Lampadina del forno non si accende: come cambiarla.

Tutti i forni elettrici sono dotati di una lampadina, che si accende automaticamente non appena si ruota la manopola dei programmi o che può essere azionata in base alla posizione del programmatore. In sostanza a seconda del forno potrebbe essere sempre accesa ed in altri casi in base alle necessità.

In ogni casi tutti i forni dispongono della luce, che risulta essere veramente comoda, consentendo di ispezionare molto chiaramente quello che succede all’interno della muffola ed come sta procedendo la cottura. Come tutte le lampadine tuttavia sono soggette ad usura e, pertanto, presto o tardi, potremmo rimanere al buio. In questo caso dobbiamo provvedere alla sua sostituzione.

Prima di cambiarla è necessario smontarla. Non è un intervento difficile da compiere anzi è piuttosto semplice, tuttavia ci sono un paio di accorgimenti che ora vedremo, che è necessario seguire per il buon esito del lavoro ed anche eventualmente per una prossima volta, che ci troveremo in detta situazione.

Stacchiamo l’alimentazione del forno oppure portiamo le manopole di selezione delle opzioni di cottura su off, in modo da non avere una mandata di corrente elettrica. Apriamo lo sportello ed a seconda del tipo di forno, possiamo trovare sul lato destro o sinistro, sempre in alto, un copri lampada, che copre la lampadina, avvitato alla lamiera del telaio della muffola.

Normalmente afferrandolo si riesce a svitare senza nessuna difficoltà, ma se notiamo che non si allenta, possiamo afferrarlo con una chiave a pappagallo per esercitare una maggiore leva. Attenzione a non stringere troppo la plafoniera che è di vetro molto resistente, ma pur sempre vetro.

Una volta estratta, abbiamo a vista la lampadina, che può essere di diversa tipologia. Sui forni più vecchi, ma può esserci anche su modelli più nuovi, la lampadina ha la forma classica ed è ad avvitare, mentre su altri si trova una lampadina alogena, ad innesto. Può essere estratta semplicemente tirandola verso l’esterno, oppure dopo aver esercitato una pressione e lieve rotazione, o solo una leggera rotazione.

Una volta che l’abbiamo estratta, procediamo in senso inverso per reinserire la nuova. Qui è necessario tuttavia indicare come sceglierla, nel senso che non sono delle lampadine classiche per quanto riguarda la resistenza la calore.

Se guardiamo con attenzione possiamo vedere e leggere dei dati tecnici stampigliati sul vetro. Sono indicati i watt di norma 25, il tipo di alimentazione, ovvero 220/240 V, ed infine 300°C, ovvero che è una lampadina in grado di resistere fino a quella temperatura. Acquistandone una nuova dobbiamo pertanto attenerci a tali indicazioni.

Una volta reinserita, avvitiamo il copri lampada fino a fine corsa, deve avvitarsi senza nessuna difficoltà, in caso dovessimo riscontrarla, significa che sta avvitando storto, pertanto svitiamo e riproviamo fino a che non sentiamo che scivola leggero. Dal fine corsa, eseguiamo una piccola rotazione verso sinistra, lo lasciamo svitato leggermente, questo eviterà che si incastri e possa creare difficoltà quando dovrà essere svitato in altre occasioni.

Ultima pubblicazione: 07/12/2021
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Può capitare che dopo anni di utilizzo, lo sportello del nostro forno in cucina, sia esso di tipo elettrico a gas o di altro genere, non chiuda più in modo corretto. Ci accorgiamo che la chiusura non avviene in modo ottimale, ovvero che non attecchisce in modo perfetto, come avveniva prima, alla parete del mobile.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
In caso di mancato riscaldamento del forno una delle cause, che lo può determinare, è riconducibile ad una rottura della resistenza di riscaldamento, che non può essere riparata ma deve essere sostituita.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Abbiamo già affrontato il tema del malfunzionamento del piezoelettrico, relativamente a quando non riesce ad attivare una candeletta in quanto da sostituire oppure, di quando, sebbene non premiamo i pomelli, si attiva da solo su tutti i fornelli.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Standardizzato in dimensioni da 90 cm, da 75 cm e da 60 cm, ha rispettivamente bisogno, per il suo inserimento, di un vano con una luce di 47,5 cm per 83,5 cm per il piano da 90 cm e di 47,5 cm per 55,5 cm per il 75 cm ed il 60 cm.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Per eseguire una riparazione del piano di cottura è necessario accedere al suo interno, dove risiedono i componenti che ne consento il funzionamento, così se c’è un guasto ad una candeletta, ad una termocoppia, una perdita, un difetto ad un manopola ed altro dobbiamo necessariamente aprirlo.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Si che si tratti di un forno a gas, di un forno elettrico statico, di un forno elettrico ventilato o di un forno elettrico multifunzione, tutti dispongono di una manopola o di pulsanti da dove impostare il tipo di cottura. Ad ognuna di esse corrispondono dei simboli e ad essi corrispondono specifiche modalità di cottura. In questo articolo delineeremo per tipologia di forno, quali sono in linea di massima i simboli cottura dei forni, che corrispondono anche ai simboli cucina, che possiamo trovare ed il significato della funzione associata ad ognuno di essi.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea