Come capire se la corrente salta a causa della resistenza in dispersione.

Nella lavatrice, nella lavasciuga (no pompa di calore), nella lavastoviglie, nell’asciugatrice (no pompa di calore), nel forno elettrico e nello scaldabagno è presente una, o più di una, a seconda del prodotto, resistenza elettrica.

Vari tipi di resistenza.

Sono tutti prodotti che necessitano di un componente in grado di riscaldarsi ed attraverso questo processo, consentire il riscaldamento dell’acqua o dell’aria a secondo dei casi. La resistenza elettrica è molte volte al centro di anomalie legate al mancato riscaldamento o a problemi relativi alla tenuta della corrente elettrica che salta.

Vedremo ora come eseguire un controllo con il multimetro per stabilire se una resistenza è funzionante oppure no. Questo vale per tutte le resistenze dei prodotti che abbiamo citato, ma anche di tutti gli altri.

Il controllo in alcuni casi può essere eseguito con la resistenza montata sull’elettrodomestico, in altri è necessario o più comodo estrarla, in ogni caso eseguiremo la verifica all’esterno del prodotto, anche per dare modo di vedere più chiaramente come è formata e come eseguire il test.

La resistenza fondamentalmente è un filamento continuo, con due estremità terminanti con dei faston o un innesto che permettono di collegare la fase ed il neutro della corrente elettrica. Su di essa troviamo un terzo innesto, al quale si collega il filo di terra, in modo tale che in presenza di dispersione, la corrente venga veicolata verso l’impianto di terra dell’abitazione e consentire al salvavita di azionarsi. Nel caso di assenza dell’impianto di terra, la dispersione viene scaricata sulle parti metalliche dell’elettrodomestico, che diventa conduttore di corrente, pertanto toccandolo si prende la scossa, pericoloso!

Il filamento che è presente all’interno di questa carcassa, che nell’insieme chiamiamo resistenza è isolato, e la corrente che vi passa attraverso, non giunge all’esterno. Quando questo avviene si parla di dispersione.

Ma veniamo ora alla verifica pratica, che può essere eseguita con la resistenza fredda, oppure, per essere certi della verifica a caldo, il che significa che dobbiamo posizionarla su un supporto, non soggetto al riscaldamento. Questo tipo di verifica è pericolosa, a rischio di folgorazione, in quanto avremo a che fare con la corrente elettrica “scoperta” ed inoltre pericolosa per le ustioni, in quanto la resistenza sarà molto calda. Non dovremo toccarla con le mani. Indossiamo dei guanti specifici e protettivi.

Il controllo con la resistenza calda, si esegue in quanto molte volte la dispersione si verifica solo nel momento in cui essa si riscalda. Il materiale isolante, posto tra il filamento e la carcassa, perde la sua capacità isolante, generando la dispersione.

Posizionata la resistenza sul supporto, la dobbiamo alimentare in modo diretto, pertanto con un cavo elettrico, alle cui estremità ci sono i connettori o i faston, li agganciamo ai relativi innesti. Attacchiamo la spina per qualche secondo e la togliamo.

Sganciamo, dopo averli afferrati con una pinza, gli innesti del cavo di alimentazione e con l’ausilio del tester, posto sulla scala ohmica più alta, posizioniamo un puntale su un ingresso faston e l’altro sulla carcassa o sull’innesto della terra. Se la resistenza è in dispersione sul display del tester rileveremo un valore.

Ultima pubblicazione: 13/01/2022
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
All’interno del cestello della lavatrice a seconda del modello sono presente tre o quattro trascinatori asimmetrici, che hanno la funzione di muovere i tessuti durante le rotazioni del cestello ed allo stesso tempo essendo forati, riempirsi di acqua nel momento in cui si trovano nel lato inferiore e rilasciarla per caduta, quando sono nella parte alta.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Dopo tempo di utilizzo ci possiamo trovare nella necessità di dover estrarre il cassetto del detersivo della lavatrice, normalmente questo avviene per effettuarne la pulizia, oppure per dover accedere alla parte superiore sempre da pulire.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Abbiamo già visto in articolo precedente i diversi tipi di filtro di cui può essere dotata una lavatrice e la posizione in cui ognuno di essi è posto. Ora invece vedremo come eseguirne la pulizia e capire perché è necessario eseguirla in modo periodico al fine di mantenere il corretto funzionamento della lavatrice.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Il mancato funzionamento del blocco porta della lavatrice ne impedisce il suo funzionamento. Avviando qualsiasi ciclo, il lavaggio non inizia e ci accorgiamo di norma che l’elettroserratura non sta funzionando in quanto l’oblò non viene bloccato. Per risolvere il difetto è necessario sostituirlo.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Come tutti i settori anche quello degli elettrodomestici, ed in questo caso del lavaggio è in continua evoluzione. Rispetto ai primi modelli, ma anche in confronto ai modelli di qualche anno fa le prestazioni delle lavatrici sono sempre in costante miglioramento.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Il codice di errore F02 che può comparire sul display della lavatrice Whirlpool, che tuttavia non interessa tutte le lavatrici del marchio, ma soltanto quelle dotate di sistema di antiallagamento, corrisponde, per l’appunto ad una condizione di perdita di acqua, che fa scattare l’errore.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea