Icona accesso.
 
 
 
 
 
 

Pompa di ricircolo della lavastoviglie rumorosa, come intervenire.

L’acqua che viene carica all’interno della lavastoviglie, per essere veicolata e successivamente irrorata sulle stoviglie, deve attraversare dei condotti, raggiungere le pali, passarvi all’interno ed uscire da esse.

Questo percorso viene sostenuto dal pompa di ricircolo, che è posizionata vicino o nella maggior parte dei casi è inglobata con il motore della lavastoviglie. È un pezzo che assume una forma che può richiamare quella di una lumaca. Una sorta di piccola vasca, con delle uscite che si raccordano ai tubi di mandata dell’acqua, che raggiungono gli irroratori. Al suo interno una girante, con lo specifico compito di spingere l’acqua verso le uscite.

La presenza all’interno della pompa di ricircolo di oggetti estranei impedisce la corretta rotazione della ventola, che produce rumore, sbattendo contro questi oggetti, e perde di resa, spingendo meno acqua e conseguentemente ha un incidenza negativa sul lavaggio.

Per ripristinare il corretto funzionamento è necessario ripulire la pompa o se rotta sostituirla.

Togliamo tutto quello che c’è all’interno della vasca, comprese i cestelli e soprattutto se è presente dell’acqua sul fondo del cestello, asciughiamo utilizzando uno straccio.

Procediamo pertanto staccando la spina elettrica e successivamente staccando il tubo di carico e di scarico della macchina. La parte che ci interessa si trova nella parte sottostante il mobile dell’apparecchio, pertanto dobbiamo poggiarla sul dietro e togliere il pannello che protegge la componentistica.

Togliendo la base, facciamo attenzione che ci potrebbe essere posizionato la vaschetta antiallagamento collegata a fili di alimentazione, quindi stacchiamo i relativi connettori. Rimosso il pannello, abbiamo accesso alla componentistica.

Il motore con la pompa di ricircolo possono essere collocati in posizione non estraibile se non togliendo precedentemente altri componenti. Pertanto ci dobbiamo fare spazio per potervi arrivare e soprattutto per garantirci uno spazio per estrarla comodamente. È molto importante al fine di ricordare la corretta posizione dei componenti ma soprattutto dei collegamenti elettrici di alcuni o parte di esse, scattare delle foto in modo da rimontare tutto al proprio posto.

Dopo aver tolto i componenti e fatto largo, possiamo smontare il motore con annesso la pompa di ricircolo. Per farlo dobbiamo sganciare i tubi in gomma, dei quali uno è quello dal quale proviene l’acqua, mentre gli altri due sono quelli dai quali fuoriesce l’acqua. Sono bloccati da delle fascette stringitubo, mentre il corpo del motore, a seconda del modello, si sostiene con un supporto metallico o in plastica o si infila in un supporto fisso.

Stacchiamo i connettori elettrici di alimentazione e rimuoviamo il blocco. Ora da questo possiamo smontare se è un modello sganciabile, la chioccia con il motorino di ricircolo, altrimenti se è un corpo unico dovremo sostituire l’intero pezzo.

Quindi rimontiamo il tutto eseguendo l’operazione al contrario ed abbiamo sistemato e risolto il difetto dell’eccessiva rumorosità ed anche quello relativo ad un getto di acqua interno non adeguato, debole.

 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email
 

 
 
 
 
 
 
 
Commenti recenti
Icona regione.
Domenico da Siziano giorno 16/02/2022
Buongiorno, sto facendo delle verifiche sulla lavastoviglie Hotpoint Ariston LFK7M121XIT che non carica l'acqua, ho provato l'acquastop collegandolo direttamente alla 220v e funziona, ho poi staccato il tubo di carico dell'acqua sull'airbreak e posizionandomi con il tester sui morsetti dell'acquastop non arriva la 220v e ovviamente neanche l'acqua... specifico che all'avvio scarica correttamente ed anche se verso dell'acqua successivamente dopo un po' la scarica....ma il 220v all'acquastop mai...quindi niente carico... mi potete aiutare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Domenico, l’aquastop funge da elettrovalvola e pertanto da carico dell’acqua. La sua alimentazione arriva dalla scheda elettronica, pertanto se non è alimentato devi ricercare la causa lì.

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

supporto
 
 
Altri articoli che ti potrebbero interessarti:
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Una anomalia che può presentarsi nel tempo in una lavastoviglie è quella relativa alla perdita di acqua dall’airbreak. In buona sostanza questo è una sorta di contenitore in plastica trasparente, all’interno del quale confluisce dell’acqua, circa 200 cl, che stazione prima di passare nel contenitore del sale.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo già visto in un articolo precedente, quali sono le cause principali che non consento l’accensione della lavastoviglie e come testare il pulsante di accensione per verificarne il buono stato o procedere con la sua sostituzione.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo già affrontato il tema dello scarico continuo della lavastoviglie in un altro articolo e riferendoci in quella stesura all’anomalia provocata da una perdita di acqua, che quando presente manda la macchina in allarme ed attiva la pompa di scarico.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Abbiamo visto in un altro articolo, i vari codici di errore che possono essere restituiti sul display di un lavastoviglie Whirlpool ed il loro significato. Ci riferiamo all’elenco dei codici alfanumerici che iniziano con la lettera F seguita da un numero ed i codici F0, FA, FB, FC.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Risultati assolutamente interessanti in termini di prestazioni sulle lavastoviglie, la Bosch li ottiene con le nuove lavastoviglie dotate del sistema Active Water abbinato all’impiego della zeolite.
 
 
Spazio trasparente.
Immagine rappresentativa articolo.

Potrebbe capitare che la lavastoviglie, che ha sempre lavato in modo esemplare, ad un bel momento al termine del lavaggio non restituisca più piatti, bicchieri, posate, stoviglie e quant’altro ben pulite. Ovvero che non lavi più in modo efficace, come aveva fatto fino al precedente lavaggio.
 
 
 
 
 
 
 

 
Linea
 
lineaPrivacy Policy lineaCookie Policy lineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea