Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Cosa controllare e fare se la stufa a gas non si accende.

Un difetto, che spesso si verifica su una stufa a gas è quello relativo alla sua mancata accensione; difatti quello che succede è che nell'azione che noi compiamo, dopo aver aperto la manopola del gas della bombola, di ruotare la manopola di erogazione, che in alcuni modelli ha la duplice funzione di mandata di gas e di  attivazione del piezoelettrico o quando in contemporanea ruotiamo la manopola e schiacciamo il pulsante della scintilla, la fiamma pilota non si accende.

Fondamentalmente per questa situazione ci sono due condizioni che ne possono essere responsabili, ovvero la mancata formazione della scintilla oppure, in sua presenza o anche assenza, la mancata fuoriuscita del gas dall’ugello del gruppo della fiamma pilota.

Vediamo ora come capire quale dei due sia il problema o, nel caso lo fossero entrami, come agire per ripristinare nuovamente la fiamma della stufa a gas. Non c’è distinzione tra il modello catalitico e quello con i mattoncini infrarossi.

Apriamo la mandata del gas dalla bombola e proviamo ad accendere la stufa, focalizziamo lo sguardo in modo fisso ed attento sul gruppo pilota con l’intento di vedere se nel momento in cui attiviamo il piezoelettrico, si forma la scintilla. Potrebbe capitare che al primo colpo non si concretizzi, pertanto proviamo qualche volta prima di sancire la sua assenza.

Il più delle volte non c’è un vero problema al generatore di scintille, che sentiamo fare il suo scatto regolarmente e neanche problemi di interruzioni dal punto di partenza al punto di arrivo, ma sostanzialmente una distanza superiore al necessario, che non permette alla scarica elettrica di raggiungere il punto di contatto, l’uscita è il ferretto a forma di L, pertanto cadere nel vuoto. La scintilla si forma su due parti metalliche: il ferretto ad L e la testa o comunque sulla candeletta della valvola di sicurezza. Essendo quest’ultima fissa, per avvicinare le due parti, dobbiamo agire sulla L, che dobbiamo spostare verso quest’ultima. Per farlo possiamo aiutarci con una pinza.

Riposizionamento L accensione.

Una volta avvicinata verifichiamo se la scintilla si concretizza. Non è detto che al primo spostamento riusciamo nell’intento pertanto prima di abbandonare l’idea, facciamo più tentativi. Nella maggior parte dei casi il problema si risolve. In caso contrario ci può essere un problema diverso.

Ripristinata la scintilla o se era già presente ma la fiamma pilota non si accendeva, dobbiamo affrontare la seconda causa che non fa accendere la stufa, l’ugello otturato.

Ovviamente se la scintilla c’è, significa che in quel punto, dove esce o meglio dovrebbe uscire il gas, questo non avviene. Dobbiamo accedere al gruppo pilota, che ora a seconda della stufa può essere più semplice o meno. In base al modello di stufa quindi adoperiamoci per farlo.

Per prima cosa dobbiamo svitare il dado di fissaggio del tubo in alluminio che conduce il gas al gruppo pilota e che ad esso si innesta dalla parte inferiore. Lo discostiamo leggermente e premiamo la manopola della mandata del gas (la manopola della bombola deve essere aperta), dobbiamo constatare che il gas arrivi fino a quel punto: lo sentiremo uscire. Lo verifichiamo in quanto ci potrebbe essere un blocco in un punto precedente e pertanto non essere un problema dell’ugello. Ci potrebbe anche essere una perdita lungo il tragitto, ma in questo caso avremmo già sentito la puzza di gas in precedenza.

Verifica uscita gas.

Se il gas giunge fino a questo punto abbiamo, ulteriormente, la conferma che l’ugello è tappato. Lo svitiamo e lo estraiamo dal suo alloggio. Ad una prima vista, possiamo ravvisare, guardandoci dentro, se riusciamo a identificare un piccolissimo foro nel punto centrale della testa dell’ugello, che è quella da dove si avvita. Essendo sporco ovviamente anche tappato, non si vede il buco. Lo laviamo con una soluzione saponosa e lo asciughiamo. Questo consente già un miglioramento dello stato generale. Successivamente con la punta di uno spillo, liberiamo il forno che si trova al centro. È un foro molto piccolo, nel quale entra giusto la punta dello spillo. Con calma giriamo più volte lo spillo fino a che dopo la verifica, guardandoci dentro, riusciamo a vedere la luce attraverso di esso.

Ugello stufa a gas tappato.

Terminiamo il lavoro rimontando il tutto e provando la stufa.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Nelle stufe a gas, sia che si tratti di modelli con il pannello formato da tre mattoncini in ceramica oppure quello interno definito catalitico, la loro usura, dettata dal funzionamento nel corso degli anni, li può rendere inefficaci nella produzione di calore.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La stufa a gas non necessita di particolare manutenzione, è un prodotto molto funzionale che risponde molto bene alle necessità di riscaldamento di un ambiente domestico. È tuttavia di fondamentale importanze per garantire la sicurezza, controllare il tubo del gas ed in modo particolare effettuarne la sostituzione entro i termini di scadenza dello stesso.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo trattato in un altro articolo la problematica della fiamma di colore giallo, che fuoriesce dal gruppo pilota in una stufa a gas infrarossi, che genera una fiamma molto alta che va oltre il pannello ceramico, battendo contro la lamiera in alto.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

La stufa a metano blue flame è un modello che esteticamente richiama la stufa infrarossi a metano. Si differenzia a prima vista per la presenza di una fiamma diffusa di colore blue, che per l’appunto dà il nome alla stufa.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il metano è sicuramente il gas più diffuso ed utilizzato per il riscaldamento delle abitazioni. Il suo impiego avviene principalmente attraverso l’alimentazione di caldaie, che oltre a fornire acqua calda in casa, alimenta il riscaldamento attraverso i termosifoni.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sempre più presente sugli scaffali, riscuote un modesto interesse per l’idea di una prestazione superiore rispetto alla stufa a gas tradizionale, stiamo parlando della stufa a gas termo ventilata.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea