Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Come riportare al nuovo un forno incrostato.

Pulire l’interno del forno è una operazione che deve essere eseguita al termine di ogni cottura, dopo che le pareti e tutta la cavità interna si è raffreddata. Farlo subito consente una maggiore facilità di pulizia in quanto eventuali residui e schizzi di cibo sulle superfici interne sono ancora fresche e pertanto si rimuovono molto più facilmente.

Rimandare o non eseguire la pulizia, oltre a renderla più difficoltosa nel momento in cui verrà attuata può danneggiare le pareti del forno. Questo accade nel momento in cui determinati residui di cibo, tipo quelli zuccherosi, come potrebbe essere la marmellata, o altro, restano per lungo tempo appiccicati alla muffola. La loro composizione, per l’appunto a base di zucchero, esercita una azione aggressiva sullo smalto rovinandolo. Questo a lungo andare potrebbe far insorgere della ruggine e farlo bucare.

Tornando alla pulizia e prima di vedere come pulirlo, è opportuno precisare delle operazione da non eseguire e dei prodotti da non impiegare. In generale possiamo dire che sulla muffola ovvero tutte le parti metalliche, che normalmente vengono sottoposte ad una finitura con materiale idoneo alle alte temperature, non si devono impiegare prodotti a base di cloro, ammoniaca e candeggina.

Il vetro del forno invece non deve essere trattato con detergenti abrasivi oppure corrosivi, non devono utilizzarsi sostanze granulose e non bisogna impiegare tutto ciò che può abraderne la superficie, come spugne di acciaio, oggetti di lamiera, come la punta di un coltello, insomma tutto ciò che può scalfire o rigare il vetro.

Vediamo ora come pulire e cosa usare, per farlo al meglio.

Per pulire la muffola e le parti metalliche ci servono due panni in microfibra, e del detergente specifico per forno, che possiamo trovare in forma liquida o spray. Passiamo il prodotto su tutta la superficie con il primo panno e lasciamolo agire per qualche minuto. Ripetiamo l’operazione nei punti dove lo sporco persiste. Dopo aver rimosso lo sporco, utilizziamo l’altro panno pulito, lo immergiamo in dell’acqua tiepida e ripassiamo tutte le superfici interne, in modo da rimuovere i residui del prodotto che abbiamo impiegato. Ad ogni passaggio imbeviamo il panno e lo strizziamo, in modo che ad ogni passaggio sia pulito.

In questo procedimento potremmo essere ostacolati nei movimenti, dallo sportello, pertanto prima di procedere lo estraiamo.

Per pulire il vetro, ci procuriamo della carta assorbente, che possiamo passare sulla sua superficie. Se siamo in presenza di uno sporco leggero possiamo soltanto bagnarla un po’ al primo passaggio, e poi utilizzare della carta asciutta per asportare lo sporco e terminare l’asciugatura. Se invece lo sporco è persistente, è necessario utilizzare un detergente comune, come potrebbe essere quello utilizzato per lavare i piatti, impiegarne solo qualche goccia su una spugna non abrasiva e passarlo su tutti i vetri. Successivamente rimuoverlo con la carta assorbente, imbevuta di acqua al primo passaggio in modo tale da asportare il detergente e successivamente con quella asciutta.

Il forno normalmente ha due vetri, uno esterno ed uno interno, tra i due si può formare dello sporco. In alcuni modelli il vetro è estraibile, pertanto il raggiungimento delle parti interne dei vetri si effettua sfilando quello interno. In altri modelli invece il vetro non si sfila, ma è fissato con un fermo, a sua volta bloccato con una vite, pertanto bisogna svitarla per poter estrarre il vetro. Altri modelli ancora sono fissi e la parte interna non può essere raggiunta.

Quando la pulizia del forno è terminata, è opportuno far funzionare il forno per una ventina di minuti alla massima temperatura, così da rimuovere eventuali residui dei detergenti.

Nel caso in cui invece abbiamo trascurato la pulizia per un periodo abbastanza lungo ed al suo interno si sono creati dei depositi importanti di grasso, unto, sporco, e formate delle incrostazioni, il semplice prodotto che abbiamo visto precedentemente non è sufficiente, ma è necessario impiegare un prodotto specifico per la pulizia del forno.

Forno incrostato.

Ci sono metodi casalinghi che vengono spesso suggeriti, come quello dell’uso dell’aceto e del bicarbonato, che se combinati insieme annullano la loro efficacia, ma se usati separatamente, possono apportare un risultato, laddove però non si è in presenza di uno sporco consolidato, nel qual caso non riescono a fare nulla di evidente risultato.

Per questi casi abbiamo testato un prodotto, del quale si può vedere nel video sottostante, il risultato veramente eccellente che si ottiene al termine del suo impiego.

Si tratta di un composto gelatinoso, che deve essere distribuito su tutta la superficie interna della muffola. Lo si può fare un una spugna, ma l’ideale è utilizzare un pennello, che deve avere delle setole in materiale plastico. Nel farlo è necessario indossare dei guanti di protezione, una mascherina e comunque proteggere la pelle dal contatto diretto.

Prodotto pulizia forno incrostato.

Una volta steso fin da subito si può notare come lo sporco si stacchi dalle pareti del forno e vada a far cambiare colore al composto, che diventa marrone, assorbendo il grasso e lo sporco. Il tempo di reazione è di circa 20/30 minuti,  ma si può lasciare agire per più tempo. Nel nostro impiego è rimasto per 1 ora.

Sporco che si distacca.

Al termine del tempo di reazione è necessario togliere tutto il composto con della carta assorbente, sulla quale potremo constatare immediatamente tutto lo sporco che è venuto via dalle superfici. Utilizziamo tutta la carta necessaria per asportare il più possibile il composto. Successivamente con l’ausilio di un panno assorbente e anche di una spugna, imbevuti di acqua, continuiamo l’azione di pulizia. Ad ogni passaggio risciacquiamole al fine di rendere le superfici sempre più pulite.

Carta assorbente sporco forno.

Dopo aver eseguito questi passaggi, il risultato ottenuto sarà veramente eccellente, come possiamo vedere nella foto sotto.

Forno pulito da incrostazioni.

Se al termine si presentano ancora dei punti con dello sporco o delle incrostazioni, certamente può capitare in forni molto trascurati in precedenza, rimpieghiamo il prodotto ancora una volta.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tutti i forni elettrici sono dotati di una lampadina, che si accende automaticamente non appena si ruota la manopola dei programmi o che può essere azionata in base alla posizione del programmatore. In sostanza a seconda del forno potrebbe essere sempre accesa ed in altri casi in base alle necessità.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Uno degli interventi che più spesso viene eseguito e che potremmo quasi considerare di routine per quanto riguarda una cappa da cucina è quello relativo alla sostituzione della lampadina.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Sebbene i fornelli del piano cottura o della cucina, vengano puliti dopo ogni utilizzo, può capitare che, con il trascorrere del tempo, per varie ragioni, lo sporco e le incrostazioni aumentino a tal punto che una pulizia ordinaria non è più sufficiente a renderli accettabili. Risultano unti, incrostati, non belli alla vista e certamente impresentabili ad eventuali ospiti in cucina.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Tutti i piani di cottura oramai sono dotati del piezoelettrico per l’accensione elettronica. Basterà pertanto premere la manopola della mandata del gas per sentire il ticchettio e vedere la scintilla in corrispondenza del fornello, che ne consente l’accensione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Se mentre sta funzionando o dalla volta precedente senza che abbiamo fatto nulla, di colpo, smette di farlo, il forno elettrico ha un difetto di natura tecnica. Tra i diversi componenti che ne possono essere responsabili, il primo da controllare è il termostato di sicurezza.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Arrosti, pizze e lasagne…. Delle bontà da degustare da soli o in compagnia, ma finito di mangiare, dando un’occhiata al forno possiamo riscontrare sullo sportello e sul vetro dello sporco indesiderato.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea