Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come capire quando è il caso di usare un deumidificatore.

In modo del tutto naturale l’aria assorbe acqua, questo non può avvenire senza limiti, ovvero c’è un punto oltre il quale non è più in grado di farlo. Tecnicamente si parla di umidità assoluta dell’aria, che è indicata nel rapporto grammi per metro cubo. Senza entrare troppo nel tecnico, quello su cui dobbiamo soffermarci è invece l’umidita relativa dell’aria, sigla che troviamo anche indicata quando vengono riportati dei dati tecnici, relativi alla capacità dei deumidificatori di asportare acqua, con la sigla U.R.%.

Questo valore indica, nella percentuale in cui è rilevato, la quantità di acqua che si è dissolta nell’aria rispetto alla quantità assoluta che quell’aria è in grado di contenere. La quantità assoluta varia in funzione della temperatura dell’aria, che più è fredda, meno ne assorbe.

Per fare un esempio concreto, consideriamo un ambiente a 25°C che al massimo riesce a contenere una quantità di acqua pari a 23 g/m³ (umidità assoluta) che invece ne sta assorbendo 12 g/m³ (umidità relativa). Tradotto in percentuale avremo una U.R. del 52,17%. Con una temperatura diversa, cambia la capacità massima che l’aria può contenere e conseguentemente la quantità relativa è percentualmente diversa. Ci potremmo trovare in presenza di un ambiente con temperature differenti, che contiene la medesima quantità di acqua, ma che presente una U.R. percentualmente diversa.

Quando è necessario usare un deumidificatore?

Abbiamo visto che il dato che ci interessa è quello dell’umidità relativa, che ci consente di stare bene o male all’interno di un ambiente. L’umidità relativa ideale è del 50%, tuttavia anche in questo caso non può essere un dato assoluto, in quanto c’è la variabile temperatura che può incidere più o meno favorevolmente. In generale l’arco ritenuto valido per una condizione di benessere varia dal 40% al 50%. Ma vediamo ora con l’aiuto della tabella di confort, redatta da Leusden e Freymark, quali sono le aree di benessere in base alla temperatura ed all’umidità.

Nel grafico ci sono tre zone, la rossa, la gialla e la verde, rispettivamente di disagio, di non comodo e di benessere. Possiamo facilmente vedere come in una temperatura compresa tra i 20°C ed i 22°C ed una U.R. tra il 40% ed il 60%, ci si trovi in una condizione di confort. Al di fuori di questa zona, ci sono altre zone di confort ed altre che possono essere al limite, altre non comode ed altre di disagio. Ad ogni modo possiamo stabilire che è necessario usare un deumidificatore nel momento in cui ci troviamo una condizione ambientale che non rientra nella condizione di comodo.

Tabella confort umidità e temperatura.

La tabella ovviamente si riferisce ad una condizione umana, ovvero al benessere del corpo, non tiene invece in considerazione l’effetto dell’umidità su altro. È bene sapere ad esempio che con una umidità relativa del 60%, che può rientrare nel confort per l’uomo, lo stesso non si può dire per i componenti ferrosi, che sono soggetti alla formazione di ruggine. In presenza del 70% di umidità si può dare inizio alla formazione di muffe e con esse la proliferazione di batteri.

È necessario usare un deumidificatore nel momento ci rendiamo conto che i capi di abbigliamento che abbiamo in casa, diventano freddi ed umidi al tatto. Oltre a questo è un indice visibile la formazione di muffa sulle pareti o la presenza di gocce di acqua sui vetri. Un fattore percepibile invece è quello di ambienti con un’aria che sa di muffa, tipicamente si avverte negli ambienti interrati o cantine. Anche il deterioramento veloce di ortaggi o la germinazione di semi, bulbi o tuberi, come può essere la patata sono indici di aria troppo umida.

Stazionare in ambienti umidi o addirittura dormire in una stanza umida possono dare origine a dolori reumatici o ad infiammazioni respiratorie e per chi ne soffre accentuarle maggiormente.

Se non volgiamo affidarci alle nostre sensazioni o percezioni, per capire se è necessario usare un deumidificatore, dobbiamo procurarci o acquistare un igrometro, ovvero un apparecchietto elettronico, in grado di rilevare l’umidità relativa presente nell’ambiente, che incrociata con la lettura della temperatura, avendo a disposizione la tabella del confort, ci consente di valutare se la condizione è ideale oppure necessita del suo impiego.

Stabilito che è necessario utilizzare un deumidificatore è necessario sceglierlo tra i tanti presenti in commercio. Molto importante è identificare la tecnologia che impiega, difatti non sono tutti uguali ed ognuna di essa può essere più indicata per le specifiche condizioni di un ambiente. Per approfondire vi rimandiamo alla lettura dell’articolo “come scegliere correttamente un deumidificatore”.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Un fattore fondamentale, che bisogna tenere in considerazione nel momento in cui si acquista un deumidificatore d'aria, è la temperatura che è presente all'interno dell'ambiente che abbiamo intenzione di deumidificare.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Nell'aria c'è una forte presenza di umidità, l'ambiente è umido. C'è la necessità di impiegare un deumidificatore! La soluzione sembra alla portata di mano, cercare un deumidificatore. Al primo approccio si scopre che ci sono molti modelli con caratteristiche tecniche diverse e tante volte simili, con prezzi differenti. Cosa cambia? Normalmente la caratteristica alla quale viene dato maggior risalto è la capacità di deumidificazione, ovvero i litri d’acqua asportati da un ambiente nell’arco di 24 ore di utilizzo. Ma quale capacità è necessaria per deumidificare correttamente un ambiente?
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Nello scegliere un deumidificatore, con il quale ottenere risultati positivi, è determinante tenere in considerazione la temperatura dell’ambiente in cui viene utilizzato, in base ad essa infatti è opportuno orientarsi su un modello dotato di una sistema di sbrinamento classico o professionale.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Dopo diverse domande a riguardo, poste dai lettori, abbiamo voluto dare maggiore risalto a questo aspetto, che molte volte viene trascurato, non preso in considerazione quando si valuta un deumidificatore, la sua capacità di raccolta dell’acqua, il risultato finale che si vuole raggiungere con il suo impiego.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La presenza di umidità all’interno di un ambiente al cui interno si vive, crea delle condizioni di malessere a chi vi soggiorna. Di base dobbiamo considerare che la condizione ideale è regolamentata da due fattori: la temperatura e la percentuale di umidità relativa presente nell’aria.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sei in tutto i modelli di deumidificatori commercializzati dall’azienda giapponese Mitsubishi Electric. La linea si divide in tre distinte tipologie, la prima con un modello con tecnologia a zeolite (lo troviamo nel catalogo 2014, ma non presente sul sito istituzionale come avveniva per l’anno 2013), la seconda con quattro modelli tradizionali con controllo elettronico e la terza con un modello multifunzione con Spot Cool & Warm.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea