Quanti tipi di termoventilatore ci sono e quale scegliere in base al locale da riscaldare

termoventilatore cosa significa
Per il riscaldamento di piccoli ambienti e per il bagno, il termoventilatore, conosciuto un tempo ma anche ora come caldo bagno, è la stufa elettrica più indicata. Ma quanto sappiamo di questo prodotto? Come si presenta un termoventilatore? Quanto consuma e quanto riscalda? Tra il modello classico e quello ceramico quale è meglio? Scopriamo tutti i dettagli!

Cosa trovi in questo articolo:

Che cosa è il termoventilatore

Come si presenta un termoventilatore elettrico

Come funziona un termoventilatore elettrico

Cosa significa termoventilatore ceramico

Come funziona il termoventilatore ceramico

Cosa è un termoventilatore da parete

Scelta termoventilatore per tipologia

Quanto riscalda un termoventilatore

Quando consuma il termoventilatore

Domande poste dai consumatori

Commenti per chiedere informazioni



Che cosa è il termoventilatore

Spesso confuso con il termoconvettore o la stufa elettrica in senso generale, il termoventilatore, conosciuto notoriamente come scaldino elettrico per il bagno, è un apparecchio che impiega una resistenza elettrica a filamento e una ventola per diffondere aria calda. In versioni più recenti il riscaldamento si ottiene con una resistenza ceramica.

Un termoventilatore è un apparecchio elettrico che serve a riscaldare l'aria in ambienti chiusi. Può essere usato sia in casa che negozi o uffici. Funziona sia come ventilatore che come riscaldatore, poiché ha due funzioni separate: aspira l'aria fredda dall'esterno e la riscalda prima di mandarla all'interno della stanza, oppure fornisce aria a temperatura ambiente direttamente nella stanza. Un termoventilatore può essere impostato in modo da regolare la potenza di riscaldamento e l'intensità dell'aria. Inoltre, nella maggior parte dei modelli è incorporato un termostato per controllare automaticamente la temperatura. Il vantaggio principale di questi dispositivi è che possono essere usati efficientemente in spazi piccoli o di media dimensione.

Come si presenta un termoventilatore

Il termoventilatore può assumere una forma a sfera, cubica, cilindrica con proporzioni differenti tra i vari modelli, ma sempre di dimensioni contenute, tali da poterne consentire la presa e lo spostamento da un ambiente ad un altro. Il termoventilatore può essere di tipo meccanico o gestito tramite un quadro comando elettronico. In ogni caso sul cruscotto di programmazione sono disposti i pulsanti o manopole per gestirne il funzionamento. Un termoventilatore completo possiede il comando per la regolazione della potenza di riscaldamento, la gestione della velocità di ventilazione, un termostato ambiente ed infine un timer per la programmazione. In alcuni modelli può essere assente il termostato ambiente ed il timer.

Come funziona un termoventilatore elettrico

Un termoventilatore elettrico è un dispositivo che riscalda l'aria circostante con l'aiuto di una resistenza elettrica che, quando alimentata con corrente, si riscalda. Quando l'aria entra a contatto con la resistenza, viene riscaldata e poi espulsa nell'ambiente circostante. Questi apparecchi sono progettati per emanare calore immediatamente e sono molto efficienti anche se non offrono le stesse prestazioni delle tradizionali stufe a gas o stufe a combustibile solido. Un termoventilatore elettrico è indicato per piccoli ambienti dove si necessità di calore immediato e di norma non per un tempo troppo lungo.

Nell'impiego pratico, una volta acceso, dai tasti, si deve impostare la potenza, che equivale anche all’assorbimento elettrico, regolabile su tre livelli: 750 watt, 1250 watt oppure 2000 watt. I 2000 watt corrispondono alla potenza massima che in alcuni modelli può anche raggiungere i 2400 watt o i 2600 watt. Ad ogni modo la potenza massima standard è quella dei 2000 watt. In alcuni modelli non è presente il selettore di potenza ma c'è solo il termostato ambiente, che una volta portato in posizione di on, ruotato su una posizione qualsiasi verso destra, attiva il termoventilatore alla sua potenza massima. Questo significa che non si dispone dell'opzione di regolazione del livello di potenza, che sarà sempre al massimo! Questa è una prima differenza che bisogna tenere in considerazione quando si deve scegliere quale acquistare. Altri modelli invece sono dotati del solo selettore di potenza e sono privi di termostato ambiente. L’emanazione di calore è continua anche dopo il raggiungimento di una ipotetica temperatura favorevole, possiamo solo decidere di diminuire l’intensità del calore o spegnerlo. Nel caso in cui viene lasciato continuamente acceso si spegne automaticamente da solo nel momento in cui si verifica un surriscaldamento eccessivo dell'apparecchio.

Un termoventilatore elettrico, completo, dispone di regolazione di potenza e di un meccanismo di controllo della temperatura incorporato. Il termostato nei modelli in cui è presente consente di impostare una temperatura ambiente desiderata ed una volta raggiunta fa staccare il riscaldamento. Il termostato può essere di tipo manuale o elettronico, quest'ultimo attraverso dei pulsanti ed un display sul quadro comandi, permette di impostare esattamente la temperatura desiderata, mentre nei modelli meccanici, il termostato viene gestito tramite una manopola che ruota da un punto minimo ad uno massimo ed a seconda della posizione assunta corrisponde ad una temperatura ambiente, non indicata in modo esatto. Sulla posizione di minimo il termostato è spento ed il termoventilatore non funziona, mentre negli altri punti è in funzione. Ora a seconda che il modello sia meccanico o con gestione elettronica può funzionare in modo leggermente diverso. In quello meccanico, impostata una potenza e regolato il termostato, il termoventilatore manda calore continuamente fino a quando il termostato non raggiunge la temperatura selezionata. Attenzione, si potrebbe staccare anche prima, per surriscaldamento dell'apparecchio, se la potenza impostata è minima (750w) e non sufficiente a raggiungere la temperatura ambiente. Nel caso di una gestione elettronica, l'impostazione dei gradi desiderati sul termostato, attiva automaticamente la potenza necessaria al suo raggiungimento. Durante tutto il tempo che rimane acceso si verifica una regolazione automaticamente della potenza della resistenza, utile per raggiungere e mantenere la temperatura impostata.

Nei modelli dotati di timer si possono impostare dei tempi precisi per l'accensione e lo spegnimento del dispositivo. Alcuni modelli hanno anche sensori di movimento o di presenza, in modo da accendersi solo quando qualcuno entra nella stanza in cui è installato. Il timer può essere di tipo meccanico o elettronico. Tra i due ci può essere una differenza importante. Il timer meccanico del termoventilatore permette di impostare certamente più fasi di accensione e spegnimento, mentre quello elettronico può essere di sola accensione o solo spegnimento o accensione e spegnimento in un solo arco orario. Insomma in quest'ultimo caso è necessario approfondirne il funzionamento nello specifico del modello di termoventilatore oggetto di interesse.

Cosa significa termoventilatore ceramico

Un termoventilatore ceramico è un dispositivo che si basa sulla tecnologia della resistenza elettrica all'interno di un elemento in ceramica. Mentre in quello classico la resistenza a filamento è libera, in quello ceramico è immersa al suo interno, ed una volta che viene alimentata elettricamente nel diventare incandescente riscalda tutta la ceramica che l'avvolge e da questa viene diffusa in tutta la stanza sia direttamente che grazie alla ventilazione.

I termoventilatori ceramici sono più efficienti rispetto a quelli classici poiché hanno una maggiore forza di riscaldamento. Il calore prodotto si diffonde direttamente nell'ambiente e non hanno bisogno di combustibili o energia per funzionare. Il termine ceramico non deve indurre a pensare che ci sia bisogno per il loro impiego di null'altro che non sia l'alimentazione elettrica, inoltre, sono spesso più silenziosi. Il rumore è minimo, rendendo il termoventilatore discreto e confortevole da usare in qualsiasi ambiente chiuso e come quelli classici non necessitano di opere di installazione.

Come funziona il termoventilatore ceramico

Il funzionamento del termoventilatore ceramico è identico a quello classico, l'unica differenza consiste nel modo in cui viene prodotto il calore, ovvero trasferendo il calore attraverso la ceramica. Un termoventilatore ceramico può essere installato in aree con limitato spazio e possono essere posizionati vicino a pareti ed elettrodomestici senza surriscaldarli.

Cosa è un termoventilatore da parete

Un termoventilatore da parete è un dispositivo di riscaldamento che viene fissato a un muro per fornire calore in una stanza. Il modello da parete può assumere una forma diversa, spesso come uno split di un condizionatore, ma più piccolo, oppure può semplicemente essere lo stesso modello predisposto con dei punti di fissaggio per essere appeso sulla parete. Un termoventilatore da parete necessita della presenza della presa elettrica nelle su vicinanze. Offre un riscaldamento istantaneo in qualsiasi ambiente ed è spesso usato per scaldare locali come cucine, bagni e camere da letto in luoghi in cui non è possibile installare impianti di riscaldamento centralizzati. Inoltre, i termoventilatori da parete sono dotati di termostati regolabili che consentono di controllare la temperatura della stanza. I modelli moderni hanno anche filtri d'aria incorporati che aiutano a rimuovere eventuali allergeni presenti nell'aria.

Scelta del termoventilatore per tipologia

Quando si tratta di ambienti più piccoli come camere da letto, cucine e bagni, il termoventilatore a convezione (quelli visto fino ad ora) sono la scelta migliore. Questo apparecchio funziona facendo entrare aria fredda all'interno del dispositivo e poi riscaldandola con il calore generato dalla resistenza elettrica situata all'interno dello stesso ventilatore. L'aria riscaldata viene quindi immessa nella stanza e la temperatura ambiente aumenterà gradualmente man mano che la resistenza genera calore.

Scegliere il termoventilatore più adatto al locale da riscaldare dipende dalle proprie esigenze e dalla grandezza dello spazio da riscaldare. Quale termoventilatore scegliere? La scelta dipende dalle esigenze, ma ci sono alcune considerazioni da fare prima di acquistarne uno. Innanzitutto, è importante tenere presente il tipo di ambiente in cui si desidera installare il termoventilatore. Se si tratta di una stanza grande o poco riscaldata, è necessario optare per un modello più potente che possa raggiungere temperature più alte velocemente. In questo caso è necessario orientarsi su un modello con una potenza di 2400 watt o 2600 watt. Inoltre, è importante considerare la frequenza con cui verrà utilizzato il termoventilatore. Se lo si userà spesso, meglio optare per un modello dotato di programmazione giornaliera o settimanale in modo da ottimizzare in modo automatico le accensioni e gli spegnimenti da farli coincidere con i momenti in cui l'ambiente viene vissuto quotidianamente, questo consente anche di risparmiare energia.

Se si tratta di un piccolo studio ci si può orientare verso un modello da 2000 watt oppure da 1500 watt. La versione ceramica ricordiamo essere più efficiente ma spesso i prezzi sono più alti. Se nello studio si passa molto tempo vicino la scrivania può essere impiegata una potenza più bassa per ridurre i consumi ed anche la scelta può protendere verso un modello basico. Ad esempio possono essere esclusi i modelli con lo ionizzatore d’aria, in grado di emanare ioni nell'ambiente e rendere l'aria più pura combattendo eventuali cariche elettrostatiche o modelli che identificano la posizione di chi si trova nella stanza.

Se deve essere impiegato nel bagno o in un ambiente particolarmente umido è necessario che sia dotato di una protezione contro schizzi d’acqua ed il vapore. Il termoventilatore dovrà essere conforme alla protezione ISP2. Inoltre è preferibile acquistare un modello dotato di Electro Block, un sistema di sicurezza elettrico che assicura la protezione in caso di caduta dentro l’acqua.

Quanto riscalda un termoventilatore

Un termoventilatore riscalda mediamente un volume di 60 metri cubi quando la potenza massima è di 2000 watt, mentre può raggiugere i 72 metri cubi con i modelli da 24000 o 2600 watt e scendere a 45 metri cubi nei modelli da 1500 watt. La capacità di riscaldamento è tuttavia da intendersi orientativa in quanto subordinata alla condizioni specifiche dell'ambiente dove messo in funzione. Fattori quali l'isolamento e la temperatura incidono direttamente sul volume riscaldato. Quando viene impiegato in un ambiente ben isolato anche se molto freddo, tale condizione non diventa più un limite in quanto essendo la cessione di calore con l'esterno minima, il calore prodotto non viene disperso ma accumulandosi nell'ambiente lo riscalda senza problemi. Al contrario in ambienti non isolati la cessione di calore verso l'esterno è continua ed il termoventilatore potrebbe non riuscire a riscaldare a sufficienza l'ambiente. In una condizione di normalità il volume riscaldato è quello indicato nella tabella, diviso per potenza selezionata.

Kw m3
2,4 72
2 60
1,5 45
1,25 37,5
1 30
0,75 22,5
Kw - potenza espressa im Kilowatt
m3 - volume riscaldato

Quando consuma il termoventilatore

Abituati a valutare un apparecchio elettrico in base alla propria classe di consumo, quando ci si approccia alla scelta di un termoventilatore ci si accorge che non ci sono termoventilatori in classe A+++ o appartenenti ad altre classi. Si tratta di un settore non normato dove non ci sono classi ufficialmente stabilite dalla legge. Per stabilire il consumo pertanto è necessario fare riferimento all'assorbimento elettrico in watt, che indica quanto assorbe e con il quale possiamo stabilire quanto consuma nel momento in cui è acceso. Per acceso si intende che la resistenza elettrica è attiva e pertanto viene ravvisata la propagazione di calore dal termoventilatore. Quando la luce rossa che segnala che è alimentato è accesa ma il termostato ha staccato la resistenza, il calore non esce ed il consumo è irrisorio.

Sostanzialmente quando il termoventilatore è acceso sulla potenza di 2000 watt significa che nell'arco di un'ora dovrebbe assorbire 2 Kwh. Il condizionale sta ad indicare che tale è il consumo se la resistenza rimane attiva per 60 minuti filati, ma questo non avviene sempre, considerando che il termostato, raggiunta la temperatura, interrompe l'attività della resistenza. Dunque quanto consuma un termoventilatore in un'ora? Per poter calcolare il consumo preciso dovremmo conteggiare il tempo che la resistenza rimane attiva in un'ora e sviluppare il calcolo in base a tale tempo o in alternativa possiamo calcolare è il consumo massimo raggiungibile in caso di attività continua e comunque oltre il quale non si può andare. Nella tabella, considerato il costo del kwh di 0,30 centesimi, riportiamo il consumo massimo orario.

Consumo termoventilatore
Potenza kwh
2000 2 0,6
1250 1,25 0,375

750

0,75 0,225
 

Calcolo consumo termoventilatore in euro

 
 
 
 
Consumo termoventilatore con assorbimento watt continuo
 
Consumo termoventilatore con assorbimento watt tempo reale
 
 
 
Ultima pubblicazione: 12/01/2023
 
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su RedditCondividi su WhathsappCondividi tramite email

Simbolo regione della città di La Spezia
Fede da La Spezia giorno 24/12/2012
Salve vorrei comprare un termoventilatore ceramico o normale, devo riscaldare per una mezz'oretta o un'ora il bagno o la stanza ; magari giusto prima di alzarmi per trovare l'ambiente più caldo, qual'é il migliore? Sarei orientato su questi modelli: De Longhi HVF3552TB o De Longhi TCH7091ER, è consigliabile la funzione eco?
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buongiorno Fede, iniziamo con le caratteristiche basilari dei due prodotti e poi procediamo ad un confronto. Il modello HVF3552TB, ha una potenza complessiva di 2400 watt, regolabile su tre livelli 900/1500/2400 watt, termostato ambiente, timer di accensione e spegnimento su più archi orari. Il modello TCH7091ER, ha una potenza complessiva di 2000 watt regolabile su due livelli 1100/2000 watt, termostato ambiente e timer digitale. Chiaramente il primo ha la resistenza classica, mentre il secondo in ceramica. La ceramica è superiore in quanto mantiene e distribuisce più omogeneamente il calore. La funzione eco, fa risparmiare, anche se in realtà non si capisce quanto ed a quali condizioni. Se intendi utilizzare il prodotto per la mezz’oretta la mattina mi orienterei sul primo modello, in quanto ottieni il risultato voluto con una spesa più contenuta, l’impostazione dei livelli ti permetterà di utilizzarlo ad una posizione intermedia così da avere un consumo più contenuto, anche se per la mezz’ora non è che poi sia esagerato. Se invece intendi utilizzarlo al di la della mezz’ora, intendo più ore al giorno allora ti consiglio il ceramico, che anche se di potenza inferiore ha una resa proporzionalmente maggiore. In questo caso la funzione eco, magari è sfruttabile.
Simbolo regione della città di Sassari
Dylis da Sassari giorno 10/12/2012
Salve! Avendo necessità di riscaldare un'unica stanza di 25 mq (circa 80 mc, causa soffitto a 3 metri e poco più) per 5 o 6 ore al giorno, stavo pensando di acquistare un termoventilatore ceramico di questo tipo: De'Longhi DCH5091ER termoventilatore ceramico oppure
De'Longhi DCH4590ER termoventilatore ceramico o
De'Longhi TCH7091ER
Ma ora ho il dubbio che consumino tanto e non siano adatti allo scopo, avete consigli da darmi?
Grazie, e buona giornata.
 
Icona elettro-domestici.com
 
Buonasera Dylis,
piccolo riepilogo sui tre prodotti indicati: 
DCH5091ER 1100/2000 watt metri cubi 65; 
DCH4590ER 1100/1800 watt metri cubi 55; 
TCH7091ER 1100/2000 watt metri cubi 65. 
Escludiamo per primo il DCH4590ER, in quanto è il meno potente, rimangono gli altri due che comunque non sono portati per una superficie come la tua, ma fino a 65 metri cubi. Considerando che il dato della superficie è orientativo ed in condizioni ottimali può riscaldare un ambiente più grande di quello dichiarato, facciamo gli ottimisti giusto per fare un veloce calcolo del consumo dell’apparecchio per le ore che intendi usarlo. Potenza da impiegare è la massima quindi 2000 watt, che per sei ore al giorno corrispondono a 12 kwh che moltiplicati per 0,25 € otteniamo un consumo di 3,00 euro. Considera però che siamo stati ottimisti dal punta di vista del risultato. Ora ipotizzo che lo userai almeno per un mese e quindi 3*30= 90 euro. Comprati una stufa a gas.

Grazie per il consiglio! Penso che lo seguirò...
Ieri ho letto anche questo vostro interessante articolo sul confronto dei consumi dei diversi sistemi di riscaldamento
http://www.elettro-domestici.com/articoli-elettrodomestici.asp?id=136
e mi è venuto il magone, perché qui in Sardegna le bombole del gas da 15kg costano 38 € non 22 € AhAhAh!
Grazie ancora! Buona giornata!

Dylis da quando ho scritto l'articolo anche nella mia zona sono aumentate, ora costano 27 euro.

 
 

Non hai trovato cosa cercavi? Suggerisci, commenta o aggiungi qualcosa: compila il modulo.

 
supporto
Ho letto ed accetto la privacy policy
 
 
Articoli correlati:
 
Scaldabagno pompa di calore verso tradizionale.
Come funziona, quali sono i vantaggi ed a quanto corrisponde il risparmio energetico in termini economici.
 
 
Termoventilatore per quale ambiente va bene: consumi e tipi
Cosa è un termoventilatore e la differenza tra quello classico ed il ceramico. Come funziona un termoventilatore, quanto riscalda e quali i consumi
 
 
Termoconvettore elettrico non riscalda.
Le cause più comuni del mancato riscaldamento del termoconvettore elettrico.
 
 
Termosifoni elettrici ad olio: funzionamento e consumi euro
Termosifoni elettrici quando bisogna preferirli ad altre stufe, quanto riscaldano, come usarli al meglio, quanto consumano in watt ed euro in bolletta.
 
 
Sostituzione candela stufa alogena.
Come sostituire la candela della stufa alogena, scelta ricambio [video].
 
 
Consumo scaldabagno elettrico: funzionamento e risparmio
Quanto consuma uno scaldabagno elettrico, come sceglierlo in base alle persone e quali sono gli accorgimenti da impiegare per ridurre il consumo elettrico.
 

Linea
lineaPrivacy PolicylineaCookie PolicylineaDisclaimerlineacanale you tubelineaFan Page FacebooklineaCopiright.linea
Linea