Sopra la piastra infrarossi della stufa a gas si crea una fiamma.

Abbiamo trattato in un altro articolo la problematica della fiamma di colore giallo, che fuoriesce dal gruppo pilota in una stufa a gas infrarossi, che genera una fiamma molto alta che va oltre il pannello ceramico, battendo contro la lamiera in alto.

Possiamo trovarci tuttavia in una circostanza analoga, ovvero la presenza di fiamma al di sopra della piastra ed in alcuni casi anche tra le piastre, ma in presenza di una fiamma pilota regolare, di un perfetto colore azzurro che indica una corretta miscelazione di aria e gas, una combustione regolare.

Normalmente la fiamma al di sopra della piastra si manifesta in corrispondenza del mattoncino ad infrarossi centrale, questo potrebbe capitare anche negli altri, ma sovente avviene al centro, in quanto è il pannello più utilizzato ed è soggetto alla maggiore usura.

Punto con fiamma oltre il mattoncino stufa a gas.

In questa foto possiamo notare come il mattoncino centrale abbia un colore diverso rispetto ai due laterali, di cui quello a sinistra è il secondo più utilizzato, e, rispetto a quello sulla destra, ha anch’esso una tonalità leggermente più scura.

Stato consumo piastra infrarossi stufa a gas.

Tra i pannelli possiamo constatare la presenza di un composto, che è una sorta di malta refrattaria, resistente al calore, che isola i pannelli e non consente al gas di fuoriuscire da nessuna parte lungo il loro perimetro. Il gas deve uscire dai forellini che si trovano su ogni singolo mattoncino.

Dopo alcuni anni di utilizzo, anche se alcune volte questo può avvenire prima, quella malta, che è si resistente al calore, ma non in eterno, nel senso che lo resiste, ma al tempo stesso subisce un piccolo deterioramento, che di volta in volta, la indebolisce fino a farla sgretolare, lievemente o in modo più importante.

Ce ne possiamo accorgere, durante l’impiego della stufa, in quanto è possibile rinvenire sulla lamiera davanti alla piastra infrarossi, dei residui della malta refrattaria, che alcune volte se di piccole dimensione si presentano come una sorta di farina, mentre in altri casi con dei pezzi più corposi di materiale. Potremmo anche trovarli per terra in prossimità della stufa.

Inizialmente la perdita di parte della malta, essendo questa distribuita lungo il perimetro con uno spessore di qualche millimetro, non crea nessuna anomalia nel funzionamento della stufa, ma nel momento in cui si distacca ulteriormente altro composto fino ad intaccare l’ermeticità della piastra e nello specifico di ogni singolo mattoncino infrarossi, si verifica una fuoriuscita di gas in quel punto. Una piccola crepa non desta ancora tanto effetto, nel senso che quella parte di gas che da li fuoriesce si infiamma ed essendo minima non crea apparentemente difformità di bruciatura.

Nel momento in cui, invece, il passaggio diventa più importante, da esso esce una maggiore quantità di gas, che nel suo fluire costante, in pratica, il gas che giunge dal condotto, non esce più solo ed esclusivamente dai fori frontali del mattoncino, ma anche dalla fessura, che spesso è nella parte superiore di esso, anche se si può creare in altri punti.

In questo caso il mattoncino si accende regolarmente, ma dalla fessura il gas si incendia e crea una fiamma vera e propria, che crea una difformità vistosa nell’insieme della visione del pannello. La fiamma batte contro la lamiera sopra la piastra ed a seconda della fessura, che è soggetta ad aumentare e pertanto a fare passare più gas, può estendere sul frontale della stufa. A questo punto non è più opportuno utilizzare la stufa.

Per risolvere la problematica ci sono due soluzioni percorribili, la prima è quella di sostituire interamente la piastra ceramica, che tuttavia può riscontrare due impedimenti, uno di carattere pratico, l’altro economico. Pratico perché alcune piastre non sono più reperibili, sono fuori produzione, in quanto di modelli di stufe non più prodotte. Le piastre non sono intercambiabili, possedendo incastri ed innesti differenti, tali da renderle impiegabili su un modello di stufa non corrispondente. Economico in virtù  del fatto che tra ricambio e riparazione si spende intorno a 100,00 euro, ed una stufa nuova costa anche meno. Se si trova il ricambio on line e si trova una manodopera a buon prezzo o si agisce autonomamente, tenendo sempre in considerazione che è un intervento tecnico che a che fare con il gas e la sicurezza, si risparmia tanto.

Il secondo modo per poter risolvere, che in alcuni casi è anche una condizione obbligata dalla indisponibilità del ricambio,  è quello di ripristinare il composto refrattario. Per farlo è necessario acquistare un sigillante refrattario specifico per sigillature di giunti a contatto con fiamma libera, resistente a 1500°C. Ricordiamo che anche in questo caso il sigillante è resistente al calore, ma nel corso del tempo risente e si usura come quello presente in origine. Potrebbe pertanto essere necessario tornare ad impiegarlo qualora il caso lo richieda.

Per procedere nel lavoro è necessario smontare la piastra per intero, pertanto a seconda del modello di stufa, una volta tolta la bombola è necessario accedere da dietro e smontare eventuali pannelli di protezione. Ad ogni modo bisogna accedere alla piastra. Per evadere dubbi in fase di ri-assemblaggio  è preferibile scattare delle foto prima di smontare qualsiasi pezzo.

Smontaggio piastra stufa a gas infrarossi.

Una volta che abbiamo estratto la piastra, possiamo facilmente constatare i punti in cui il composto non è più presente e se ci sono altre zone dove è in via di deterioramento. Togliamo il composto che è pronto a saltare e spazzoliamo le parti che ci interessano con uno spazzolino duro. Usiamo un pennello per spolverare. Siamo quasi pronti a stendere il sigillante, ma prima di farlo se vogliamo eseguire un lavoro pulito, mettiamo del nastro carta lungo la linea dove lo inseriremo, al fine di evitare la formazione di sbavature sulla piastra ceramica.

Ripristino malta refrattaria piastra stufa a gas.

Il sigillante non ha problemi in caso venisse steso su una superfice umida ed è preferibile che se porosa lo sia, affinché si attacchi bene sul tratto o sui tratti interessati, pertanto con un pennellino facciamo un passaggio lungo le zone interessate.

Piastra stufa a gas infrarossi ripristinata.

Ora siamo pronti a sigillare ogni singolo mattoncino ceramico nei punti che abbiamo opportunamente preparato. Al termine dobbiamo lasciargli fare presa. Il tempo necessario è indicato sui dati tecnici del prodotto impiegato, di norma 12 ore sono il minimo, ma per sicurezza, anche perché le ore indicate sono in funzione di specifiche condizioni di temperatura ed umidità, che potremmo non avere o non aver misurato, lasciamolo fargli fare presa per il doppio del tempo indicato. Al termine non ci resta che rimontare il tutto e provare la stufa a gas.

Ultima pubblicazione: 29/10/2021
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Ogni anno al termine della stagione estiva quando il caldo inizia a cedere passo alla giornate più fresche che sono l'anticipo delle giornate fredde, si inizia a pensare a come riscaldarsi in inverno! Andare ai tropici potrebbe essere una buona soluzione, ma se non è possibile uno dei riscaldamenti che spesso viene preso in considerazione è la stufa a gas termoventilata. Ti starai chiedendo se è valida? Beh ora lo vedremo!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La stufa a gas non necessita di particolare manutenzione, è un prodotto molto funzionale che risponde molto bene alle necessità di riscaldamento di un ambiente domestico. È tuttavia di fondamentale importanze per garantire la sicurezza, controllare il tubo del gas ed in modo particolare effettuarne la sostituzione entro i termini di scadenza dello stesso.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Un difetto che in alcuni casi possiamo riscontrare in una stufa a gas è quello relativo alla mancata accensione, ovvero nel tentativo di accenderla continuiamo a fare uscire del gas, vediamo comparire la scintilla del piezoelettrico, ma la fiamma pilota non si accende.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La stufa a gas sia nel caso del modello catalitico che con i mattoncini infrarossi, dispone per l’accensione di un sistema di piezoelettrico simile a quello dei piani cottura.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Come abbiamo già letto nell’articolo sulla stufa a gas che non emette la scintilla di accensione, ci possiamo trovare in presenza di una stufa nella quale non funziona il piezoelettrico. In alcuni casi è semplicemente staccato il filo conduttore della carica elettrica, mentre in altri è proprio il meccanismo dal quale scaturisce la scarica elettrica a non essere funzionante.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Uno dei malfunzionamenti più frequenti in una stufa a gas è quello relativo al cambiamento di colore della fiamma pilota, che dall'azzurro, risultato di una perfetta combustione del gas, quindi corrispondente ad una equilibrata miscelazione tra gas ed aria, passa al colore giallo, con in alcuni casi la presenza di un poco di azzurro.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea