentre dal quarto anche 5 cm, qui collegheremo i faston.

Sfiliamo un pezzettino di guaina che protegge la rame, su tutti gli 8 fili e con le punta delle dita arrotoliamola in modo che sia facile da inserire negli innesti delle spina e dell’interruttore.

Colleghiamo i fili all’interruttore, in questo caso osserviamo la posizione del pulsante dove da continuità elettrica in modo da posizionarlo verso i faston, così sappiamo che in quella posizione l’interruttore manda corrente. Su alcuni interruttori c’è segnato la posizione I e 0 per indicare su quale c’è il passaggio della corrente.

Successivamente colleghiamo la spina di alimentazione e terminiamo con il fissaggio dei faston. Naturalmente prima di fissarli infiliamo nel filo il cappuccio di protezione, altrimenti successivamente non potremo inserirlo.

A questo punto abbiamo un cavo di alimentazione, che parte con una spina elettrica, più in là del suo centro c’è un interruttore, prosegue con altro cavo e termina con due faston femmina coperti dai cappucci.

Sul cavo di alimentazione si potrebbe anche ovviare alla presenza dell’interruttore, tuttavia è consigliato collegarlo, in quanto nella gestione della mandata della corrente elettrica risulta notevolmente più comodo consentendoci di lavorare in modo meno difficoltoso e più efficiente.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Fortunatamente è un fenomeno che si verifica non molto frequentemente, tuttavia possiamo trovare delle macchie di ruggine all’interno della vasca della lavastoviglie, che se non opportunamente prese in considerazione, ponendovi rimedio, possono provocare dei danni ulteriori.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Se la lavastoviglie inserita nella cucina componibile deve essere sostituita o se non la si possiede affatto, si può avere chiaramente la necessità di acquistarla. Per inserire una lavastoviglie nella cucina componibile, ci sono diverse opzioni, se non si ha nessuna informazione in merito possiamo trovarci davanti a delle proposte fatte dal rivenditore che possono spiazzarci. La lavastoviglie che possiamo inserire nel mobile, come dicevamo prima, può avere delle connotazioni strutturali differenti, che è bene conoscere per avere le idee più chiare.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

L’utilizzo della lavastoviglie molte volte viene effettuato in modo non attento, nel senso che si caricano le stoviglie all’interno, si imposta un lavaggio e si avvia il programma. In tanti casi si impostano dei cicli lunghi e temperature alte in modo tale di essere sicuri di ottenere un buon risultato finale, però tutto a scapito di sprechi di tempo, energia e non sempre con un risultato ideale.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tra i tanti aspetti che vengono presi in considerazione per l’acquisto di una lavastoviglie, c’è quello relativo alla durata dei programmi, ognuno dei quali è indicato per un determinato tipo di carico.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una delle anomalie che può presentarsi durante il ciclo di lavaggio della lavastoviglie è quella relativa al mancato riscaldamento dell’acqua di lavaggio, che normalmente deve raggiungere una temperatura compresa tra i 40°C ed i 65°C, in alcuni modelli 70° C e comunque con una certa variabilità a seconda del programma impostato.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Prima di capire come procedere in modo pratico per sostituire la resistenza elettrica di riscaldamento della lavastoviglie è necessario raggiungerla. Fatta eccezione per i modelli più datati nei quali è nella vasca, nei modelli attuali, è posizionata al di sotto di essa.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea