Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Qual è la causa del mancato riscaldamento del condizionatore nella mezza stagione.

In un'altra articolo abbiamo affrontato l’argomento inerente al limite di riscaldamento di un condizionatore durante il periodo invernale. In questa stesura ci occupiamo invece del suo limite nel mandare aria calda nella mezza stagione.

Per essere più precisi, per mezza stagione vogliamo intendere quel periodo dell’anno in cui la temperatura esterna inizia a salire, ma nelle abitazioni si continua ad avvertire freddo. Insomma quando si percepisce ancora quella differenza, quella escursione, tra fuori e dentro l’abitazione. Frequentemente succede che la fonte di riscaldamento principale in dette abitazioni, siano i termosifoni, che vengono spenti, facendo funzionare il condizionatore per superare questo periodo prima dell’arrivo delle temperature miti della primavera o del caldo dell’estate.

Possiamo però trovarci nella spiacevole condizione che il condizionatore, dopo averlo avviato, mandi pochissima aria calda oppure non ne mandi per niente fino anche bloccarsi completamente nel funzionamento. Cosa sta succedendo? Si è rotto? In effetti potrebbe essere, ma nello specifico andremo a descrivere il caso di limitazione tecnica, quindi non di guasto davanti al quale possiamo trovarci.

Per comprendere il perché non produca aria calda, bisogna partire dal concetto fondamentale che il condizionatore non ha la capacità di produrre aria calda o fredda, ma soltanto di veicolare il calore da un ambiente ad un altro, quindi in estate lo porta fuori, restituendo l’aria privata dal calore, quindi fresca, all’interno, mentre in inverno recupera il calore che c’è all’esterno e lo porta all’interno.

Tutto questo avviene grazie ad uno scambio termico tra la temperatura del gas refrigerante e quella dell’ambiente in cui si trova l’evaporatore, nel quale passa il gas. Per garantire detto scambio è necessario che ci sia una differenza tra le temperature, altrimenti questo non può avvenire.

In virtù di questo ogni condizionatore possiede una scheda tecnica, che è corredata da un insiemi di dati, tra i quali sono presenti quelli che indicano il limite di funzionamento dei due diversi regimi, freddo e caldo. Focalizzandoci su quest’ultimo, possiamo notare che in molti è indicato un limite massimo di temperatura intorno ai 18°C. Quindi se andassimo a far funzionare in modalità riscaldamento un condizionatore con tale limite, in presenza di una temperatura esterna di 18°C o 19°C, il risultato sarebbe quello del blocco del funzionamento. In termine tecnico si dice che il condizionatore è andato in blocco, frasi che sentiamo molto più spesso associata in presenza di temperature troppo fredde, ma che vale anche per questa condizione.

Giusto per capire di cosa stiamo parlando e a cosa bisogna portare attenzione in fase di acquisto, onde effettuare un acquisto il più consapevole possibile, riportiamo gli estratti delle schede tecniche di alcuni condizionatore. Lo facciamo solo a titolo di esempio, facendo presente che ogni modello ha la sua scheda, che al di là dell’appartenenza ad un marchio, può essere differente tra i diversi modelli.

Daikin serie FTXZ-N + RXZ-N:

Campo funzionamento condizionatore.

Possiamo notare che in riscaldamento funziona da -20°C ad un massimo di 18°C;

Daikin serie FTXJ-MW/S + RXJ-M:

Campo funzionamento condizionatore.

In questi modelli possiamo notare che si alza la temperatura minima -15°C, ma soprattutto quella massima a 20°C;

Mitsubishi serie MSZ-LN:

Campo funzionamento condizionatore.

In questa linea osserviamo come il limite di temperatura massima in riscaldamento è di 24°C;

Mitsubishi serie  MSZ-FH:

Campo funzionamento condizionatore.

Anche questa linea possiede il medesimo limite massimo di 24°C;

Hitachi serie RAK-PECI:

Campo funzionamento condizionatore.

In questa serie della Hitachi la temperatura massima di funzionamento in riscaldamento è di 21°C;

Hitachi serie RAK-RPB / RAK-PPA:

Campo funzionamento condizionatore.

Anche questa linea ha il limite massimo a 21°C.

Olimpia Splendid serie ARYAL iON:

Campo funzionamento condizionatore.

Anche in questo caso la temperatura massima di funzionamento è di 24°C, anche se nella tabella è indicata anche quella di 18°C. La differenza è legata alla diversa umidità dell’aria.

Per concludere, ribadiamo che ogni serie o modello può avere delle prestazioni diverse, pertanto è bene analizzarle singolarmente.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tra le funzioni, che orami sono divenute di base, e quindi presenti in tutti o comunque nella maggior parte dei climatizzatore d’aria, troviamo quella del timer.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Il condizionatore portatile è quasi sempre impiegato nella stagione estiva per sconfiggere la calura, difatti nasce principalmente per tale scopo e nella stragrande maggioranza i modelli sono dotati della funzione di raffreddamento, ventilazione e di deumidificazione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tutti i condizionatori sia che si tratti di impianti fissi o portatili sono dotati di un filtro o meglio di filtri. Di base in un condizionatore portatile c'è un solo filtro, posto nel punto in cui l'aria dell'ambiente impatta con l'evaporatore, di solito nella parte retrostante del mobile, subito sotto il tubo di uscita dell'aria, mentre in un condizionatore split ci sono due filtri posti nell'unità interna.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo già avuto modo di conoscere la Trotec, per l’ampia ed efficiente gamma di deumidificatori, in questo articolo invece affrontiamo l’argomento condizionamento ed in particolare ci addentriamo alla scoperta dei condizionatori portatili di questo marchio tedesco.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Quando si sceglie uno condizionatore split, si fanno una serie di valutazioni: la marca, funzioni particolari, classe di consumo, il prezzo, l'estetica ed altro. Tutti elementi di grande importanza. Tra questi ce n’è uno, sul quale spesso si può essere disorientati, nella corretta scelta, in quanto per farla è necessaria un'analisi più tecnica: la potenza termica (btu kw). Ogni climatizzatore infatti ha una potenza termica. Per semplificare il concetto, quanto aria calda o fredda, a seconda se impostato in modalità di raffreddamento o di riscaldamento, riesce a veicolare in un ambiente.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

L’utilizzo del climatizzatore sta diventando sempre più indispensabile per affrontare la stagione estiva, caratterizzata da temperature molto torride ed umide. Nelle mezze stagioni può essere impiegato per stemperare gli ambienti o anche impiegato, come fonte di riscaldamento principale in inverno in sostituzione di altre fonti di calore più classiche come i termosifoni ed altro.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea