Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Perché considerare la rumorosità di un climatizzatore, una scala per identificare la corrispondenza del rumore associandolo a delle condizioni reali.

Un aspetto fondamentale quando si effettua la scelta di un climatizzatore è l’identificazione della rumorosità. Ai fini del benessere infatti, oltre ad una gradazione ed una percentuale di umidità ottimale nell’ambiente climatizzato è di basilare importanza non avvertire rumore, soprattutto negli ambienti dedicati al riposo come la camera da letto.

Il rumore è una componente che disturba il benessere psicofisico ed in alcuni casi se prolungato e particolarmente intenso può provocare danni alla salute.

Il livello di rumorosità di un climatizzatore si misura in dB(A), la pressione sonora percepita dall’orecchio umano, minore saranno i decibel e maggiore è il livello di confort che si avverte nell’ambiente.

La rumorosità attualmente può essere letta sui cataloghi delle aziende produttrici, l’energy label ha un riquadro dedicato alla dichiarazione della rumorosità, tuttavia l’attuale normativa non impone l’obbligo per il produttore di dichiararla e nella quasi totalità dei casi viene omessa. Attualmente si sta lavorando ad un ampliamento della normativa che prevede, oltre alla revisione del metodo di calcolo, di alcuni dati tecnici, una nuova energy label che evidenzierà la performance del climatizzatore  in silenziosità.

Allo stato attuale i migliori e maggiori produttori di climatizzatori dichiarano il dato sui loro cataloghi, in base a questo può essere fatto un confronto tra i vari modelli per scegliere il prodotto più silenzioso.

Addentrandoci ancor di più nella comprensione del livello di rumore, va fatta subito una distinzione tra le macchine on-off ed inverter, quest’ultime grazie ad una serie di accorgimenti tecnici sono più silenziose. Un climatizzatore in generale può essere considerato abbastanza silenzioso se si attesta su un indice inferiore ai 30 dB(A) ed in modo particolare se scende al di sotto dei 25 dB(A), alcuni condizionatori di grande qualità riescono a vantare i 19 dB(A).

Per comprendere meglio la percezione del rumore portiamo a riferimento una scala che identifica delle situazioni, che si manifestano nella vita reale abbinate alle quali si esprime la pressione sonora, quindi la percezione del rumore, che avvertiamo in queste circostanze.

Il livello oltre il quale l’orecchio umano riesce a percepire il rumore è di 10 dB(A), aumentando identifichiamo i 20 dB(A) con il rumore generato con il fruscio delle foglie di un bosco, 25 dB(A) con il cinguettio degli uccelli, 40 dB(A) è l’interno di una biblioteca, 50 dB(A) il rumore presente in un ufficio ed ancora 60 dB(A) l’interno di una vettura con passeggeri, per poi salire fino ad arrivare a livelli fastidiosi per il nostro udito.
 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Maddalena da Poggio Rusco giorno 27/07/2015
Buongiorno, ho un monolocale in Sardegna di circa 30 metri quadri con un altezza di 2,80 m e vorrei installare un condizionatore inverter che sia silenziosissimo. Mi potreste indicare la potenza che mi sarebbe necessaria e soprattutto i modelli a cui potrei riferirmi in fatto di silenziosità.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Maddalena, delle marche leader, tra cui: Daikin, Mitsubishi, Panasonic, Fujitsu, trovi modelli silenziosi. Ne ho scelto uno che può andare per freddo e caldo e silenziosità, il modello Msz-Fh25Ve 9000 della Mitsubishi.
Icona regione.
Ferruccio da San Paolo di Jesi giorno 16/02/2013
Vorrei istallare in un condominio un condizionatore da 12000 btu, inverter la cui l’unità esterna emana una pressione sonora di 54 dB(a) e quella dell'unita' interna di 41-37-31. Considerando che la finestra della camera di un condomino è situata ad una distanza dal compressore di circa 4 metri, posso avere dei problemi? Questo condizionatore non le risulta abbastanza rumoroso? Grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Ferruccio, il climatizzatore risulta abbastanza rumoroso tale da poter disturbare il tuo vicino e tale che lo stesso possa richiederti la rimozione e tutto ciò che la legge prevede.

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

In linea generale il dimensionamento di un impianto di climatizzazione consiste nell’identificare la potenza termica di cui necessita l’ambiente, in cui deve essere installato, per essere climatizzato.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Qlima è il nuovo marchio della Zibro, azienda abbastanza conosciuta nel settore degli elettrodomestici con le stufe a combustibile liquido, che per il raffrescamento estivo propone due linee di condizionatori portatili.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Normalmente un condizionatore viene utilizzato per raffreddare o riscaldare un ambiente rispettivamente nel periodo estivo ed in quello invernale. Oltre a tali modalità, lo ricordiamo, c’è anche quella relativa alla deumidificazione di cui abbiamo parlato in altri articoli.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il condizionatore che perde acqua dallo split è una condizione che si può verificare durante l’estate, o ancora più precisamente quando il condizionatore è impiegato in regime di raffreddamento o di deumidificazione. Nella modalità di funzionamento invernale (riscaldamento) invece non accade.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Diciamo subito che non è possibile installare un condizionatore da soli, ma è necessario che tale lavoro sia eseguito da un tecnico specializzato e certificato FGas. Difatti a partire dall’1 gennaio 2015 è entrato in vigore il regolamento che disciplina l’installazione degli impianti di condizionamento.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Giorno 1 gennaio 2016 sono entrati in vigore due nuovi regolamenti che disciplinano il settore della ventilazione, ovvero il regolamento (UE) n. 1253/2014, che istituisce delle specifiche di progettazione e di eco compatibilità a cui attenersi, ed il regolamento delegato (UE) n. 1254/2014, che regolamenta l’etichettatura energetica.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea