Cambiare la candela della stufa alogena rotta.

La stufa alogena è dotata di tre candele per il riscaldamento, che nel corso del tempo sono soggette ad usura e pertanto tendono a fulminarsi. Ognuna delle candele a seconda del modello ha una potenza di 400 watt o di 450 watt, e possono essere accese insieme o singolarmente.

Nel momento in cui una candela si fulmina, ovviamente non si accende più, quindi la stufa rimane funzionante con le candele ancora buone, perdente parte della sua potenza di riscaldamento.

Si vedono molte volte quindi delle stufe rimaste con una sola potenza, che vengono ancora utilizzate fino a quando l’ultima candela finisce di funzionare, per poi magari acquistare una stufa alogena nuova.

Questo molte volte avviene in quanto il costo della stufa è contenuto e se ci si orienta su un modello economico o in promozione, può costare quanto tre candele o poco più. Si preferisce quindi sostituire anziché riparare, anche perché se non si è dotati di manualità e bisogna aggiungere il costo della riparazione, si può superare il costo di una stufa nuova.

Tuttavia riteniamo che recuperare sia meglio e, se poi, il modello di stufa non è di quelle economiche, magari l’abbiamo pagata una ventina di euro, e abbiamo un minimo di manualità, possiamo senza rivolgerci ad un tecnico sostituire le candele alogene e riportare la stufa nella sua piena efficienza.

Per prima cosa dobbiamo smontare le vecchie candele, quindi dopo aver staccato la spina elettrica, iniziamo a smontare le viti che si trovano dietro la stufa nella parte alta in corrispondenza del cruscotto. Dovremmo già riuscire solo con queste a sganciarlo, se necessario svitiamo le altre viti che lo bloccano.

Ora la griglia in metallo che sta sul davanti è libera dalla parte superiore, in quanto precedentemente era infilata all’interno del cruscotto, l’afferriamo da un lato e la tiriamo leggermente verso quello opposto in modo da farla uscire dagli innesti laterali; successivamente la sfiliamo anche dagli innesti dell’altro lato.

Ora dobbiamo togliere la retina in allumino, che si trova davanti alle candele. Notiamo che è bloccata da alcune lamelle che dobbiamo alzare verso l’esterno, in modo da liberala e poterla estrarre. Lo facciamo molto delicatamente in quanto è delicata e potremmo danneggiarla.

A questo punto abbiamo accesso alle candele, che sono fissate ad incastro. Per estrarla l’afferriamo da una estremità e la tiriamo verso l’altra, c’è un sistema a molla che la fa rientrare leggermente e ne consente la fuoriuscita dall’innesto. La estraiamo anche dall’altro lato. Faremo lo stesso con tutte le altre candele danneggiate.

Per sapere che sono rotte, oltre ad averle segnate in precedenza, nel momento in cui le estraiamo possiamo notare in trasparenza, che i filamenti che ci sono all’interno sono a pezzettini, quindi scuotendola li sentiremo muoversi.

Le candele alogene o resistenze, hanno differenti misure, quindi nell’acquistare il ricambio sostitutivo, è necessario prendere la misura, in quanto acquistandolo on line o se non ce l’abbiamo dietro quando siamo in un negozio fisico, non potremo concludere l’acquisto. Difatti ci sono candela da 20 cm, 22 cm, 24 cm, 25 cm ed altre che montano su diversi modelli di stufa.

Il costo di una candela si aggira tra 2,00 e 2,50 euro. Si possono trovare confezioni da tre pezzi fino ad € 9,99. Ad ogni modo si possono trovare prezzi differenti, che in alcuni casi possono essere, in caso di spedizione, non convenienti. In altri invece sono convenienti. In definitiva crediamo che sostituire per riparare spendendo 4 o 5 ero sia meglio che acquistare una nuova stufa.

Ultima pubblicazione: 14/11/2019
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

Icona regione.
Rossella da Padova giorno 27/12/2019
Grazie mille per le informazioni, molto utili. Purtroppo però le candele alogene nei negozi non le trovo. Vorrei acquistarle online ma ho un dubbio riguardo a come prendere la misura. Si considera solo la lunghezza del tubo o si devono includere anche gli attacchi?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Ciao Rossella, la misura si intende da estremo ad estremo, quindi sono compresi anche gli attacchi.
Icona regione.
Ilaria da Novara giorno 20/11/2019
La mia stufa alogena a cui si è rotta una candela ha una potenza di 1600 e non ha tre candele ma quattro. Ci sono candele che possono essere più potenti, mi hanno parlato di 450 watt, come faccio a capire di che potenza è la mia, quale devo acquistare?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Puoi acquistare un modello da 400 watt. La tua stufa essendo di 1600 watt ed avendo quattro candele, ognuna è di 400 watt.
 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Immagine rappresentativa articolo.
A volte capita, è una condizione che si ripete spesso, di riportare il termoventilatore appena comprato in negozio, denunciando il difetto di non funzionamento. In realtà, nella quasi totalità dei casi, è perfettamente funzionante, deve solo essere impostato il timer in modo corretto.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Con l’arrivo della stagione fredda negli ambienti non dotati di un riscaldamento principale nasce la necessità di acquistare una stufa per riscaldarli, questo potrebbe avvenire ugualmente anche se dotati di riscaldamento principale, qualora non si voglia impiegarli o nel caso in cui possono risultare eccessivi, ad esempio nella mezza stagione, quando il freddo non è così intenso. Anche la necessità di riscaldare una singola stanza può indurre verso tale direzione.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Ogni anno quando arriva la stagione fredda per riscaldarsi si va alla ricerca della stufa elettrica migliore per creare quelle condizioni di calore che ci consentono di vivere,  in modo confortevole, in un ambiente. L'autunno e l'inverno che siamo in procinti di affrontare (2022 - 2023) oltre al freddo porta con se il problema che oramai a toccato le tasche di tutto il popolo italiano: il costo dell'energia!
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Uno dei difetti che più comunemente si manifesta nel convettore e nel termoconvettore elettrico, è quello relativo al mancato riscaldamento, totale o parziale. Nella gestione della potenza (750/1250/2000 watt) dispone di due pulsanti, che consentono di regolarla ad un livello minimo, uno medio ed uno massimo, rispettivamente premendone uno, l’altro o entrambi contemporaneamente.
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
Tra i tanti prodotti per il riscaldamento domestico secondario rientra il tradizionale termosifone ad olio, aspetta! Ad olio non significa che lo utilizza come combustibile per produrre calore: è solo un elemento necessario al suo funzionamento! I radiatori ad olio funzionano con la corrente elettrica difatti vengono classificati con il nome di "termosifoni elettrici". Di tale termine sono sinonimi: radiatore e calorifero.  Quando ci si riferisce al termosifone si intende il termosifone portatile o i termosifoni a parete alimentati elettricamente con al loro interno l'olio o un liquido equivalente (olio minerale).
 
 
Immagine rappresentativa articolo.
La stufa alogena è dotata di tre candele per il riscaldamento, che nel corso del tempo sono soggette ad usura e pertanto tendono a fulminarsi. Ognuna delle candele a seconda del modello ha una potenza di 400 watt o di 450 watt, e possono essere accese insieme o singolarmente.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea