Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Climatizzatore ad energia solare della casa coreana LG non disponibile ancora in Europa, pregi e note negative.

L’utilizzo del climatizzatore sta diventando sempre più indispensabile per affrontare la stagione estiva, caratterizzata da temperature molto torride ed umide. Nelle mezze stagioni può essere impiegato per stemperare gli ambienti o anche impiegato, come fonte di riscaldamento principale in inverno in sostituzione di altre fonti di calore più classiche come i termosifoni ed altro.

Oltre a rinfrescare e a riscaldare l’ambiente riesce a farci respirare aria più pulita in quanto filtrata continuamente, e a seconda del modello con sistemi particolarmente efficaci.

Tuttavia climatizzare un intero appartamento o comunque anche un solo ambiente contribuisce ad aumentare il consumo energetico, che va a pesare sulla bolletta elettrica. Per evitare un aumento considerevole della spesa è importante orientare l’acquisto verso impianti di climatizzazione con un’elevata efficienza energetica ed impianti che grazie alle innovazioni possono garantire un risparmio di energia.

C’è da dire che il montaggio di impianti fotovoltaici, che permettono di produrre autonomamente corrente elettrica, sta permettendo una maggiore diffusione di questi prodotti nelle abitazioni. In riferimento all’innovazione tecnologica, una grossa novità, non ancora giunta in Europa, arriva dalla Corea dove la LG ha presentato il primo climatizzatore dotato di un pannello fotovoltaico.

La parte interna ha la classica forma mentre nella parte superiore del motore c’è attaccato il pannello in grado di recuperare l’energia solare e sfruttarla per il funzionamento del climatizzatore. Considerando il fatto che il motore è posizionato all’esterno è un’idea molto intelligente per tendere a sfruttare le tecnologie rinnovabili.

La macchina prodotta al momento è il modello F-Q23LASS ed ha una potenza di 9 Kw pari a 30700 btu/h quindi destinata ad un ambiente molto grande, approssimativamente valida per una superficie intorno ai 100 metri quadrati. Il pannello riesce ad erogare fino a 70 w/h fornendo l’energia necessaria per il corretto funzionamento del sistema di purificazione.

L’utilizzo del climatizzatore è in grado di ridurre l’emissione di CO2 per un totale di 212 Kg in dieci anni.

Se valutato come primo passo verso un futuro molto più performante può essere considerato un cammino di sicuro successo. Al momento però, analizzando il costo che potrebbe avere un simile climatizzatore, la potenza resa e l’assorbimento della macchina, i 70 w/h sono pochissimi per essere considerati un incentivazione al suo acquisto ed una reale possibilità di risparmio.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tra le differenti tematiche riguardanti l’installazione e l’impiego di un condizionatore d’aria, c’è un argomento: praticare il vuoto all’impianto, sul quale ci si interroga della reale necessità di effettuarlo in tutte le circostanze.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Nella scelta di un climatizzatore d’aria, una delle domande che spesso ci si pone è quale sia la scelta migliore tra un climatizzatore on off ed uno con tecnologia inverter. Abbiamo già esposto in altri articoli la chiara ed indiscussa superiorità dei climatizzatori inverter, ed oggi vediamo per l’appunto l’affermarsi di tale tecnologia e la relativa scomparsa dei climatizzatori on off.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Se un climatizzatore non parte in inverno è un problema ma forse lo è molto di più quando avviene in estate. Contro il caldo torrido ed una elevata umidità, il condizionatore è un elettrodomestico al quale non si può rinunciare. Succede molto spesso che un elettrodomestico ed in questo caso un climatizzatore possa non funzionare, presentando delle anomalie o presunte tali, che ci fanno trovare nella condizione in cui, non sapendo cosa fare, ci rivolgiamo al rivenditore presso il quale l'abbiamo acquistato, oppure al nostro installatore di fiducia, o infine ad un tecnico specializzato.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tra le funzioni, che orami sono divenute di base, e quindi presenti in tutti o comunque nella maggior parte dei climatizzatore d’aria, troviamo quella del timer.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il condizionatore portatile è quasi sempre impiegato nella stagione estiva per sconfiggere la calura, difatti nasce principalmente per tale scopo e nella stragrande maggioranza i modelli sono dotati della funzione di raffreddamento, ventilazione e di deumidificazione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tutti i condizionatori sia che si tratti di impianti fissi o portatili sono dotati di un filtro o meglio di filtri. Di base in un condizionatore portatile c'è un solo filtro, posto nel punto in cui l'aria dell'ambiente impatta con l'evaporatore, di solito nella parte retrostante del mobile, subito sotto il tubo di uscita dell'aria, mentre in un condizionatore split ci sono due filtri posti nell'unità interna.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea