Spazio trasparente.
 
Come recuperare le tubazioni impiegate per un climatizzatore ad R22 passando all’installazione di uno nuovo a gas R410A.
 
Foto articolo.
Il gas R22 impiegato per i vecchi impianti di climatizzazione, come stabilito da una normativa europea è stato messo al bando già da alcuni anni, a causa della presenza di sostanze gassose lesive per l’ozono.

Per i fluidi vergini a partire dal 1 gennaio del 2010 e per quelli recuperati dal 2014, devono essere utilizzati al loro posto dei gas non dannosi. In buona sostanza il gas R22 non è più presente sul mercato, se non di tipo recuperato, ma il costo elevato e la scarsità della sua presenza, impongono per operare su vecchi impianti di climatizzazione, con soluzioni alternative al suo impiego.

Ci possiamo trovare pertanto nella condizione in cui il vecchio climatizzatore ha subito una perdita di gas, a questo punto possiamo percorrere due strade: l’immissione di nuovo gas refrigerante nel circuito o la sostituzione del climatizzatore. In entrambi i casi abbiamo una problematica da affrontare.

Nel primo la non reperibilità di gas R22, che ci obbliga all’impiego di gas alternativi denominati Retrofit, ovvero una miscela di diversi gas, che sostituita al vecchio refrigerante dovrebbe garantire il funzionamento dell’impianto.

In realtà l’impiego dei refrigeranti Retrofit, su impianti che erano stati progettati per altri tipi di gas, possono creare dei problemi o comunque generare dei difetti. Possiamo assistere infatti ad un calo di resa, un aumento del consumo energetico causato da una maggiore sollecitazione del lavoro del motore ed una maggiore rumorosità.

Nella seconda ipotesi i residui di cloro e di oli minerali che sedimentano nella tubazione, sono dannosi per un nuovo impianto di climatizzazione con gas R410 A ed inoltre lo spessore ed il diametro della tubazione può non essere uguale a quella del nuovo impianto. In questi casi prima di procedere alla sostituzione, bisogna operare un’attenta operazione di bonifica, pena un deterioramento dell’olio causato dalla presenza del cloro e dal forte calore che si genera durante il funzionamento, con conseguente rottura del climatizzatore.

Per questa seconda ipotesi, c’è un’altra soluzione che riteniamo sia molto vantaggiosa da più punti di vista, che vediamo dopo, quella dell’installazione di un climatizzatore della Mitsubishi Electric dotato della Replace Technology, una tecnologia che permette il riutilizzo delle tubazioni esistenti, anche con differente spessore, senza effettuare nessuna opera di bonifica.

Il tutto è possibile grazie a due particolarità, ovvero l’impiego di olio alchilbenzenico, estremamente stabile e che previene il deterioramento causato dalla presenza del cloro, e l’utilizzo di motori ad alte prestazioni, che sopprimono la formazione del calore e conseguentemente evitano il deterioramento dell’olio, le due cause, che come abbiamo visto precedentemente, sono i motivi che rendono necessaria la bonifica.

Ritornando ai vantaggi, è palese che vengono aboliti i costi della bonifica e quelli per le nuove tubazioni, ed in più si riduce fortemente la spesa per la manodopera, che diminuisce sensibilmente grazie all’eliminazione di tutte le opere murarie necessaria all’eliminazione ed all’incasso delle nuove tubature.

Articolo aggiornato: lunedì 7 maggio 2018

articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.
Il condizionatore portatile come quello fisso, si differenzia oltre che per le caratteristiche funzionali specifiche , che ogni singolo modello può vantare, per la capacità termica, ovvero, per dirla molto semplicemente, per la quantità di aria che riesce a mandare.

Pubblicato:
giovedì 19 marzo 2015
 
 
Spazio trasparente.
Nella scelta di un climatizzatore d’aria, una delle domande che spesso ci si pone è quale sia la scelta migliore tra un climatizzatore on off ed uno con tecnologia inverter. Abbiamo già esposto in altri articoli la chiara ed indiscussa superiorità dei climatizzatori inverter, ed oggi vediamo per l’appunto l’affermarsi di tale tecnologia e la relativa scomparsa dei climatizzatori on off.

Pubblicato:
giovedì 27 marzo 2014
 
 
Spazio trasparente.
Per affrontare tempestivamente le ondate di calore, la soluzione immediata è il climatizzatore portatile. Diversamente dal fisso non ha bisogno di installazione, e può essere spostato da un ambiante ad un atro, grazie alle comode rotelle poste sotto il mobile.

Pubblicato:
mercoledì 9 marzo 2011
 
 
Spazio trasparente.
Ci siamo soffermati in altre occasioni sull’impiego della modalità di deumidificazione del condizionatore d’aria, che riesce ad asportare l’umidità presente in un ambiente. Abbiamo visto quali sono i limiti del suo utilizzo nel periodo invernale e sancito come essa possa essere impiegata favorevolmente nel periodo estivo.

Pubblicato:
martedì 12 settembre 2017
 
 
Spazio trasparente.
Il gas refrigerante impiegato nei condizionatori d’aria, nel corso del tempo è stato oggetto di valutazioni in merito al suo impatto ambientale, che hanno portato all’abbandono, per legge, di alcuni tipi di gas verso altri con meno impatto di immissioni di HFC nell’ambiente.

Pubblicato:
venerdì 15 gennaio 2016
 
 
Spazio trasparente.
Premesso che ogni condizionatore ha una sua potenza termica e per capirci meglio per tale potenza si intende quella che comunemente è identificata con i btu/h, va detto che nello scegliere un impianto si può commettere un errore grossolano in riferimento a detta potenza.

Pubblicato:
martedì 13 ottobre 2015
 
 
Spazio trasparente.
Tutti i condizionatori portatili monoblocco hanno uno scarico, ovvero un foro, che si trova nella parte posteriore della macchina, al quale è necessario inserire un tubo, fornito in dotazione nel momento dell’acquisto.

Pubblicato:
martedì 24 marzo 2015
 
 
Spazio trasparente.
Quando ci si trova davanti ad un guasto su un elettrodomestico che impiega la tecnologia inverter, non è possibile determinare in modo esatto e rapido se tale anomalia dipenda dal sistema inverter o da altre componenti del prodotto.

Pubblicato:
martedì 10 giugno 2014
 
 
Spazio trasparente.
L’1 gennaio del 2013 è entrata in vigore la normativa che impone l’obbligo di utilizzare una specifica energy label per i climatizzatori domestici fino ad una potenza di 12 Kw.

Pubblicato:
martedì 8 aprile 2014
 
 
Spazio trasparente.
L’installazione di un climatizzatore, vagliate le condizioni tecniche necessarie per una corretta messa in opera, necessita nei casi in cui si abiti in un condominio o in una condizione di vicinato, del rispetto di alcune leggi e regolamenti che ne disciplinano le condizioni per l’installazione.

Pubblicato:
martedì 26 febbraio 2013
 
 
commenti:
Icona regione.
Maurizio da Catanzaro giorno 07/05/2018
Buongiorno, vorrei chiedere se cambiando tipo di refrigerante al mio condizionatore devo anche cambiare l'unità esterna, mi spiego climatizzatore attuale con gas 407 sto passando al 410 posso tenere solo l'unità esterna. Cavi collegamenti elettrici e cosi via tutto nuovo.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Maurizio, ti rimando alla lettura dell'articolo specifico all'argomento.

 
 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineaContattacilineaGoogle Publisherlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su