Cosa significano i codici segnalati sul display della lavatrice Beko.

Beko, certamente uno dei marchi di elettrodomestici più diffusi e richiesti sul mercato, come tutti altri marchi di lavatrice, dispone di una gamma molto ampia, che, di questo ci occuperemo in questo articolo, in caso di malfunzionamento restituisce dei codici di errore sul display.

Vedremo ora quali sono i probabili codici che potremmo trovarci davanti, quale è il loro significato e come poterci orientare per ripristinare il corretto funzionamento della lavatrice.

Il sistema di codici di errore della Beko è rappresentato da un codice alfanumerico composto dalla lettera E seguita da un numero compreso tra 1 e 18, pertanto gli errori vanno da E1 a E18. Vediamoli nel dettaglio:

E1: indica che la sonda della temperatura NTC, che è quella che si trova infilata all’interno della resistenza, non rileva correttamente la temperatura. Il difetto può dipendere direttamente dalla sonda, che può essere testata (4700Ω/25°C) con l’ausilio di un multimetro, oppure dai cablaggi, ci può essere qualche interruzione che non consente al dato letto dalla sonda di essere comunicato alla scheda. Infine il difetto può essere della scheda elettronica relativamente a questo problema.

E2: similarmente al precedente, ma diversamente da quello, indica un problema nel riscaldamento dell’acqua. Normalmente l’errore si presenta dopo un po’ dall’avvio del ciclo di lavaggio, ovvero quando trascorso un tempo massimo previsto, il riscaldamento dell’acqua non si è verificato. Nel momento in cui compare l’errore dovremmo verificare se il vetro dell’oblò è freddo. Gli elementi che possono essere interessati sono i cablaggi o la resistenza;

E3: è un difetto inverso al precedente, ovvero indica che si verifica un riscaldamento continuo, il che potrebbe dipendere da un difetto della parte della scheda elettronica che gestisce l’alimentazione della resistenza;

E4: è un codice di errore che indica una difficoltà della lavatrice a caricare l’acqua nella vasca, il che potrebbe dipendere da fattori differenti quali il rubinetto chiuso, una bassa pressione idrica, il tubo di carico strozzato, un problema all’elettrovalvola ed altro;

E5: indica che c’è una difficoltà nello scaricare l’acqua. Questo può dipendere da un difetto alla pompa di scarico, dal tubo di scarico strozzato ed altro.

E6: indica un difetto legato al funzionamento del motore;

E7: il comportamento tipico in presenza di questo codice di errore e lo scarico subito dopo aver caricato l’acqua o in altri casi non si avvia proprio. Il difetto è causato dal sensore del livello dell’acqua in vasca;

E8: indica che la lavatrice non riesce a caricare l’acqua, non è indicato specificatamente quale è il componente difettoso, pertanto solo il problema in essere, per il quale vanno indagati tutti gli elementi interessati, tubo di carico, cablaggi, elettrovalvola, sensori di livello, sceda elettronica;

E9: indica che c’è un problema allo sportello dello lavatrice, al bloccoporta;

E10: è un errore simile al precedente ma diversamente si verifica con la porta bloccata;

E11: indica che si sta verificando un difetto al motore, non è specificato quale, pertanto è necessario indagare.

E17: è un errore che potrebbe anche essere definito come una segnalazione per l’utilizzatore della lavatrice, ovvero indica il rilevamento di una quantità eccessiva di schiuma. In questi casi è necessario eseguire dei cicli di lavaggio senza introdurre detersivo;

E18: come il precedente è una segnalazione che indica che è stato rilevato un carico sbilanciato degli indumenti all’interno. In questi casi il ciclo non esegue la centrifuga. Potrebbe essere utile riequilibrare il carico o ridurlo.

Ultima pubblicazione: 23/09/2021
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
La scelta di una lavatrice è divenuta nel corso di questi ultimi anni un po’ più impegnativa di quanto non accadeva per il passato, dove non c’erano molte delle caratteristiche e prestazioni che le lavatrici di oggi propongono.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Abbiamo parlato di come deve essere installata una lavatrice, ovvero le fase riguardanti l’eliminazione dei blocchi e di come debba essere posizionata e livellata. Trascurando tuttavia un parte fondamentale dell’installazione: il posizionamento del tubo di scarico.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Rispetto a molti anni fa, la vasca della lavatrice non è più costruita in acciaio ma da materiali plastici, oltre a questo cambiamento ha subito anche un mutamento nella inscindibilità, ovvero siamo in presenza di un corpo unico che non può essere aperto se non tagliandolo.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Considerato come elettrodomestico della pulizia e del profumo, scoprire che si sente puzza nella lavatrice non è certo cosa gradevole. Nel momento in cui mettiamo gli indumenti sporchi all'interno del cestello può essere normale sentire della puzza, ma al termine del lavaggio, quando li andiamo a ritirare non è più normale sentire dalla lavatrice cattivo odore.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Il cestello della lavatrice è fissato all'interno della vasca, che è la parte in resina che lo circonda, attraverso la crociera, che da una parte è fissata saldamente al cesto e dall'altra, attraverso l'albero, si fissa all'interno del cuscinetto, per poi fuoriuscire da esso ed agganciarsi esternamente alla puleggia: la ruota dove si fissa la cinghia di trasmissione! Durante lo svolgimento del ciclo di lavaggio, la rotazione del motore consente alla cinghia di ruotare e far girare il cestello. Fino a qui tutto normale!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Come ben noto la lavatrice è dotata di un filtro attraverso il quale l’acqua di scarico del lavaggio, passa prima di essere eliminata completamente attraverso il tubo di condotta, raccordato ad una conduttura a muro o dove non esistente agganciato con il collo d’oca al lavabo o altro.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea