Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
La funzione notturna o sleep dei condizionatori d’aria non è per tutti uguale, vediamo alcune differenze.
 
Tra le varie funzioni di cui dispongono i condizionatori d’aria residenziali, per intenderci i classici split che vengono installati in casa e che consentono di raffrescare o riscaldare un ambiente, c’è quelle destinata alla notte.

Non tutti ce l’hanno, ma quelli che ne sono dotati sul telecomando dispongono di un tasto specifico o la modalità è selezionabile e quindi impostabile da un pulsante che può scorrere attraverso la scelta delle diverse modalità, tra cui questa.

La modalità a seconda del modello può assumere nomi diversi: notte, sleep, night, notturna ed altro; oppure essere rappresentata da una icona, che di norma è identificata da una mezza luna, da una mezza luna con le stelle, immagini che richiamano al silenzio o altro. Oltre ad essere rappresentate in modo differente, anche la funzionalità può essere diversa a seconda del marchio. In generale ci sono fondamentalmente due tipi di modalità in cui opera: una che regola la temperatura per assecondare le fasi del sonno e l’altra che cerca di mantenere la temperatura costante e riduce la rumorosità dell’impianto. Ci possono essere infine degli effetti combinati.

Ovviamente se nella scelta del condizionatore, tra le esigenze primarie vi è quella del poter dormire meglio la notte è opportuno dedicarsi in modo specifico all’analisi della differente modalità di azione nei vari marchi o modelli di condizionatore, anche perché tra modelli diversi di uno stesso marchio ci può essere differenza in tal senso. Pertanto è sempre opportuno valutare prodotto per prodotto.

Ovviamente i modelli che non dispongono di modalità notturna, possono tranquillamente essere utilizzati per la notte, quindi durante il sonno. Non disporranno delle performance degli altri, ma raffrescheranno o riscalderanno sempre e comunque l’ambiente.

Sui modelli che ne sono dotati è sempre escluso il suo impiego in abbinamento alla sola ventilazione o nella maggior parte al funzionamento in deumidificazione.

Se invece si possiede un condizionatore dotato di questa funzione e si vuole capire meglio di cosa si tratta, ora l’analizzeremo su alcuni marchi che la possiedono.

Vediamo pertanto come è riportata sui telecomandi dei vari produttori e quale è la sua modalità di funzionamento nello specifico di ognuno di loro.

Funzione sleep telecomando condizionatore.

Mitsubishi Electric

Funzione notturna Mitsubishi.Funzione notturna Mitsubishi.

La modalità equivale al funzionamento notturno, che prevede la riduzione della luminosità led, la disattivazione del beep ed una riduzione di 3 dB(A) di rumore dell’unità esterna.

Samsung

Good sleep Samsung.

Rappresentata da un’icona con la mezza luna e le stelle, la modalità “Good Sleep” ha una funzione abbastanza competa, ovvero in generale garantisce la giusta temperatura durante il sonno. Ci sono tre distinte fasi nel suo funzionamento, la prima durante l’addormentamento, che ha la durata di un’ora, dove fa diminuire leggermente la temperatura. La seconda relativa al sonno profondo che ha una durata da 2 a 7 ore, accompagna la curva dell’andamento della temperatura corporea secondo le fasi naturali. Infine la fase del risveglio, che ha la durata di circa 1 ora, durante la quale viene alzata leggermente la temperatura proprio per consentire il riattivarsi della persona.

Grafico modalita good sleep Samsung.

Daikin

A seconda del modello ci sono tre diverse modalità per il funzionamento notturno, distinte da nome e icona rappresentativa:

Modalità notturna Daikin.Modalità notturna” -  consente di risparmiare energia elettrica evitando abbassamenti o innalzamenti della temperatura.

Confort notturno Daikin.Modalità confort notturno” - consente una fluttuazione specifica della temperatura dell’aria immessa nella stanza.

Solo raffrescamneto Daikin.Modalità notturna (solo raffreddamento)” - riduce automaticamente di 3 dB(A) la rumorosità dell’unità esterna.

LG
Modalità “Sleep” - riduce la velocità di ventilazione diminuendo la rumorosità e controlla costantemente la temperatura per prevenire ed evitare eccessivi surriscaldamenti o raffreddamenti dell’ambiente. Consente di abilitare un timer di spegnimento da una a sette ore.

Fujitsu

Funzione sleep Fujitsu.
La funzione “Sleep” fa parte delle funzioni Timer, quindi è associata alla spegnimento programmato, che può essere regolato a scatti di 1 ora dopo la prima mezz’ora e fino a 9 ore. Una volta programmato, in funzione del tempo impostato, il condizionatore controlla in autonomia la temperatura, che a seconda del regime di raffrescamento o di riscaldamento, segue un andamento preciso che si rifà alle esigenze naturali del sonno. Al termine del tempo impostato si spegne.

Andamento funzione sleep Fujitsu.

Comfee

Comfee funzione sleep.

La funzione corregge in modo graduale la temperatura impostata per evitare un eccessivo raffreddamento o riscaldamento. Consente di programmare un timer per lo spegnimento.

Haier

La funzione sleep ottimizza la temperatura per evitare sbalzi troppo freddi o caldi durante il sonno.

Come si può vedere da grafico in raffreddamento e deumidificazione, dopo la prima ora aumenta la temperatura di 1° C e nell’ora successiva ancora di 1° C, per poi mantenerla costante per le 6 ore successive, per poi spegnersi.

Haier andamento funzione Sleep in raffrescamento..

Mentre in riscaldamento, dopo la prima ora la temperatura si abbassa di 1°C, nell’ora successiva si abbassa ancora di 1°C per poi rimanere costante per le 6 ore successive prima di spegnersi.

Haier andamento funzione Sleep in riscaldamento.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Lanciato di recente dal gruppo cinese Chigo in collaborazione con ICA (International copper association), il primo climatizzatore dotato di caratteristiche antibatteriche.
 
 
Spazio trasparente.


Tra le attività di controllo che bisogna effettuare per tenere in buono stato di funzionamento, o meglio dire preservare la piena efficienza di un impianto di condizionamento, c’è quella di verificare la condizione della tubatura di collegamento tra l’unita interna e quella l’esterna.
 
 
Spazio trasparente.


Una delle componenti più importanti del climatizzatore d’aria è il compressore, che ha la funzione di comprimere e mandare in circolo il gas refrigerante, consentendo il funzionamento del sistema aria condizionata.
 
 
Spazio trasparente.


Il climatizzatore può essere considerato come un apparecchio in grado di produrre benessere, ci aiuta nella stagione estiva a raffreddare l’ambiente ed eliminare l’umidità, mentre d’inverno a riscaldare le nostre abitazioni, non tutti però sono uguali e, non tutti possiedono le stesse funzioni.
 
 
Spazio trasparente.


Tra le differenti tematiche riguardanti l’installazione e l’impiego di un condizionatore d’aria, c’è un argomento: praticare il vuoto all’impianto, sul quale ci si interroga della reale necessità di effettuarlo in tutte le circostanze.
 
 
Spazio trasparente.


Nella scelta di un climatizzatore d’aria, una delle domande che spesso ci si pone è quale sia la scelta migliore tra un climatizzatore on off ed uno con tecnologia inverter. Abbiamo già esposto in altri articoli la chiara ed indiscussa superiorità dei climatizzatori inverter, ed oggi vediamo per l’appunto l’affermarsi di tale tecnologia e la relativa scomparsa dei climatizzatori on off.
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su