Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Regolare la gradazione del forno a gas in assenza di termostato elettronico.

La maggior parte dei forni delle cucine sono alimentati elettricamente e possiedono una manopola o in modelli più elaborati dei display digitali che consentono di impostare la temperatura. Indipendentemente dal tipo di impostazione, una volta stabilita, un termostato è in grado di regolarla e di mantenerla costante per tutta la durata della cottura.

Nei forni a gas troviamo questo tipo di regolazione nei modelli di qualità medio alta, mentre nei modelli più economici, normalmente sono quelli di piccole dimensioni (50 cm o 60 cm), ma può capitare anche in dei modelli più grandi, che la regolazione della temperatura diventi un po’ scomoda.

In questa tipologia di forno la regolazione della temperatura viene stabilita tramite una manopola che ha un minimo ed un massimo, passando da posizioni intermedie. Su alcune sono indicati i gradi di corrispondenza della posizione e quindi si riesce a regolarla, su altri invece è riportata una numerazione, che parte dallo 0 fino ad arrivare a numeri più alti, tipo 9. In ogni caso ed indipendentemente da quanto sia estesa la scala, ad ogni numero corrisponde una temperatura.

Per stabilirlo è necessario essere in possesso del libretto di istruzioni sul quale sono riportate le corrispondenze. In caso di smarrimento, essendo la numerazione e le corrispondenze universali, non è dato stabilirle.
In questi tipi di forni, all’interno normalmente è presente un termometro agganciato al vetro, visibile dall’esterno, che consente di conoscere la temperatura che c’è all’interno del forno.

Lo stesso capita per i forni, dove sulla manopola non è presente nessuna numerazione, ed è il termometro a restituire la temperatura e consentire all’utilizzatore di girare la manopola in un verso o nell’altro al fine di dare più fiamma o meno, quindi aumentare o diminuire il calore.

Possiamo trovarci tuttavia nella condizione in cui all’interno del forno non c’è il termometro e che la numerazione non sia presente o non ne conosciamo le corrispondenze, in queste circostanze cosa si può fare?

La soluzione è quella di acquistare un termometro ed inserirlo all’interno del forno in una posizione visibile dall’esterno, magari potremo agganciarlo alla griglia. In questo modo potremo sincerarci della temperatura all’interno e regolare la fiamma al fine di portarla a quella che le esigenze di cottura pretendono.

I termometri in questione costano qualche decina di euro e non hanno necessità di nessun collegamento elettrico.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Pasquale da Palermo giorno 01/03/2021
Gent.mi, ho un quesito tecnico per un forno a gas, ovvero, ho sostituito il rubinetto gas forno a 2 vie con termostato a sonda-capillare, con uno originale ed identico a quello precedente che non regolava più la fiamma, stava o sempre al massimo o sempre al minimo. Questo nuovo rubinetto, però, a parte che è duro da ruotare (forse perché nuovo?) non rispecchia le varie temperature, cioè la numerazione della manopola parte dallo 0 fino al 8, ad ogni numero corrisponde una temperatura; ma io non vedo differenze di intensità nella fiamma, (e rispetto le istruzioni del libretto) in pratica dopo una prima fase a massima temperatura (pos. 8) si gira la manopola sul numero-temperatura che occorre, ma la fiamma è sempre uguale su ogni numero, tranne che da 1 a spento, in questo breve arco circa 15-20 mm, si può notare la differenza di fiamma, ma non è tanto usabile, troppo poca corsa e manopola dura. Ho cercato di regolare la vite del minimo, di fabbrica tutta avvitata a massimo, ma anche svitandola di 2-3 giri nulla cambia, e non vorrei svitarla troppo, magari esce e cade se non ha un fermo dietro. Cortesemente chiedo qualche suggerimento o consiglio per risolvere la cosa. Grazie e cordiali saluti
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Pasquale, l’intensità di fiamma in linea di massima non varia con la manopola, ma con il raggiungimento della temperatura. Ad ogni numero corrisponde una gradazione, nel senso che non è l’intensità della fiamma a determinarla, ma una volta raggiunta il termostato di sicurezza regola la temperatura, quindi dovrebbe gestire tale fiamma.
Icona regione.
Giusto da Giusto giorno 28/09/2020
Trattasi di cucina a gas Indesit a 4 fuochi, forno a gas e porta bombola, che, in uso, fa surriscaldare tutta la cucina; è stato chiamato un tecnico che non ha risolto l'inconveniente facendosi pagare 40,00 euro per la chiamata. In sostanza, possiamo sostituire il forno? oppure acquistare una nuova cucina?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Giusto, non puoi sostituire solo il forno che è inglobato con la struttura della cucina.

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

In fase di riparazione o di manutenzione di un elettrodomestico, ci si può trovare in presenza di una o più viti, che cercando di svitarle, a causa di alterazioni della loro condizione, ruggine, sostanze varie ed altro, hanno subito un attaccamento forte che non ci consente di farlo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La maggior parte dei forni delle cucine sono alimentati elettricamente e possiedono una manopola o in modelli più elaborati dei display digitali che consentono di impostare la temperatura. Indipendentemente dal tipo di impostazione, una volta stabilita, un termostato è in grado di regolarla e di mantenerla costante per tutta la durata della cottura.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Indispensabile in ogni cucina per eliminare i cattivi odori ed i vapori generati durante la preparazione dei nostri pasti, è la cappa.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Giorno 1 marzo 2021 è la data che vede l’entrata in vigore della nuova regolamentazione energetica di alcuni elettrodomestici, tra i quali la lavastoviglie, che la vede oggetto di modifiche.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Nel corso dell’utilizzo e comunque con il trascorrere del tempo, potremmo avvertire odore di gas provenire dalla cucina libera da installazione o dal piano di cottura. Naturalmente non ci riferiamo al caso in cui avendo aperto un rubinetto per dare la mandata del gas ad un fornello e questo si sia acceso con un lieve ritardo, facendo disperdere una piccolissima quantità di gas, che comunque avvertiamo.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

In caso di mancato riscaldamento del forno una delle cause, che lo può determinare, è riconducibile ad una rottura della resistenza di riscaldamento, che non può essere riparata ma deve essere sostituita.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea