Spazio trasparente.
Spazio trasparente.
 
Spazio trasparente.
Quali sono i fattori che contribuiscono a determinare la potenza termica necessaria ad un corretto dimensionamento del climatizzatore.
 
La scelta del climatizzatore passa attraverso una serie di considerazioni, che vanno dalla marca, alle funzioni particolari di cui possono essere dotati, alla classe di consumo, al prezzo ed a tanti altri fattori tutti di grande importanza. Tra questi ce n’è uno che viene considerato, ma in tanti casi la sua valutazione è effettuata in modo un po’ generico, stiamo parlando della potenza termica.

Ogni climatizzatore infatti ha una potenza termica, ovvero, per semplificare un po’ il concetto, quanto aria calda o fredda, a seconda del periodo, riesce a veicolare in un ambiente. Allo stesso tempo, anche l’ambiente ha  un carico termico, ovvero sempre per semplificare, quanto calore o dispersione di calore, quindi aria fredda è presente in tale ambiente.

Un dimensionamento corretto vuole che la potenza termica del climatizzatore deve essere superiore a quella dell’ambiente. In questo modo ad esempio se in estate nell’ambiente c’è un carico termico di 3 kw, il climatizzatore deve avere una potenza leggermente superiore, per pareggiare e raffreddare l’ambiente. Importante è pertanto la determinazione di questo valore, che nel climatizzatore è indicata nella scheda tecnica, quindi non c’è nessuna difficoltà, mentre per l’ambiente deve essere calcolata.

Nello specifico un ambiente può avere dei carichi termici interni ed esterni, da identificare e sommare per ottenere il valore, che alla fine è la potenza di cui abbiamo necessità per climatizzare l’ambiente.

Iniziamo con lo stabilire che i carichi esterni sono i raggi solari, che apportano calore colpendo le superfici murarie, le pareti che in base al loro isolamento consentono una maggiore o minore isolamento ed infine le finestre o superfici vetrate, attraverso le quali l’aria calda o fredda entra nel nostro ambiente.

La determinazione del carico termico esterno, tuttavia passa attraverso una serie di variabili che è impossibile raggruppare, come la temperatura diversa da zona a zona, dal tipo di infissi montati ed il materiale di cui sono composti, dal tipo di isolante impiegato per la coibentazione dei muri ed altro, quindi tutte variabili soggette alla valutazione, sul posto, da parte di un tecnico specializzato.

Dall’interno invece tutte le apparecchiature di cui si dispone sono fonti di calore, le lampadine, il frigorifero (calore prodotto dal motore), il congelatore, il forno, la tv, il computer ed altro, così come le persone presenti nell’ambiente, apportano carico termico, con la temperatura del proprio corpo.
Al fine di individuare correttamente è bene rivolgersi ad un tecnico specializzato che effettui un sopralluogo per la valutazione di tutte queste variabili.

Di seguito proponiamo una tabella che consente di identificare in base ai metri quadrati la potenza termica necessaria espressa in btu/h, differenziando il dato tra il raffreddamento ed il riscaldamento. La tabella si riferisce a delle condizioni standard ed ad ambienti con una altezza di 3 metri. Nel caso di ambienti con condizioni estreme è opportuno maggiorare la potenza proporzionalmente alle condizioni.

Mq
Riscaldamento btu/h
Raffreddamento btu/h
5

2149

2456

10

3940

4503

15

5373

6141

20

7165

8188

25

9134

10645

30

10747

12283

35

12539

14330

40

14330

16377

45

16121

18424

50

17913

20472


Da notare come in regime di riscaldamento la potenza necessaria è inferiore a quella di raffreddamento, questo è dovuto al fatto che tutti i carichi di calore, in inverno giocano a vantaggio del riscaldamento dell’ambiente.

Articolo aggiornato: sabato 26 luglio 2014

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Un climatizzatore, nella forma tradizionale si compone di due unità, quella interna e quella esterna.
 
 
Spazio trasparente.


Il consumo dei climatizzatori d’aria incide in modo considerevole sul consumo globale di energia elettrica, pertanto il bisogno di ottimizzare o meglio, di ridurre i consumi energetici del mondo, ha spinto il legislatore ha rivedere la normativa che regolamenta l’energy label dei climatizzatori, al fine di rendere il più evidente possibile il consumo di ogni singolo prodotto ed indurre all’acquisto di modelli sempre più a basso assorbimento elettrico.
 
 
Spazio trasparente.


In un'altra articolo abbiamo affrontato l’argomento inerente al limite di riscaldamento di un condizionatore durante il periodo invernale. In questa stesura ci occupiamo invece del suo limite nel mandare aria calda nella mezza stagione.
 
 
Spazio trasparente.


Prima dell’entrata in vigore della nuova regolamentazione energetica, per i condizionatori d’aria split, il calcolo della classe di efficienza veniva effettuato senza tenere in considerazioni la modulazione della potenza (climatizzatore inverter) e la temperatura esterna ed interna dell’area geografica di installazione del condizionatore.
 
 
Spazio trasparente.


Abbiamo già parlato di anomalie di carattere generale che i diversi impianti di condizionatori fissi dei differenti produttori possono manifestare, ma nello specifico di ogni produttore ed addirittura in alcuni casi differenziandosi per modello, ci sono dei codici specifici per ognuno di loro, che vengono restituiti sul display o sul telecomando per comunicarne il difetto.
 
 
Spazio trasparente.


La scelta di un climatizzatore inverter passa attraverso l’individuazione e la comprensione della tecnologia impiegata, identificata da due sigle, dietro le quali c’è molta differenza nel funzionamento e nelle componenti impiegate.
 
 
Icona regione.
Luca da Pisa giorno 26/07/2014
Buongiorno, devo climatizzare una zona giorno di un appartamento composto da salone 30 mq e cucina vicina ma separata di 12mq. Il soffitto è alto 2.90m e ci sono 3 porte finestre. L'appartamento si trova all'ultimo piano. Come modelli ero indeciso fra 2 prodotti Mitsubishi FH35 o EF42 che nonostante la potenza diversa mi sembrano avere caratteristiche simili come efficienza con il vantaggio che il primo consuma sensibilmente meno. Considerando che dovrò utilizzarlo molto anche d'inverno come riscaldamento, quale mi consigliate? Possono andar bene entrambi?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Luca, in realtà se gli ambienti sono separati dovresti optare per un split per ogni ambiente, ad ogni modo considerando come se fosse un ambiente unico installerei il modello FH35, ha una potenza nominale sufficiente ed un massimo abbondante.

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su