Errori F ed E lavastoviglie Whirlpool: significato.

Abbiamo visto in un altro articolo, i vari codici di errore che possono essere restituiti sul display di un lavastoviglie Whirlpool ed il loro significato. Ci riferiamo all’elenco dei codici alfanumerici che iniziano con la lettera F seguita da un numero ed i codici F0, FA, FB, FC.

In questa stesura invece ci occuperemo di riepilogare quelli indicati con due lettere ovvero la F e la E. Ci sono differenze nei vari codici di errore in quanto in base al modello di lavastoviglie o meglio alla serie, pertanto al tipo di elettronica impiegata, sono implementate diverse codifiche.

I codici di errore F ed E possono riguardare sia lavastoviglie dotate di display che i modelli dotati solo di led. Nel primo caso, sul quadrante, viene visualizzato la lettera F con accanto un numero e successivamente lascia il posto alla lettera E con accanto un numero. Tra una e l’altra apparizione c’è un breve pausa con lo schermo vuoto.

Nella lavastoviglie con i led, dobbiamo fare riferimento al comportamento del tasto annulla, che in caso di errore segnalerà prima la funzione F e dopo una pausa di circa 2 secondi il difetto. Per fare un esempio, se lo vediamo lampeggiare 6 volte, seguire una breve pausa di 2 secondi e lampeggiare ancora per 5 volte, questo ciclo si ripete per 3 volte, per poi passare ad un eventuale altro errore registrato, vuol dire che ci segnala F6 E5.

Diaplay segnala errore F6.

Diaplay segnala errore E5.

Vediamo ora quali sono tutti i codici ed il loro significato:

F1 E1: indica che il relè principale sulla scheda elettronica risulta chiuso o bloccato. L’errore può essere restituito nel momento in cui lo sportello è chiuso, se in standby o al termine del ciclo di lavaggio. In questi casi deve essere controllata la scheda o sostituita;

F1 E2: indica un impossibilità di rilevare i dati da parte della scheda elettronica, il che significa che la programmazione della scheda è danneggiata o difettosa. In casi in cui la programmazioni salti completamente, non viene restituito neanche l’errore, in quanto la scheda non è in grado di rilevarlo. In presenza di tale difetto si procede ad una nuova programmazione della scheda presso un centro assistenza autorizzato o alla sua sostituzione. La programmazione non sempre porta alla risoluzione del problema;

F2 E1: indica che i tasti o un tasto della tastiere è rimasto bloccato, questo può accadere in quanto si incastra oppure può essere imputabile ad un difetto della scheda elettronica;

F3 E1: indica che durante il ciclo di lavaggio il termostato restituisce un valore fuori intervallo. Restituisce circuito aperto o scollegato. In buona sostanza la sonda NTC o nel caso il suo ruolo venga assolto dal sensore OWI, restituiscono dati non corretti: temperature inferiore a 0°C. Controllare anche i cablaggi. Il difetto può essere causato anche dalla scheda elettronica;

F3 E2: simile al precedente, ma al contrario indica corto circuito, con il rilevamento di una temperatura al di sopra dei 75°C. Il difetto può dipendere dalla sonda NTC O sensore OWI, cablaggi, scheda elettronica;

F3 E3: indica una mancata calibrazione del sensore OWI, che ha tentato per tre volte di eseguirla senza riuscirci. Non indica chiaramente che sia difettoso, ma che non riesce a calibrarsi. Questo può essere causato da un eccesso di sporco nel pozzetto o da un problema dei cablaggi o connessine da e per la scheda elettronica. Dopo aver pulito il sensore, se il difetto rimane si procede con la sua sostituzione. Può essere responsabile del guasto anche la scheda elettronica;

F3 E4: simile all’errore precedente, si eseguono le medesime verifiche. La differenza è che il sensore non riesce a distinguere tra aria e acqua;

F4 E1: non c’è nessuna comunicazione tra la scheda ed il motore. Il difetto può dipendere dai cablaggi, dal motore o dalla scheda;

F4 E2: il motore non riesce a comunicare con la scheda elettronica. Controllare i cablaggi anche con la pompa di scarico e la scheda. Nel caso sostituire il motore;

F4 E3: indica che la pompa di lavaggio non è funzionante. Può dipendere dai cablaggi e connessioni da e per la scheda elettronica. Sono interessati anche il motore e la scheda elettronica;

F4 E4: come il precedente;

F5 E1: difetto alla chiusura dello sportello, il criccotto e nello specifico il microinterruttore che alla chiusura segnala il circuito chiuso, resta aperto;

F5 E2: diversamente dal precedente il microinterruttore rimane sullo stato di chiuso;

F6 E1: indica che non viene rilavato il carico dell’acqua. Il sistema di rilevamento del livello di acqua in vasca non ne rileva. Da controllare se il rubinetto dell’acqua è aperto, il tubo non strozzato, la pressione. Verificare se viene caricata acqua in vasca;

F6 E2: indica che il rubinetto dell’acqua è chiuso. Eseguire i controlli come nel punto precedente;

F6 E3: segnala un livello di acqua basso oppure la presenza di un eccesso di schiuma. In queste circostanze si blocca la pompa di lavaggio;

F6 E4: è entrato in funzione il sistema antiallagamento, il che indica che c’è una perdita di acqua sul fondo;

F6 E5: l’elettrovalvola di carico risulta sempre aperta. Dopo aver eseguito il carico la scheda toglie la corrente all’elettrovalvola che si chiude non lasciando passare l’acqua. Tuttavia il flussometro continua a mandare impulsi alla scheda del passaggio di acqua, che non dovrebbe avvenire;

F6 E7: flussometro difettoso. Sebbene l’elettrovalvola risulti aperta, il flussometro non manda impulsi del passaggio dell’acqua;

F6 E8: indica un difetto alla valvola della rigenera;

F6 E9: valvola dello scambiatore di calore non funzionante;

F6 E10: valvola del serbatoio d’acqua è bloccata;

F7 E1: la resistenza elettrica non scalda. Questo può dipendere dalla resistenza rotta, dai cablaggi, dalla scheda elettronica;

F7 E2: la resistenza elettrica risulta sempre attiva;

F8 E1: indica un difetto nello scarico. Sebbene la pompa di scarico sia attiva, lo scarico non avviene o si verifica molto lentamente. Controllare che non ci siano impedimenti al tubo di scarico o a muro. Se si constata che l’acqua esce regolarmente, il difetto può essere riconducibile all’errata lettura del livello di vuoto del sensore OWI o pressostato;

F8 E2: la pompa di scarico non funziona;

F8 E3: la pompa di scarico è sempre in funzione. Il difetto può essere causato dalla scheda elettronica;

F8 E4: la pompa di scarico non funziona;

F9 E1: il deviatore di flusso restituisce un difetto (lavastoviglie con lavaggio alternato);

F9 E2: deviatore di flusso difetto (lavastoviglie con lavaggio alternato) sempre attivo;

F10 E1: il cassetto del detersivo non è funzionante;

F10 E2: nei modelli con asciugatura attiva, il motore della ventola non risulta funzionare;

F10 E3: nei modelli con asciugatura attiva, la ventola non risulta funzionare;

Ultima pubblicazione: 21/01/2022
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
Oltre alle caratteristiche generali, la scelta della lavastoviglie è influenzata dalla classe energetica. Chiaramente in prima battuta, essendo a conoscenza di una scala di consumi che va dalla A+++ alla D, la selezione che automaticamente il nostro cervello elabora, è quella di escludere tutte le classi che non siano la A+++. Il concetto è logico ed esatto nella sostanza, se non fosse per la differenza di prezzo che c’è tra le diversi classi.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
A seconda del modello di lavastoviglie appartenente al marchio Candy o Hoover, che in buona sostanza appartengono alla stessa azienda, anche se propongono modelli differenti nelle caratteristiche ed anche leggermente nelle linee, in caso di malfunzionamento, lo stesso può essere comunicato con delle segnalazioni tramite i led, oppure, nei modelli dotati di display digitale, con l’indicazione di un codice di errore.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
L’impiego del brillantante nella lavastoviglie è molto importante al fine di ottenere un’asciugatura ottimale. Di questo, per chi volesse approfondire, ne abbiamo parlato in un articolo specifico.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
L’utilizzo della lavastoviglie molte volte viene effettuato in modo non attento, nel senso che si caricano le stoviglie all’interno, si imposta un lavaggio e si avvia il programma. In tanti casi si impostano dei cicli lunghi e temperature alte in modo tale di essere sicuri di ottenere un buon risultato finale, però tutto a scapito di sprechi di tempo, energia e non sempre con un risultato ideale.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Potrebbe capitare che la lavastoviglie, che ha sempre lavato in modo esemplare, ad un bel momento al termine del lavaggio non restituisca più piatti, bicchieri, posate, stoviglie e quant’altro ben pulite. Ovvero che non lavi più in modo efficace, come aveva fatto fino al precedente lavaggio.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Per risolvere i problemi di funzionamento di una lavastoviglie Rex Electrolux, ci sono a disposizione degli strumenti che ci consentono, anche se non abbiamo a disposizione un codice di errore definito, di fare dei test di funzionamento sulle differenti componenti e di visualizzare fino agli ultimi 3 errori.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea