Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

L'importanza in termini di garanzia delle prestazioni della certificazione Eurovent nei climatizzatori.

Un aspetto molto importante nella scelta di un climatizzatore è l’analisi delle caratteristiche tecniche, della potenza, del consumo e di tutti quei dati che rendono un climatizzatore migliore rispetto ad un altro. La loro identificazione passa attraverso le schede tecniche diffuse dai produttori, che effettuate le prove del caso, ne dichiarano i dati. Quindi per effettuare una scelta consapevole, basta confrontare le schede tecniche dei vari climatizzatori, per identificare quello con le migliori prestazioni.

Fin qui niente di nuovo, o di non deducibile, ma trattiamo il tema per portare l’attenzione su un particolare molto importante, che nella quasi totalità delle vendite non viene mai preso in considerazione, ovvero la certificazione Eurovent. In altri articoli ne abbiamo fatto un piccolo accenno ma ora vogliamo andare un po’ più nel dettaglio per capire fino in fondo come orientarci in tal senso.

Innanzi tutto diciamo che Eurovent è una certificazione volontaria che sancisce la veridicità dei dati tecnici dichiarati a catalogo dalle aziende che aderiscono al programma. Questo significa che il prodotto con la certificazione ha sostenuto dei test specifici per valutare se i dati dichiarati dal produttore corrispondono al vero. La certificazione ha valore di un anno e se il prodotto sottoposto a test non risponde alle caratteristiche dichiarate l’azienda è tenuta a cambiare i dati dichiarati. La certificazione è uno strumento di valutazione indiscutibilmente selettivo che consente alle migliori aziende di differenziarsi in positivo sul mercato.

Considerato tutto questo è fondamentale capire come muoversi per identificare i climatizzatori che possiedono la certificazione. Gli strumenti sono tre, anche se in realtà ce n’è solo uno che in maniera inequivocabile ci consente di non commettere nessun errore di valutazione.

Il primo modo è quello di sfogliare il catalogo del produttore di nostro interesse e vedere se sulle sue pagine, solitamente alla fine, c’è il logo eurovent. Questo metodo tuttavia può fuorviarci, nel senso che la presenza della certificazione potrebbe rivolgersi solo ad alcuni climatizzatori presenti sul catalogo e non all’intera gamma.

Se possiamo fisicamente vedere il climatizzatore, basta constatare sullo split la presenza del logo certificante. Anche qui c’è però da dire che non tutti i prodotti certificati lo evidenziano e quindi potremmo sempre indurre in errore.

I primi due metodi riteniamo siano utili per identificare in prima battuta una prima cernita di prodotti, ma in assoluto la scelta più consapevole, deve essere effettuata con il tempo necessario ad effettuare le verifiche dovute per constatare esattamente lo stato reale delle cose.

Lo strumento risolutore, consiste nel consultare il sito di eurovent e tramite l’apposito modulo effettuare la ricerca desiderata. La ricerca può essere effettuata per modello specifico, per marchio o costruttore e per numero di certificato. Abbiamo effettuato delle prove riscontrando difficoltà nella ricerca per modello, che non ci ha portato nessun risultato, non essendo a conoscenza del numero di certificato lo abbiamo sorvolato. Per marca vengono restituiti tutti i climatizzatori sottoposti a certificazione, l’operazione di filtraggio nell’individuare il modello specifico richiede qualche minuto, abbiamo per velocità utilizzato lo strumento trova del browser per essere più veloci e dopo alcuni minuti abbiamo si è in grado di stabilire se il climatizzatore di nostro interesse è certificato eurovent.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il condizionatore che perde acqua dallo split è una condizione che si può verificare durante l’estate, o ancora più precisamente quando il condizionatore è impiegato in regime di raffreddamento o di deumidificazione. Nella modalità di funzionamento invernale (riscaldamento) invece non accade.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sebbene il condizionatore sia in grado di riscaldare un ambiente è notoriamente considerato come l’elettrodomestico del raffreddamento. Quando si dice condizionatore, si pensa quasi sempre all’estate ed alla sua capacità di farci stare al fresco in un ambiente che altrimenti risulterebbe vivibile a fatica.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Diciamo subito che non è possibile installare un condizionatore da soli, ma è necessario che tale lavoro sia eseguito da un tecnico specializzato e certificato FGas. Difatti a partire dall’1 gennaio 2015 è entrato in vigore il regolamento che disciplina l’installazione degli impianti di condizionamento.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Un dato sul quale molte volte, nella scelta di un climatizzatore, ci si sofferma molto poco, ma che ha una rilevanza molto importante per una buona qualità dell’aria in tutto il periodo dell’anno, ed in particolare in quello più caldo, è la portata d’aria.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

L’installazione di un condizionatore d’aria fisso deve essere eseguita da un tecnico professionista abilitato, in possesso di uno specifico patentino che lo autorizza a farlo e gli consente di rilasciare la certificazione di installazione con le relative comunicazioni agli enti preposti. Un esperto installatore ovviamente una volta sul posto riesce a stabilire dove posizionare il condizionatore, quale sia il miglior posizionamento unità esterna condizionatore, per non incorrere in delle problematiche o anomalie di funzionamento.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Giorno 1 gennaio 2016 sono entrati in vigore due nuovi regolamenti che disciplinano il settore della ventilazione, ovvero il regolamento (UE) n. 1253/2014, che istituisce delle specifiche di progettazione e di eco compatibilità a cui attenersi, ed il regolamento delegato (UE) n. 1254/2014, che regolamenta l’etichettatura energetica.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea