Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Quando nella lavatrice è necessario controllare lo stato e l’ingrassaggio degli ammortizzatori.

Quando acquistiamo una lavatrice, nei primi anni di impiego normalmente durante la fase del lavaggio tutto procede in modo abbastanza silenzioso e comunque non si verificano dei movimenti, delle vibrazioni evidenti che possono destare particolare attenzione o preoccupazione.

Con il trascorre del tempo, molte volte succede che si iniziano a verificare degli episodi in cui la lavatrice durante il lavaggio, ma in modo più significativo ed importante nella fase della centrifuga, vibra in modo abbastanza evidente.

Tale vibrazione tende ad aumentare con l’innalzarsi del numero dei giri della centrifuga. Difatti, lo ricordiamo, la centrifuga ha un’azione progressiva, nel senso che quando inizia, parte con un numero di giri bassi, per poi raggiungere il massimo durante tutta la fase prevista. Questo per evitare dei colpi bruschi e per consentire una corretta equilibratura degli indumenti che sono nel cestello.

La maggiore velocità, ovviamente implica un maggiore movimento della vasca, che a sua volta crea un’azione di scarico sugli ammortizzatori, che ne attutiscono i colpi e rendono, se in buone condizioni, il suo movimento fluido senza ripercussioni relativamente alle vibrazioni.

Nel momento in cui acquistiamo la lavatrice, gli ammortizzatori sono nuovi e sono ingrassati. In generale l’ammortizzatore è formato da un “tubo” in plastica all’interno del quale si infila un cilindro metallico, poi ci sono anche degli ammortizzatori più complessi ed efficienti. Per quanto riguarda questo tipo, il grasso presente nel corso del tempo tende a consumarsi, fino al punto in cui la sua assenza, impedisce al cilindro metallico di scorrere all’interno del tubo in modo fluido.

Addirittura asciugandosi si crea una sorta di condizione quasi collante, che frena ulteriormente questo inserimento. Conseguentemente nella fase in cui l’ammortizzatore dovrebbe attutire la pressione della vasca, resta in parte rigido, quindi non assorbe completamente, restituendo parte di tale forza, che si ripercuote sulla lavatrice, con il conseguente movimento del telaio.

Per risolvere questa anomalia è necessario pertanto ingrassare nuovamente gli ammortizzatori. Una volta estratto il pannello che ricopre la parte retrostante, possiamo facilmente identificarli. Sono agganciati da una parte alla vasca e dall’altra alla base del telaio del mobile.

Troveremo una parte scoperta, dove è visibile la parte metallica infilata nel copro dell’ammortizzatore. Con la punta di un cacciavite, mettiamo un po’ di grasso in questo punto per entrambi gli ammortizzatori.

Afferriamo la vasca e muoviamola leggermente verso il basso, come per simulare la sua azione durante il lavaggio, al fine di sconsentire al grasso di entrare all’interno ed iniziare a lubrificarlo.

Terminiamo ripristinando il pannello posteriore ed eseguiamo una centrifuga per verificare se la condizione è migliorata.

In caso di non miglioramento la causa della vibrazione è da ricondurre ad altri fattori, quali le molle di sospensione o ad un problema sulla vasca, che non gira più perfattamente in asse creando un'oscillazione eccessiva non assorbibile.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una circostanza che purtroppo si può verificare non frequentemente nell'utilizzo della lavatrice è quella relativa al motore che non gira. Molte volte l'espressione motore che non gira viene indicata per dire che si è in presenza di un cestello lavatrice che non gira. Quest'ultima espressione significa che ci può essere qualcosa a livello tecnico che non funziona e che impedisce la rotazione del cestello, ma se proviamo a farlo girare con le mani, gira senza nessun problema!
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Un design assolutamente originale, caratterizzato da più varianti di colore (SILVER/NERO – SILVER/SILVER – SILVER/BLU) porta una nota di stile in ogni ambiente.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Le anomalie di funzionamento delle lavatrici a marchio Hoover e Candy, lo ricordiamo appartengono allo stesso produttore, quindi impiegano una tecnologia comune, vengono, se siamo in presenza di modelli con il display digitale, espresse con un codice alfanumerico o, se in presenza di display con i led, comunicati tramite dei lampeggi.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Uno degli elementi responsabili, in una lavatrice, nel far saltare la corrente elettrica è certamente la resistenza di riscaldamento. Ovviamente non è il solo componente che può determinare il verificarsi di questa condizione, ma di certo è quello che più spesso ne è responsabile.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Gli elettrodomestici rispetto a molti anni fa, sono totalmente cambiati in termini di tecnologia, difatti rispetto ai vecchi modelli meccanici, sono dotati di schede elettroniche, cha assolvono al compito di gestione totale del funzionamento dell’elettrodomestico.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

I modelli di lavatrice elettroniche dotate di display digitale, oltre ad indicare le opzioni selezionate per il programma e le varie successioni delle fasi del lavaggio, in caso di guasti o anomalie, segnalano un codice che identifica la problematica di funzionamento.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea