Come comportarsi quando del mancato carico di acqua nella lavatrice ne è responsabile l’elettrovalvola.
 
Tra le anomalie di funzionamento di una lavatrice o lavasciuga, sicuramente è molta diffusa quella che, una volta impostato il ciclo di lavaggio, non si assiste all’inizio del processo di caricamento dell’acqua, ma al lampeggiare continuo dei led, su molti modelli, o all’accensione di specifiche spie, su altri, con il conseguente non inizio e fermo del processo di lavaggio.

Le cause che possono determinare il manifestarsi di tale comportamento possono essere differenti, come anomalie della scheda elettroniche o altro, ma in questo caso  ci soffermiamo in quella che più comunemente si presenta e per la quale abbiamo autonomia di azione, la rottura dell’elettrovalvola.

Essa fa passare e controlla la quantità di acqua che entra nella vasca sia prima che il lavaggio inizi che successivamente durante le diverse fasi del ciclo, quindi nei vari risciacqui. Solitamente in una lavatrice o lavasciuga troviamo una sola elettrovalvola, quella destinata all’ingresso dell’acqua fredda, tuttavia in alcuni modelli possiamo trovarne una seconda, destinata all’entrata dell’acqua calda, in questo caso siamo in presenza di lavatrici con doppio ingresso di acqua.

Comunemente il difetto si riscontra per quella a freddo, e la causa scatenante è per l’appunto l’acqua fredda in entrata, che nel periodo invernale può essere fredda al punto tale da poterla congelare fino a provocarne una dilatazione con la conseguente spaccatura, che a sua volta da origine a perdite di acqua che in modo evidente si manifestano nella parte posteriore dell’elettrodomestico, in sua  corrispondenza e chiaramente fino a raggiungere il fondo ed il pavimento. Quindi in presenza di acqua a terra, soprattutto nel periodo invernale o successivamente a giornate molto fredde è opportuno controllare il suo stato.

L’elettrovalvola è facilmente identificabile, normalmente si trova sul retro della lavatrice o lavasciuga in alto sulla destra, è fissata all’interno del telaio dell’apparecchio e fuoriesce dal mobile per due tre centimetri, con un innesto filettato al quale si avvita il tubo di carico dell’acqua della lavatrice.

Tutti i modelli hanno un solo tubo di entrata, che dalla parte interna può continuare con una sola uscita, anche se nella maggior parte dei casi si dirama con due, tre o quattro vie, ognuna delle quali conduce l’acqua in un comparto del contenitore di detersivo.

Al di là della complessità dell’elettrovalvola le operazioni da compiere rimangono sempre uguali, è importante però reperire il ricambio uguale a quello da sostituire, pertanto per farlo è necessario essere in possesso del modello delle lavatrice o lavasciuga ed in alcuni casi può essere necessario il codice seriale. Ricordiamo che su ogni elettrodomestico è apposta una targhetta sulla quale sono indicati questi dati.

La prima operazione da compiere per lavorare in sicurezza è quella di staccare la spina elettrica, portare la lavatrice in una posizione comoda in modo da potervi stare dalla parte di dietro e successivamente rimuovere il top svitando le viti che lo fissano al telaio, da dietro. In alcuni modelli una volta rimosse le viti è necessario dare un colpetto al bordo del top spingendolo in avanti.

Siamo dietro e abbiamo visione dell’interno, sulla destra abbiamo l’elettrovalvola, alla quale è collegato il tubo di carico, lo sganciamo, e dalla parte interna si dirama in una o più vie con dei tubicini che raggiungono il contenitore del detersivo, le sganciamo. A questo punto rimuoviamo i connettori elettrici e subito dopo procediamo con svitare le viti che la fissano al telaio della lavatrice. Non ci resta che posizionare la nuova elettrovalvola procedendo in modo inverso per risistemare tutti i componenti al loro posto.

 

 
articoli sul tema:
 
 
Spazio trasparente.


Una circostanza che frequentemente si può verificare nel non funzionamento di una lavatrice è quella relativa al blocco del cestello. Nel momento in cui viene impostato un ciclo di lavaggio dopo la consueta fase di carico dell’acqua, quando arriva il momento in cui dovrebbe iniziare a girare il cestello, resta fermo, non si muove.
 
 
Spazio trasparente.


Come tutte le componenti della lavatrice anche il contenitore del cassetto del detersivo può subire dei deterioramenti, quindi delle incrinature e spaccature, conseguentemente delle perdite di acqua o subire un accumulo di sedimenti che possono dare origine alla formazione di cattivo odore.
 
 
Spazio trasparente.


Un design assolutamente originale, caratterizzato da più varianti di colore (SILVER/NERO – SILVER/SILVER – SILVER/BLU) porta una nota di stile in ogni ambiente.
 
 
Spazio trasparente.


Particolare attenzione è dedicata dai grandi produttori di elettrodomestici alla forma del cestello, in particolare alla sua conformazione interna, sempre più ottimizzata a garantire una maggiore cura dei tessuti.
 
 
Spazio trasparente.


A tanti è capitato di vedere come è fatta una lavatrice al suo interno ed in particolar modo di soffermarsi su come il motore è collegato alla crociera. Il motore è posizionato nella parte bassa del telaio, e da una sua estremità sporge l’albero al quale si aggancia la cinghia che a sua volta si collega alla crociera.
 
   
 
 
 
 

Se non hai trovato quello che cercavi, se vuoi suggerire, commentare o aggiungere qualcosa compila il modulo.

supporto
 
 
 
 
 
 
Foto articolo.
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy linea lineaDisclaimerlineaContattacilineacanale you tubelineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.lineaiubendalinea
Linea
 
Torna su