Come sostituire la resistenza di riscaldamento della lavatrice o lavasciuga

sostituire resistenza lavatrice
La lavatrice improvvisamente non riscalda più l'acqua come dovrebbe? Non preoccuparti, potrebbe essere solo un piccolo problema con la resistenza. Un guasto che puoi risolvere anche da te, come? Eseguendo la sostituzione della resistenza elettrica! Non sai come fare? In questa articolo ci occupiamo di spiegarti e mostrarti i passaggi necessari per la sua sostituzione.

Cosa trovi in questo articolo:

Quando sostituire la resistenza

Costo resistenza lavatrice

Quanto costa sostituire la resistenza di una lavatrice

Come smontare la resistenza lavatrice

Video smontaggio resistenza lavatrice

Domande poste dai consumatori

Commenti per chiedere informazioni



Quando sostituire la resistenza

Quando durante il ciclo di lavaggio di una lavatrice o di una lavasciuga, l'acqua non viene riscaldata, il motivo può essere dovuto al malfunzionamento della resistenza elettrica di riscaldamento. In generale, le cause del mancato riscaldamento possono essere di natura diversa, sia elettrica che elettronica, ma spesso è proprio la resistenza che deve essere sostituita per risolvere il problema. Per tornare al titolo del paragrafo, possiamo dire che la resistenza va sostituita quando l'acqua non viene riscaldata! Ma dove si trova la resistenza della lavatrice? Potrebbe essere dato per scontato, ma, se non si è a conoscenza del punto in cui si trova, risulta difficile poterla cambiare.

La resistenza si trova sotto la vasca della lavatrice o della lavasciuga e non ci sono differenze tra i due elettrodomestici. Nelle seguenti istruzioni faremo riferimento solo alla lavatrice, ma le spiegazioni valgono anche per la lavasciuga. Normalmente, la resistenza si trova nella parte posteriore dell'elettrodomestico, sebbene in alcuni modelli, in particolare quelli più vecchi, può essere posizionata nella parte frontale, dove si inserisce in un apposito incavo.

La resistenza è composta da un filamento di rame avvolto in un materiale isolante a sua volta protetto da un involucro in metallo. Questo involucro impedisce all'acqua di entrare in contatto con il filamento di rame e di causare cortocircuiti. La resistenza, posizionata all'interno della vasca della lavatrice, possiede una una guarnizione intorno al punto di unione con la vasca, che la fissa, sigillando ermeticamente l'area per evitare perdite d'acqua e mantenere la resistenza immersa nell'acqua di lavaggio per riscaldarla.

Costo resistenza lavatrice

Se abbiamo identificato la resistenza come responsabile del non riscaldamento dell'acqua, è necessario procedere alla sua sostituzione. A tal proposito ci potremmo chiedere: ma quanto costa una resistenza? Il costo di una resistenza per lavatrice varia in base al modello, alla marca ed anche a luogo in cui si acquista. In rete si può accedere ad una proposta molto ampia che può consentire di risparmiare rispetto al negozio di ricambi, ma non è sempre così! Vagliamo tutte le possibilità. In linea generale, il costo di una resistenza varia dalle 10 euro fino ad un massimo di 60 euro, rari i casi di resistenze che raggiungono le 100 euro. Mediamente possiamo stabilire che il costo è di 35 euro, ma nella maggior parte dei casi non si superano le 25 euro. Prima di acquistare una resistenza è necessario verificare la compatibilità con il proprio modello di lavatrice!

Quanto costa sostituire la resistenza di una lavatrice

A questo punto ti starai chiedendo: quanto costa sostituire la resistenza di una lavatrice? Sappiamo il costo di partenza della resistenza e possiamo orientativamente conoscere la spesa complessiva da sostenere per l'intervento del tecnico. Considerando il costo massimo di 60 euro per il ricambio, una tariffa oraria media di 40 euro, non stiamo considerando il costo per tipo di intervento, la resistenza è prevista dalle 55 euro alle 80 euro, e l'aggiunta del diritto di chiamata, che può variare dalle 30 alle 80 euro, possiamo stabilire una spesa minima di 100 euro ad un massimo di 220 euro. Il tempo di lavorazione si aggira intorno ad 1 ora.

Costo sostituzione resistenza lavatrice Min. Max
Se lo fai da solo 10,00 60,00
Se lo fai fare da un tecnico 100,00 220,00

Il costo del tecnico di 100 euro è dato dalla somma del prezzo massimo della resistenza (60 euro) e di 1 ora di lavoro (40 euro). Il costo del diritto di chiamata non è preso in considerazione, in quanto tecnici che si trovano nelle vicinanze, potrebbe non richiederlo e lo stesso vale per il caso in cui venga eseguita la riparazione. 220 euro è la cifra massima spendibile, data dalla somma del del ricambio (60 euro), della tariffa massima per la sostituzione della resistenza lavatrice (80 euro) e di quella per del diritto di chiamata (80 euro). Hai fatto sostituire la resistenza da un tecnico? Se ti va dicci quanto hai speso tramite i commenti!

Come si può notare il costo per cambiare la resistenza alla lavatrice può variare molto e in molti casi può essere molto salato! Il nostro consiglio? Continua a leggere e cambia da solo la resistenza!

Come smontare la resistenza lavatrice

Innanzitutto, è importante stabilire che il procedimento descritto è valido per la maggior parte delle lavatrici e lavasciuga, anche se potrebbero esserci alcune varianti, ma fondamentalmente nel procedimento non ci sono grosse differenze. Per sostituire la resistenza, è necessario avere a disposizione un cacciavite a stella, un cacciavite a croce e una chiave inglese, solitamente di dimensione 10.

La prima operazione da effettuare è quella di scollegare la spina dalla corrente elettrica per lavorare in totale sicurezza. Successivamente, bisogna rimuovere il pannello posteriore dell'elettrodomestico svitando le viti di fissaggio lungo il perimetro. Per questa operazione, può essere sufficiente un cacciavite a croce o, in alcuni casi, può essere necessaria una chiave inglese o a tubo numero 7, le dimensioni possono variare in base ai modelli.

Una volta rimosso il coperchio, è possibile individuare la resistenza, fissata alla vasca da un bullone. In alcuni modelli di lavatrice o lavasciuga, la cinghia può ostacolare l'estrazione della resistenza. In questi casi, è necessario sganciarla afferrandola con la mano destra dal lato destro, nel punto in cui si avvicina alla ruota della puleggia, e tirandola verso di se, bisogna ruotare in senso antiorario la puleggia, per farla uscire dal binario.

A questo punto, possiamo procedere allentando i connettori e successivamente allentando il dado fino a farlo combaciare con il punto estremo del bullone senza testa, posizionare la punta del cacciavite a taglio su tale estremità e dare un colpo secco sull'estremità del manico per consentire il rilascio della resistenza. Allentare il dado consente alla guarnizione di allentarsi, ovvero diminuire il volume che pressando contro il bordo della vasca, blocco la resistenza saldamente. Per estrarre la resistenza in molti casi è necessario afferrarla saldamente per poi esercitare una forte leva verso l'esterno, creando un movimento che consenta alla guarnizione di fuoriuscire all'esterno. Può essere necessario far leva, con la punta di un cacciavite, schiacciando la guarnizione per farla uscire. In ogni caso facciamo molto attenzione alle mani ed ai colpi improvvisi che si potrebbero prendere a causa di distacco della presa, dove la forza impiegata farebbe prendere delle botte alle mani urtando contro punti duri della vasca. Quando si estrae la resistenza è preferibile indossare dei guanti.

Ora possiamo montare la nuova resistenza, che avremo opportunamente acquistato in base alle caratteristiche della vecchia, e procediamo al suo inserimento nell'alloggio. Per facilitare l'innesto, possiamo spargere con un dito lungo la guarnizione un po' di detersivo per i piatti, questo faciliterà l'inserimento. Facciamo molta attenzione ad inserirla senza nessuna inclinazione e facendola combaciare con il punto di ancoraggio all'interno del vano di collocazione. Assumendo una posizione verso l'alto o verso il basso, potrebbe come prima cosa non farla combaciare perfettamente alla vasca e far verificare una mancanza di tenuta, in più verso l'alto può urtare al cestello e verso il basso alla vasca fondendola. Una volta inserita si procede avvitando il dado e successivamente collegando i connettori elettrici, ma prima di essi verificare ruotando con le mani il cestello che non si senta urtare da qualche parte. Nel caso sia stata estratta la cinghia si riposiziona sulla puleggia e procediamo al suo inserimento con il processo inverso a quello utilizzato per toglierla. Non ci resta che rimontare il pannello posteriore e ricollegare la lavatrice all'alimentazione elettrica.

Video smontaggio resistenza lavatrice

Ultima pubblicazione: 23/01/2023
 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Come dosare il detersivo per lavatrice.
Come regolarsi per la quantità di detersivo da impiegare in un lavaggio.
 
 
I sei movimenti con inverter direct drive.
Descrizione dei sei movimento del cestello della lavatrice lg con motore inverter direct drive.
 
 
Errore F12 della lavatrice Whirlpool.
Dettagli dell’errore F12 della lavatrice Whirlpool [video].
 
 
Termostato temperatura separato nella lavatrice.
Vantaggio di avere la possibilità di regolare separatamente la temperatura di lavaggio.
 
 
Errore F27 lavatrice Whirlpool.
Cosa significa l’errore F27 nella lavatrice Whirlpool [video].
 
 
Installazione lavatrice cosa sono e come togliere i blocchi!
L'installazione lavatrice nuova passa dalla rimozione dei blocchi all'allaccio. Vediamo come farlo e scopriamo perché si può trovare il cestello bagnato.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea