Confronto prodotti per il riscaldamento attraverso l'analisi della potenza riscaldante, del consumo e della spesa.
 
La scelta del prodotto più indicato per riscaldare un ambiente domestico, diventa molte volte abbastanza complicato, in quanto, oltre al prezzo, ci sono molte altre variabili da tenere in considerazione.

Prima di tutte è la capacità di riscaldamento, quindi, se un determinato prodotto, è in grado di riscaldare la superficie che abbiamo intenzione di trattare, in secondo luogo quanto la nostra scelta andrà ad incidere da un punto di vista economico sul nostro bilancio familiare, ed infine, il costo di acquisto del prodotto stesso.

Cercheremo attraverso questo articolo di mettere a confronto diversi elettrodomestici per il riscaldamento, tenendo in considerazione i tre elementi, per stabilire una sorta di tabella entro la quale muoversi in base alle necessità del caso, identificando così il prodotto che più risponde alle nostre esigenze.

Mettendo a confronto prodotti in grado di produrre calore, sfruttando tecnologie differenti, ed aventi unità di misure diverse, per maggiore chiarezza indichiamo le rispettive unità di misura, ma alla fine rapportiamo il tutto ad un unico metro di valutazione, l’euro.

Il nostro confronto prende in considerazione quei prodotti maggiormente utilizzati come fonte di riscaldamento immediato, proposti più comunemente nei negozi della grande distribuzione, che non necessitano di installazione, ad esclusione del climatizzatore d’aria.

I prodotti presi in considerazione sono: stufa alogena, stufa al quarzo, termoventilatore, termoconvettore, pannello radiante, radiatore ad olio, stufa a gas infrarossi, stufa a gas catalitica, stufa a metano senza canna fumaria e climatizzatore in pompa di calore. Per quest’ultimo abbiamo preso in considerazione una potenza approssimativamente simile a quella di un termoventilatore. Ma vediamo nel dettaglio i vari dati tecnici così da poterli trasformare e concretizzare in valori più comprensibili e valutabili a tutti.

Per esporre il confronto ci avvaliamo di una tabella all’interno della quale riportiamo i dati tecnici dei prodotti, che in linea di massima identificano quelle che sono le loro prestazioni, ma a seconda dell'azienda produttrice, ci possono essere delle differenze. Ad esempio una stufa a gas da catalogo di due diverse aziende può essere indicata come superfice riscaldata 130 m3 piuttosto che 120 m3 .

Prodotto:
Potenza kw
Riscalda m3
Consumo
Cons. €/h
Stufa alogena
1,2
40
1200 watt
0,30
Stufa al quarzo
1,5
20
1500 watt
0,375
Termoventilatore
2
60
2000 watt
0.50
Termoconvettore
2
60
2000 watt
0,50
Pannello radiante
1,5
50
1500 watt
0,375
Radiatore ad olio 7
1,5
42
1500 watt
0,375
Radiatore ad olio 9
1,5
51
1500 watt
0,375
Radiatore ad olio 11
2
60
2000 watt
0,50
Stufa a gas infrarossi
4,2
130
305g/h
0,447
Stufa a gas catalitica
3
90
218g/h
0,32
Stufa a metano infrarossi
4,2
120
0,41m3/h
0,349
Climatizzatore d'aria
2,5
90
900 watt
0,225

Da sinistra verso destra, nella prima colonna ci sono i prodotti presi ad esame, nella seconda colonna sono indicate le rispettive potenze termiche espresse in Kw. Per evitare confusione diciamo che per praticità tabellare abbiamo rapportato tutte le potenza all'unica unità di misura, il kw, ma in commercio la potenza può essere indicata nel caso di tutte le stufe e termoventilatori in watt, quindi il riferimento indicato viene moltiplicato per 1000 (1,2 kw x 1000 = 1200 watt). Stessa cosa per il climatizzatore che a sua volta viene spesso indicata la sua potenza in Btu/h, in questo caso abbiamo 2,5 x 3412= 8530 Btu/h.

Terza colonna indica il volume riscaldato, chiaramente indicato in metri cubi, se volessimo andarli a rapportare ai metri quadrati per identificarne la superficie basta dividere per l'altezza dell'ambiente. Ad esempio se abbiamo una stanza che è alta 2,5 mt la stufa a gas infrarossi riesce a coprire 130 / 2,5= 52 metri quadrati.

Nella quarta colonna abbiamo indicato il consumo, espresso nell'unità di misura specifica di ogni prodotto, in questo caso per gli apparecchi elettrici abbiamo utilizzato i watt, ma il consumo può essere espresso ugualmente in Kw andando a dividere per 1000 (1200 watt / 1000 = 1,2 kw. Il dato indicato rappresenta il consumo massimo che l'apparecchio può avere durante il suo funzionamento, abbiamo scelto di non indicare le varie fasi di potenza per evitare troppi dati e creare confusione, ma soprattutto per il fatto che se anche si dispone di consumi intermedi, agli stessi corrispondono potenze di riscaldamento più basse insufficienti a riscaldare la superficie massima che abbiamo preso a rifermento.

Infine nella quinta colonna abbiamo rapportato al costo reale in euro, anche in questo caso il calcolo può subire delle variazione in base ad una serie di fattori, quali il costo del gas e della corrente in base alla fornitura ed altro. Per l'energia elettrica abbiamo considerato il costo di € 0.25 per kwh, per la bombola abbiamo preso in considerazione una da 15 kg ed il suo costo ad € 22, mentre il metano abbiamo considerato ad € 0,85 per metro cubo.

Il consumo è stimato su una base oraria, quanto ognuno di questi apparecchi consuma nell'arco di un'ora di utilizzo. Anche qui è doveroso fare un piccolo appunto per i prodotti dotati di termostato ambiente come i termoventilatori, termoconvettori, radiatori e climatizzatore, dotati di termostato ambiente per i quali il consumo orario dipende anche dal raggiungimento della temperatura impostata. Nel senso che se raggiungono la temperatura si staccano e quindi nell'arco di un'ora non si avrà più il consumo indicato.

A questo punto abbiamo come riferimento la superficie riscaldata da ognuno di questi prodotti ed il costo per ogni ora di funzionamento, non ci resta che aggiungere il costo iniziale di acquisto così abbiamo una visione completa:

Prodotto:
Riscalda m3
Cons. €/h
Costo medio da/a €
Stufa alogena
40
0,30
10/15
Stufa al quarzo
20
0,375
10/30
Termoventilatore
60
0.50
10/40
Termoconvettore
60
0,50
30/90
Pannello radiante
50
0,375
50/150
Radiatore ad olio 7
42
0,375
40/70
Radiatore ad olio 9
51
0,375
50/80
Radiatore ad olio 11
60
0,50
60/90
Stufa a gas infrarossi
130
0,447
80/120
Stufa a gas catalitica
90
0,32
80/120
Stufa a metano infrarossi
120
0,349
80/100
Climatizzatore d'aria
90
0,225
200/400

Articolo aggiornato: lunedì 29 agosto 2016

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Nel panorama vasto e variegato del riscaldamento elettrico il radiatore rimane un articolo sempre molto richiesto e diffuso.
 
 
Spazio trasparente.


La stufa alogena è dotata di tre candele per il riscaldamento, che nel corso del tempo sono soggette ad usura e pertanto tendono a fulminarsi. Ognuna delle candele a seconda del modello ha una potenza di 400 watt o di 450 watt, e possono essere accese insieme o singolarmente.
 
 
Spazio trasparente.


Una delle stufe più diffuse per il riscaldamento elettrico è il termoconvettore, è composto da un telaio in lamiera, che può variare come consistenza in base al produttore, all’interno del quale è posizionata una resistenza elettrica. In alcuni modelli al suo interno c’è una ventola, che spinge l’aria verso l’esterno, in questo caso può essere chiamato termoventilatore.
 
 
Spazio trasparente.


La scelta del prodotto più indicato per riscaldare un ambiente domestico, diventa molte volte abbastanza complicato, in quanto, oltre al prezzo, ci sono molte altre variabili da tenere in considerazione.
 
 
Spazio trasparente.


Se parliamo di stufa elettrica non può certo mancare la stufa al quarzo, una delle prime stufe ad essere utilizzate per il riscaldamento domestico secondario.
 
   
 
 
 
 
Icona regione.
Francesco da Trieste giorno 29/08/2016
Buongiorno, in un appartamento bilocale di 35 mq è consigliabile una stufa a gas oppure un'altra soluzione, come ad esempio dei pannelli radianti? Rispetto alla stufa a gas, già presente, c'è risparmio effettivo in bolletta con i pannelli radianti? Grazie.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Francesco, la stufa a gas va bene per questo ambiente ed i consumi come puoi leggere in tabella sono contenuti. I pannelli radianti sono certamente un’altra soluzione, come lo possono essere i radiatori ad olio e via dicendo. La migliore la devi valutare tu in base alle tue necessità di spesa e chiaramente facendo un confronto di quanto consumano in termini di soldi. Per questa determinazione hai dei dati per la stufa a gas ed altri, per i pannelli radianti devi considerare, leggi la scheda tecnica, l’assorbimento in watt e sviluppare il consumo.
Icona regione.
Massimo da Bologna giorno 06/05/2015
Dovrei scaldare un appartamento con un fabbisogno termico di circa 7000 Watt (mq*h*35). Vorrei installare dei termosifoni in acciaio con una resa termica ad elemento intorno ai 115 watt. La domanda è: i 115 watt corrispondo al consumo orario dell'elemento? Quindi per avere un'indicazione di costo per il consumo mi basterà moltiplicare tale valore per il numero degli elementi installati per il costo a Kwh?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Massimo, negli apparecchi elettrici sostanzialmente il rapporto tra assorbimento e resa è alla pari, quindi se rende 1 assorbe 1, pertanto la resa di 115 watt corrisponde anche all’assorbimento, e quindi è giusta la tua analisi.
Icona regione.
Giuseppe da Pavia giorno 12/02/2015
Dovrei riscaldare un locale ad uso camera da letto di 25 Mq, avrei optato per un radiatore a gas metano. Cosa ne pensa? A suo parere quanto dovrebbe essere la potenzialità (mi hanno consigliato 3000 calorie)? La soluzione per il riscaldamento da me pensata è adatta alla destinazione d'uso del locale? In termini di costi per riscaldare è vantaggiosa oppure ci sono alternative più economiche?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Giuseppe, per la superficie indicata orientativamente vanno bene 2600 chilocalorie orarie (3kw), anche se nel calcolo bisogna tenere in considerazione l’altezza della stanza, l’isolamento, le finestre, l’esposizione ed altro, quindi vanno bene. Per quanto riguarda i consumi e se c’è qualcosa di più conveniente, bisognerebbe sapere quanto consuma il prodotto che hai intenzione di acquistare e confrontarlo con altri di diversa natura ma con la stessa potenza, ma lascio a te il compito di fare questi confronti certosini. Dalla tabella sopra puoi già dedurre tanto. L’impiego di una stufa a metano è spesso sconsigliata nelle camere da letto, quindi ti invito a prendere visione delle specifiche indicazioni del prodotto da te scelto.
Icona regione.
Adriano da Lecce giorno 11/02/2015
Buongiorno, devo riscaldare un piccolo bagno di 10 mq, avevo optato per una stufa da parete al quarzo, mi può dare un consiglio?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Adriano, utilizza un termoventilatore specifico per il bagno hanno una protezione IP21 o simile per le cadute di gocce di acqua. Se vuoi spendere poco orientati comunque su un termoventilatore più economico. La stufa al quarzo non va bene ne per la presenza di vapore, ne per eventuali schizzi di acqua.
Icona regione.
Giuseppe da Napoli giorno 31/01/2015
Salve, ho un appartamento di circa 95 m quadrati, per riscaldalo senza consumare molto è meglio accendere i termosifoni, accendere un climatizzatore piccolo oppure una stufa a gas?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Giuseppe, dalla tabella puoi leggere che un condizionatore piccolo consuma di meno. Ti preciso però che stiamo nel relativo, in quanto stiamo paragonando tre condizioni differenti, quindi i termosifoni immagino accesi per tutta la casa, una stufa a gas di cui non abbiamo specificato se ad infrarossi o catalitica ed a che potenza intendi tenerla ed un clima piccolo di cui non sappiamo la potenza e non abbiamo in mano la scheda tecnica.
Icona regione.
Pac da Torino giorno 03/01/2015
Salve, per riscaldare una stanza sola di un appartamento conviene comprare un piccolo termoventilatore e accenderlo ogni tanto o accendere ogni volta la caldaia che rimarrà per qualche ora accesa? Il piccolo termo consuma sui 1000 watt, acceso qualche ora al giorno si arriva a costi elevati in corrente? più della caldaia?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Pac, un termoventilatore da 1000 watt consuma intorno a 25 centesimo l’ora. La caldaia non ti so dire di preciso. Se è una cosa provvisoria puoi tirare con il termo, ma se deve essere un riscaldamento principale e definitivo allora devi orientarti su impianti come può essere una caldaia o altro.
Icona regione.
Marco da Roma giorno 27/11/2014
Per un problema al sistema di riscaldamento del mio condominio, dovrei trovare un modo, se possibile economico, di riscaldare il mio appartamento, circa 120mq. È consigliabile installare una stufa a metano (anche se non ho un attacco ad hoc) oppure dei condizionatori?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Marco, se è una cosa provvisoria puoi arrangiarti con una stufa a gas di quelle con la bombola, se deve essere un discorso definitivo, vedo i climatizzatori la migliore soluzione.
Icona regione.
Alessandra da Nettuno giorno 24/11/2014
Ho istallato una pergotenda 5x5 mt nel mio locale. Vorrei renderla calda e confortevole per i miei clienti, ma ho bisogno di un qualcosa che la sera posso rimettere all’interno del negozio visto che i laterali della tenda vengono arrotolati a fine serata. Una lampada o una stufa che riscaldi tanto e che consumi il meno possibile, cosa mi consigliate?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Alessandra, per l’esterno i prodotti più diffusi sono le stufe ad infrarossi e quelle a gas. Si differenziano dai modelli impiegati per la casa sostanzialmente dalla forma, ma se parliamo di consumi il gas consuma di meno e nel tuo caso forse meglio in quanto puoi spostarlo e rientrarlo. Per il gas ci sono più forme, alcune molto di arredo. Il mio consiglio comunque è quello di individuare dei modelli, e procurarti la scheda tecnica, così da poter identificare la potenza termica (quanto riscaldano) ed il consumo, così possiamo fare un confronto sui dati specifici.
Icona regione.
Guglielmo da Rotella giorno 29/09/2014
Buongiorno, dovrei riscaldare per l'inverno torinese un terrazzo verandato quindi chiuso di circa 25 metri quadri, che vorrei diventasse vivibile per 365 giorni e, non so, per un discorso di convenienza economica cosa è preferibile: un termoventilconvettore a energia elettrica o a gas metano?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Guglielmo, facciamo una cosa apri una discussione nel forum e indica i modelli che hai adocchiato, vediamo di analizzare insieme i consumi.
Icona regione.
Alessandro da Genova giorno 26/07/2014
Buongiorno, sto concludendo un contratto per installare un impianto fotovoltaico da 4,5Kw. Vorrei eliminare completamente l’attuale riscaldamento con caldaia a metano che, pur essendo a condensazione, mi comporta dei costi estremamente alti. La mia abitazione è nell’entroterra ligure ed è definita Zona climatica E, l’abitazione ha le pareti in pietra e, per adesso non sono previsti lavori di coibentazione. I locali che devo riscaldare sono 4 al piano superiore mediamente di circa 37 metri cubi e due al piano inferiore di circa 65 metri cubi. Vi chiedo cortesemente se, considerando la possibilità di avere praticamente una buona parte di energia elettrica gratis, quale impianto di riscaldamento, realizzato con pannelli radianti o termoconvettori elettrici, può essere conveniente?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Alessandro, i pannelli radianti così come i convettori elettrici sono molto usati, tuttavia non ho informazioni specifiche sui modelli che rendono meglio e assorbono meno. Ti invito ad iniziare a fare delle ricerche e se ti va apri una sezione nel forum postando le tue valutazioni, così che possiamo, insieme, scandagliare meglio l’argomento.
Icona regione.
Roberto da Alba giorno 01/03/2014
Vorrei sapere il consumo elettrico medio di un radiatore ad olio e se conviene rispetto ad una stufa infrarossi.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Roberto, sopra c’è una tabella di confronto orientativa tra i diversi tipi di stufe.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su