Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come di può agire in caso di vite spanata che necessità di essere svitata nell’elettrodomestico.

In fase di riparazione o di manutenzione di un elettrodomestico, ci si può trovare in presenza di una o più viti, che cercando di svitarle, a causa di alterazioni della loro condizione, ruggine, sostanze varie ed altro, hanno subito un attaccamento forte che non ci consente di farlo.

Prima di vedere come agire, è opportuno ricordare che quando si cerca di svitare una vite, è fondamentale, per evitare di rovinare l’innesto, impiegare un cacciavite o un avvitatore la punta adeguata; deve assestare bene nella testa della vite, altrimenti in fase di rotazione, fuoriesce spanando la vite, in modo irreparabile se si insiste nel tentativo di svitarla.

Per poter svitare la vite, a seconda di dove è posizionata e delle sue condizioni possiamo impiegare tre modi diversi. Il primo, più semplice ed ovvio, è quello di impiegare dello sbloccante, lasciarlo agire per il tempo necessario, può variare da manciate di minuti fino ad ore, in alcuni casi si può lasciare agire fino al giorno successivo. Il tempo dipende dallo stato di attaccamento che la vite ha generato nel metallo, nel quale spesso tende ad arrugginire e quindi deteriorarsi e rendere la svitatura impossibile.

Sbloccante su vite.

Nel caso in cui la vite abbia solo la testa spanata, quindi c’è l’impossibilità della presa con una punta, ci sono due strade percorribili. La prima utilizzare un estrattore, che in pratica è un innesto per avvitatore con doppia punta, la prima che esercita un foro nella parte centrale della testa della vite e dall’altro lato la punta che vi si riesce ad agganciarla. Questo metodo è molto utilizzato per estrarre le viti nel legno. Nel metallo, la resistenza è maggiore, pertanto è preferibile fare un taglio orizzontale sulla testa della vite, in modo da potervi inserire la punta di un cacciavite a taglio. In questo caso la presa è migliore ed aumenta utilizzando un cacciavite più grande possibile.

Taglio orizzontale testa della vite.

Tuttavia, sebbene venga esercitato il taglio e la presa è forte, la vite può essere incollata e non estrarsi. In questa circostanza è necessario passare al terzo metodo, ovvero, tagliare la testa della vita, ovviamente se questa è sporgente rispetto alla base di dove è avvitata, con una lama per il ferro o ancora meglio utilizzando un Dremel con lama per il ferro. Munirsi di guanti e visiera protettiva per lavorare in totale sicurezza.

Taglio testa della vite.

Una volta rimossa la testa potremmo liberare ciò che era fissato ed eseguire tutte le nostre operazioni. Ci resta però il problema che ora non possiamo più avvitare una vite. In quanto il foro è pieno con quella precedentemente tagliata. Con un trapano al quale innestiamo una punta per il ferro dello stesso diametro della vite presente, ci posizioniamo su di essa e con mano ben ferma, magari lo afferriamo bene con entrambe, pratichiamo un forno, in modo tale da consumare la parte di vite che era rimasta all’interno.

Possiamo ora impiegare una nuova vite di diametro adatto e ripristinare il fissaggio come era precedentemente.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il montaggio della cappa ad aspirazione della cucina è intervento abbastanza semplice da eseguire. In questo articolo vedremo quali sono i passaggi necessari per effettuarlo e capiremo qual è lo spazio che dobbiamo lasciare tra il top e il la parte inferiore della cappa.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Uno degli interventi che più spesso viene eseguito e che potremmo quasi considerare di routine per quanto riguarda una cappa da cucina è quello relativo alla sostituzione della lampadina.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tra i tanti piccoli elettrodomestici che possiamo trovare comunemente nei negozi, ce n’è uno, la cui azienda ha scelto una via di commercializzazione completamente diversa e che merita per le sue caratteristiche di essere descritto, parliamo del Bimby. Un robot da cucina che propone delle caratteristiche ineguagliabili da qualsiasi altro robot.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La perdita di gas nella parte interna di un piano di cottura, di una cucina a libera installazione o nella parte che interessa il forno a gas, è una circostanza che non si verifica frequentemente, ma succede, il più delle volta quando sono trascorsi alcuni anni dall’acquisto.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sebbene i fornelli del piano cottura o della cucina, vengano puliti dopo ogni utilizzo, può capitare che, con il trascorrere del tempo, per varie ragioni, lo sporco e le incrostazioni aumentino a tal punto che una pulizia ordinaria non è più sufficiente a renderli accettabili. Risultano unti, incrostati, non belli alla vista e certamente impresentabili ad eventuali ospiti in cucina.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tutti i piani di cottura oramai sono dotati del piezoelettrico per l’accensione elettronica. Basterà pertanto premere la manopola della mandata del gas per sentire il ticchettio e vedere la scintilla in corrispondenza del fornello, che ne consente l’accensione.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea